Teatro Nhoma, Equilibrio Dinamico Dance Company in scena con "Confini Disumani"

Spettacolo

La compagnia festeggia il decennale di attività nel dicembre 2021 e inaugura il nuovo anno approdando per la prima volta a Milano, il 19 e 20 gennaio al Teatro Nhoma con Confini Disumani, uno dei loro maggiori successi. Coreografie e Set Concept Roberta Ferrara, danzatori Antonello Amati, Anabel Barotte, Serena Angelini, Beatrice Netti, Nicola De Pascale, Tonia Laterza, Camilla Romita. Disegno luci Roberto Colabufo, costumi Franco Colamorea

Noi siamo il rosso e il nero della terra, un oltremare di sandali sfondati, il polline e la polvere nel vento di stasera. Uno di noi, a nome di tutti, ha detto: “Non vi sbarazzerete di me. Va bene, muoio, ma in tre giorni resuscito e ritorno". 

 

Equilibrio Dinamico Dance Company festeggia il decennale di attività della compagnia nel dicembre 2021 e inaugura il nuovo anno approdando per la prima volta a Milano, il 19 e 20 gennaio 2022 al Teatro Nhoma con Confini Disumani, uno dei maggiori successi della Compagnia fondata e guidata dalla coreografa Roberta Ferrara. Lo spettacolo è ispirato al testo Solo Andata di Erri De Luca è una preghiera fisica, una denuncia, un quadro nudo e svilito della nostra società odierna dove nazione e patria si sgretolano a causa della mancata umanità che il mondo subisce. La prima versione breve è del 2016 e, fino al 2018, è lo spettacolo con il più consistente tour internazionale della compagnia – tra le date: Città Del Messico, Singapore, Stati Uniti - ma, nel 2020, debutta come coreografia a serata intera anche grazie alla ex direttrice dell’Istituto Italiano di Zagabria, che si innamora del progetto e ne sostiene la produzione.


L’onestà dei corpi e il potente coinvolgimento drammaturgico fanno di Confini Disumani un lavoro che porta lo spettatore a riflettere e a tratti a sentirsi colpevole del mancato valore etico e morale dell’essere umano.

I danzatori di Confini Disumani

«I danzatori di Confini Disumani, guidati dalla coreografa Roberta Ferrara, hanno messo il pubblico di fronte ad una sfrontata e ripetuta frenesia, in cui anche il senso di appartenenza al proprio corpo viene meno. Da un quadro iniziale di gruppo, trii, assoli e duetti si susseguono a ritmi incalzanti in cui dramma, iperattività, senso di sradicamento da sé stessi vengono alla luce. Il problema attuale della nostra società è proprio la perdita del senso di appartenenza, l’essere migranti, profughi, privi di identità e quando queste condizioni arrivano a confini disumani allora scatta la follia, la frenesia continuativa. I danzatori, molto bravi e preparati tecnicamente, nonché dotati, sono stati molto incisivi in linea con la tematica drammaturgica senza concedere nessun momento di pausa, riflessione o speranza: forse c’era bisogno di mostrare il limite per poi sperare in una reazione quasi di esigenza liberatoria da parte del pubblico». Campa di danza

equilibrio dinamico dance company 

approfondimento

Scala, Speranza Scappucci prima donna italiana a dirigere un’opera

Fondata nel 2011 dalla sua attuale direttrice artistica Roberta Ferrara e oggi con sede a Bari, si è posta sotto i riflettori per essere un unicum nel panorama della danza italiana. Sin da subito, infatti, Roberta Ferrara ha teso a costruire una compagnia di repertorio dal respiro internazionale chiamando diversi coreografi a creare nuovi lavori per il giovane e frizzante gruppo. Jiří Pokorný, Igor Kirov, Matthias Kass & Clément Bugnon, Marco Blázquez, Riccardo Buscarini sono solo alcune delle firme che si sono susseguite a comporne il cahier de danse. Oltre a festeggiare il proprio decennale, nel 2021 Equilibrio Dinamico Dance Company è stata riconosciuta dal Ministero della Cultura quale Organismo di Produzione della Danza Under35 e a maggio 2022 sarà presentata nel contesto della NID-New Italian Dance Platform di Salerno, la piattaforma che raccoglie il meglio della danza italiana da esportare all’estero.


Roberta Ferrara
, classe 1988, è direttrice artistica e coreografa principale di Equilibrio Dinamico Dance Company, da lei fondata nel 2011 e oggi con sede a Bari. Come danzatrice è stata interprete di Emanuel Gat nel contesto della Biennale Danza di Venezia e del Ravello Festival. Come coreografa, il suo lavoro Equal to man ha vinto l'Internationales Solo-Tanz Preis 2018 di Stoccarda. Appassionata pedagoga nonché ideatrice del metodo di formazione ED Ensemble, è stata insegnante ospite presso l'English National Ballet School, Korea Ballet House, il portoghese Conservatório Internacional de Ballet e Dança Annarella Sanchez, Morikawa Satomi Ballet Academy in Giappone. Dal 2020 è Artistic Director Associate dell'Odyssey Dance Theatre di Singapore.Theatre di Singapore. Accosta da sempre alla sua ricerca uno studio immersivo con diversi artisti di tecniche e linguaggi della danza contemporanea internazionale, connubio la indirizza ad un lavoro creativo personale dedito ad una poetica sempre connessa all’uomo e al suo universo interiore.

 

Teatro No’hma, via Andrea Orcagna 2, Milano | Info: +39 02 4548 5085 | +39 02 2668 8369 - nohma@nohma.it

Confini Disumani, 19 e 20 gennaio ore 21.00, evento gratuito fino ad esaurimento dei posti disponibili

 

Spettacolo: Per te