Sky Cinema Cult celebra i 90 anni della nascita del “Che”

Inserire immagine

Giovedì 14 giugno ricorrono i 90 anni dalla nascita di Ernesto “Che” Guevara. Per l’occasione, in concomitanza con BiografiCult , Sky Cinema Cult propone un percorso cinematografico che copre in ordine cronologico le tappe della sua vita con tre pellicole. I DIARI DELLA MOTOCICLETTA ,  CHE - L'ARGENTINO e CHE – GUERRIGLIA

90 anni fa nasceva il “Che”, esattamente il 14 giugno del 1928 a Rosario in Argentina. Verrà ucciso il 9 ottobre del 1967 dall’esercito boliviano e grazie soprattutto all’aiuto degli della Cia americana.

Un’esistenza, quella di Guevara, vissuta e morta per il bene della rivoluzione non solo cubana ma per l’intero continente sud-americano. Ma il tempo ha trasformato anche il rivoluzionario argentino. La sua figura è diventata, nel bene o nel male, qualcosa di diverso: per molti modello da seguire, per altri la rappresentazione di un velleitarismo senza sbocco politico. Di sicuro il suo viso è diventato un'icona del '900: la sua celeberrima immagine ripresa dal fotografo cubano Alberto Korda, il suo sguardo profondo con l'immancabile sigaro cubano tra le labbra, non possono suscitare semplice indifferenza.

Il cinema non poteva esimersi dal rappresentare un personaggio storico di questo calibro, ma è stato necessario che passassero alcuni decenni dalla morte prima che i cineasti si decidessero ad affrontare una tematica così scottante e che rappresenta una pagina non molto onorevole per gli Stati Uniti.

Per l’occasione, in concomitanza con BiografiCult, Sky Cinema Cult propone un percorso cinematografico che copre in ordine cronologico le tappe della sua vita con tre pellicole. L’omaggio inizia alle 16.40 con I DIARI DELLA MOTOCICLETTA, il ritratto giovanile del Che, interpretato da Gael García Bernal, che dopo la laurea in medicina partì per un avventuroso viaggio nel cuore dell'America Latina. Dal preserale invece vanno in onda i due film firmati Steven Soderbergh - CHE - L'ARGENTINO e CHE – GUERRIGLIA - in cui Benicio del Toro, miglior attore a Cannes, dà vita al rivoluzionario da quando nel 1956 si unì a Fidel Castro per rovesciare il regime del dittatore Fulgencio Batista a Cuba, fino al tragico epilogo quando venne arrestato e ucciso in Bolivia.