Emanuela Fanelli ospite a Stories. VIDEO

Spettacolo

L’attrice, che vedremo dal 20 gennaio nella nuova serie Sky Original "Call My Agent", si racconta al vicedirettore Omar Schillaci nella nuova puntata del ciclo di interviste dedicate ai protagonisti dello spettacolo. Ironia e divertimento nell’ imprevedibile chiacchierata che ripercorre alcune delle tappe della sua vita e carriera

Iscriviti alla nostra newsletter per restare aggiornato sulle notizie di spettacolo

È Emanuela Fanelli la protagonista della nuova puntata di “Stories”, il ciclo di interviste ai principali interpreti dello spettacolo di Sky TG24. Ospite del vicedirettore della testata Omar Schillaci, con la regia di Francesco Venuto, l’attrice si racconta in “Emanuela Fanelli – E se piace a me, buona risata a tutti”, in onda lunedì 16 gennaio alle 21 su Sky TG24 e sempre disponibile On Demand.  

 C’è lei tra i protagonisti della nuova serie CALL MY AGENT - ITALIA, attesissimo remake del cult francese Dix pour cent (Call My Agent!) dal 20 gennaio in esclusiva su Sky e in streaming solo su NOW che racconta le vicissitudini di una potente agenzia di spettacolo e le storie dei suoi soci, alle prese con le carriere delle più grandi star del cinema italiano. Una serie Sky Original in sei episodi prodotta da Sky Studios e Palomar e scritta da Lisa Nur Sultan (Sulla mia pelle7 donne e un misteroStudio Battaglia), per la regia di Luca Ribuoli (Speravo de morì primaLa mafia uccide solo d’estateNoi). Tantissime le guest star: Paola CortellesiPaolo Sorrentino, Pierfrancesco Favino e Anna Ferzetti, Matilda De AngelisStefano Accorsi e Corrado GuzzantiEmanuela Fanelli vestirà i panni di Luana Pericoli, un personaggio non presente nella serie francese “che la sceneggiatrice ha pensato per mel’abbiamo costruito insieme - ha detto l’attrice -. Mi sono molto divertita ad interpretarla. È un'attrice un po’ mitomane che non lavora tanto, ma millanta amicizie con quelli famosi. Avrà però una svolta nella carriera inaspettata”.   

Francesca Fanelli

approfondimento

Antonio Albanese ospite a "Stories". VIDEO

Ironia e divertimento nell’ imprevedibile chiacchierata che ripercorre alcune delle tappe della sua vita e carriera. Ma dove nasce il personaggio Emanuela Fanelli e cos’è per lei la comicità? “La comicità per me - spiega - è la sorpresa. Io rido e ho sempre riso dell’inaspettato. Cerco sempre di fare qualcosa che faccia ridere me per prima”. Una comicità che affonda le radici nella sua infanzia, quando, piccolissima, si divertiva con la nonna materna a fare scherzi telefonici (“Forse non era troppo educativa ma era troppo simpatica. Io tornavo dall'asilo da lei, mi faceva fare gli scherzi al telefono, dicendo le parolacce alla gente. Apriva l'elenco, chiamavamo una signora a caso e mi faceva dire cose sconce in calabrese e quindi io ero felicissima perché a quattro anni dicevo le parolacce. Con nonna potevo”). Poi, la scuola, il teatro, la sua più grande passione, dove inizia a farsi notare e quel provino per “Non essere cattivo” di Claudio Caligari che l’ha portata sul grande schermo per la prima volta. Da lì una carriera tra cinema e TV che l’ha vista collaborare, tra gli altri, con Corrado Guzzanti nella serie “Dov’è Mario?” e con Paolo Virzì in “Siccità” (“Era proprio uno dei miei sogni lavorare con Virzì, gran maestro del cinema italiano. La cosa di lui che mi piace tantissimo da sua ammiratrice è come descrive i personaggi, soprattutto quelli femminili”). Per arrivare fin qui però, una lunga gavetta in cui ha alternato la carriera teatrale ai lavori più disparati (“Ho fatto la cameriera, ho lavorato in un call center (…) cercavano una maestra in una scuola e sono andata. Ho lavorato per 10 anni con i bambini e intanto facevo anche l’attrice la sera a teatro con i miei spettacoli. Non era la passione della vita, ma è il lavoro più bello che ho fatto, mi divertivo e ho imparato tante cose”). Infine, il sodalizio artistico con Valerio Lundini (“Io e Valerio ci conosciamo dalla radio, da “610” di Lillo e Greg. Lui faceva l'autore, io recitavo nel programma e poi ho iniziato ad andare a vedere i suoi spettacoli. Lo stimo veramente moltissimo artisticamente. Quando ho iniziato ‘Una pezza di Lundini’ il mio obiettivo era non rovinargli il programma”) senza mai dimenticare il segreto della sua “onesta” comicità (“Ogni tanto con Valerio ci guardavamo e dicevamo ‘ma ti pare che sulla RAI mandano in onda questa cosa?’ Ci dicevamo ‘facciamo quello che fa ridere noi’”).  

  

Durante la messa in onda dell’intervista comparirà un QR Code che permetterà, inquadrandolo con la telecamera del proprio smartphone, di accedere a una serie di contenuti speciali dedicati all'artista, disponibili sul sito skytg24.it. Tutte le interviste di “Stories” sono anche proposte tra i podcast di Sky TG24, sul sito skytg24.it e sulle principali piattaforme di podcasting.           

  

STORIES: “EMANUELA FANELLI - E SE PIACE A ME, BUONA RISATA A TUTTI” IN ONDA LUNEDI 16 GENNAIO ALLE 21.00 SU SKY TG24 (CANALI 100 E 500 DI SKY E CANALE 50 DEL DTT) E DISPONIBILE ON DEMAND E SU SKYTG24.IT.     

Spettacolo: Per te