Linda Evangelista oggi, il ritorno sulla cover di People: "Non voglio più nascondermi"

Spettacolo

Camilla Sernagiotto

L'ex top model, che cinque mesi fa aveva denunciato il fatto di essere rimasta sfigurata a causa di un trattamento estetico di criolipolisi andato male, ha deciso di farsi vedere da tutti quanti. Ha accettato di essere immortalata sulla copertina del celebre magazine statunitense, concedendogli in esclusiva le sue foto e il racconto di quello che lei definisce come un "incubo". Spera di essere d'aiuto a chi, come lei, si trova in una situazione simile

Linda Evangelista ha deciso di smettere di nascondersi, tornando a farsi vedere in maniera a dir poco plateale: l'ex top model che era sparita dalla circolazione e che alcuni mesi fa aveva spiegato il motivo di quella scomparsa, rivelando di essere rimasta sfigurata a causa di un trattamento estetico di criolipolisi andato male, ha accettato di mostrarsi sulla copertina di People.

Dopo cinque anni in cui è stata completamente assente dalla vita pubblica, dai red carpet e anche dall’avvistamento di qualsiasi paparazzo (che cercava di evitare sistematicamente, aiutata anche dal fatto che molti non la riconoscevano per strada), Linda Evangelista ora ha scelto di dare un messaggio forte e chiaro a tutte le donne e a tutti gli uomini, a tutte le persone di qualunque genere, sesso o fluidità di genere: non nascondetevi anche se qualcosa di voi non dovesse piacervi o non dovesse più piacervi. Nascondersi non è mai la soluzione, anzi: nascondersi è l'origine di qualunque problema.


Dopo un quinquennio in cui l'ex modella era sparita, adesso è tornata per raccontare quello che ha definito senza mezzi termini come un vero e proprio "incubo".
La potenza di questo suo gesto e del messaggio che esce dalla potente copertina di People così come dalle sue parole, altrettanto potenti, dell'intervista in cui si confessa è un messaggio di solidarietà che arriva alle orecchie e ai cuori di tutte le persone che condividono lo stesso enorme disagio di Linda Evangelista.

Uno dei motivi per cui ha scelto di venire fuori dall'ombra e ritornare sotto i riflettori è proprio quello dell'aiuto che il suo gesto potrebbe portare ad altri, a coloro che come lei hanno affrontato, stanno affrontando o dovranno in futuro affrontare situazioni come la sua. "Non mi riconosco più fisicamente, ma non mi riconosco più nemmeno come persona. Lei è come se fosse scomparsa”. Con quel lei, si riferisce a Linda Evangelista. Ma quel lei è lo stesso lei o lui che sono scomparsi per chi si guarda allo specchio e non riconosce più la propria immagine dopo interventi di chirurgia estetica, dopo essere stati sfigurati con l'acido, a causa di cicatrici, a seguito di ustioni gravi e anche per colpa di un'acne profonda e persistente.

Un messaggio di body positivity

approfondimento

Linda Evangelista sulla criolipolisi: “Sono stata sfigurata". Il post

Il messaggio di Linda Evangelista è quindi un messaggio di body positivity e di accettazione chi arriva in una maniera ancora più potente rispetto al solito: l'ex modella non impartisce lezioni di body positivity dall'alto del piedistallo della consapevolezza ma, anzi, si mette alla stessa altezza di tutti quelli che ancora brancolano nel buio e stanno cercando disperatamente di accettarsi.

Le sue parole non dicono che finalmente si è accettata e ha imparato a convivere con la nuova Linda, tutt'altro.

La potenza del suo messaggio è che è davvero un messaggio di solidarietà ed empatia totale, poiché tutte le persone che si trovano nella sua stessa tragica condizione di certo troveranno conforto a sapere che non sono sole. E troveranno non la solita celebrità che dice che lei finalmente è riuscita ad accettarsi ed esorta tutti quanti a fare come lei, con il risultato - a volte assai controproducente - di far sentire le persone ancora più inadeguate e disagiate perché loro invece quella saggezza dell'accettarsi non riescono proprio a trovarla.

Linda Evangelista diventa oggi la portavoce di un nuovo tipo di body positivity: non mi piaccio, non mi accetto e per ora non riesco a farlo, tuttavia non voglio nascondermi e so che lì fuori ci sono tante altre persone che provano lo stesso disagio che sto provando io. Voglio far sapere a quelle persone che non sono sole, mentre tento con tutte le mie forze di accettarmi, ma non è detto che io ce la faccia.

Con questo nuovo tipo di messaggio, inedito e molto democratico perché non detta alcun tipo di regole né leggi di accettazione, Linda Evangelista è probabile che riesca ad aiutare parecchie persone. Ci auguriamo davvero che ce la faccia, riuscendo ad aiutare anche se stessa.

Potete vedere la foto di Linda Evangelista sulla copertina del magazine People nel post di Instagram che vi mostriamo alla fine di questo articolo.

Lo sfiguramento causato dalla criolipolisi

approfondimento

Linda Evangelista oggi: ecco com’è cambiata la top model negli anni

Nel settembre 2021 la supermodella diventata iconica degli anni Novanta aveva denunciato il fatto di essere rimasta sfigurata dopo essersi sottoposta a un trattamento estetico di criolipolisi.
Sono passati cinque mesi da quell'annuncio e adesso Linda Evangelista è tornata a farsi vedere da tutti, posando per People.

È apparsa in cover sul celeberrimo magazine statunitense, a cui ha concesso l'esclusiva. L'esclusiva sia delle sue foto sia del racconto di quell'incubo che ha avuto inizio più di cinque anni fa.


Finalmente ha deciso di metabolizzare quell’indicibile dolore, sia fisico sia psicologico ed emotivo, parlandone apertamente e rendendolo così finalmente non più indicibile. L'accettazione incomincia proprio da qui: dal non nascondere e dal non nascondersi.

"Amavo sfilare in passerella, oggi ho paura di imbattermi in qualcuno che conosco. Non posso più vivere così, nascondendomi e vergognandomi. Semplicemente non voglio più vivere nel dolore. Sono finalmente pronta a parlare”, ha dichiarato in piena commozione al giornalista di People che l’ha intervistata, Jason Sheeler.

La metamorfosi di Linda Evangelista

approfondimento

Linda Evangelista compie 55 anni, le foto della top model canadese

Come la copertina di People promette ai propri lettori, ciò che si trova all'interno del numero della rivista dedicato a Linda Evangelista è il racconto lungo e ricco di dettagli che ripercorre la trasformazione del corpo e anche della mente dell’ex modella a causa degli effetti della criolipolisi.

Ma cosa è successo esattamente? Dopo tre mesi da quel trattamento estetico, sono comparsi sul collo, sulle cosce e sul busto della star alcuni strani rigonfiamenti. Si trattava proprio delle aree che erano state interessate dalla criolipolisi, una tecnica estetica a cui la star si è affidata al fine di dimagrire.

All'inizio non credeva potesse essere colpa del trattamento, quindi ha deciso di ricorrere a una dieta ipocalorica e a un allenamento più energico di quello che già seguiva, sperando che quei rigonfiamenti rientrassero in maniera naturale.

Tuttavia non è stato così: il tempo non ha affatto aiutato il corpo di lei a rientrare in quella “normalità” di prima, portando anzi i rigonfiamenti ad aumentare e a diffondersi pure in altre zone.

Disperata, Linda Evangelista si è rivolta ai medici e le è arrivata la diagnosi che mai si sarebbe aspettata: iperplasia adiposa paradossale. Quel paradossale che fa parte del nome diagnostico suona paradossale anche al di fuori del linguaggio medico: una persona che si sottopone a un trattamento estetico al fine di ottenere quella che, secondo lei e secondo i canoni che ci vengono imposti dall'alto, è una bellezza maggiore (un corpo più magro di quello che si ha) viene sfigurata in maniera realmente paradossale, con la conseguenza che il suo corpo incomincia a ingrassare in maniera incontrollata.


L’iperplasia adiposa paradossale è una rara conseguenza della criolipolisi, come è stato spiegato a Evangelista dagli svariati medici a cui si è rivolta.
"Non mi guardo più allo specchio. Quello che vedo non mi assomiglia", ha aggiunto.

Non solo un fatto estetico

approfondimento

Da Naomi Campbell a Kate Moss: le super modelle anni '80 e '90. FOTO

Ciò che Linda Evangelista sottolinea durante la sua intervista pubblicata da People è che il suo disagio non è collegato soltanto al mero fatto estetico.

Quei rigonfiamenti fanno anche male, sono sporgenze che le provocano dolore sia al tatto sia in generale, anche quando non le sfiora.
Il dolore e il fastidio persistenti che ne sono conseguiti hanno mutato anche la postura dell'ex modella, una postura che - proprio in quanto ex indossatrice - era a dir poco perfetta, dato che le modelle imparano a camminare in maniera così dritta ed equilibrata che solitamente non vanno mai incontro a problematiche legate a una scorretta postura, nemmeno una volta andate in pensione.

"Non riesco più ad appoggiare le braccia lungo i fianchi. Non credo che nessuno stilista vorrebbe vestirmi così”, ha raccontato tra le lacrime.

La causa legale

Al recupero fisico che Linda Evangelista spera di ottenere affianca adesso anche un percorso psicologico, un importante passo che incomincia proprio dall'accettazione. E non c'è modo migliore per accettarsi che farsi vedere da tutti quanti, dunque non c'è modo migliore per farlo che scegliere di gridare a pieni polmoni la propria storia sulla copertina e nelle pagine di People (ripresa inoltre da ogni testata al mondo).

Ma il percorso per il recupero fisico e il percorso psicologico di accettazione non sono le uniche due strade intraprese dall'ex modella. Linda Evangelista sta portando avanti anche una battaglia legale per ottenere il risarcimento dei danni subiti dall'azienda responsabile del trattamento estetico di criolipolisi. Anche parlando di questo aspetto della questione, offre un aiuto a chi si trova nella medesima situazione e magari non sa che può rivalersi a livello legale per ottenere eventuali risarcimenti, se questi alla fine vengono ritenuti dovuti da un giudice.  

Spettacolo: Per te