Amal pubblica il suo libro e promette a George Clooney: "Non lo farò più"

Spettacolo

L'avvocatessa ha fatto una divertente battuta sul marito in occasione della presentazione del suo testo “Il diritto a un processo equo in diritto internazionale”

Ieri, durante il lancio virtuale del suo testo legale “Il diritto a un processo equo in diritto internazionale”, Amal Alamuddin, moglie di George Clooney, ha parlato dell'impatto che il lavoro sul libro ha avuto sul suo matrimonio con l'attore. 

Il libro di Amal e la battuta sul marito George

Ieri Amal ha parlato via streaming del suo libro composto, come ha precisato lei scherzosamente, "solo da mille pagine”. L'avvocato per i diritti umani ha parlato dell'impatto che il questo testo ha avuto sul suo matrimonio con George Clooney, che dura da sei anni. "So che questo lavoro gli sembrava interminabile", ha detto Amal a un pubblico di esperti legali durante il lancio da remoto. "Soprattutto perché ero sempre così convinta di essere arrivata alla fine e invece non era così”.

Amal e George Clooney
©Getty

Poi l'avvocatessa ha fatto una dedica al marito George Clooney. "Non è stato solo paziente, ma anche meravigliosamente incoraggiante e stimolante", ha detto. "Non avevo davvero bisogno di un altro esempio di quanto fosse straordinario, ma questo lavoro me ne ha fornito ancora uno". Amal si è quindi presa del tempo per ringraziare il marito per la sua pazienza. "Penso che in questo momento mi stia guardando al piano di sotto, in cucina, quindi voglio solo dirgli 'grazie'", ha detto Amal. "Da parte mia, posso promettere per il bene del nostro matrimonio che non lo farò mai più!" ha concluso, scherzando.

Amal e George Clooney
©Getty

Amal Alamuddin, di cosa parla il libro

approfondimento

I figli di George Clooney parlano italiano: "arma contro me e Amal"

Il libro di Amal ha impiegato mesi per essere sviluppato e mira a creare una definizione globale standard di ciò che il diritto a un processo equo significhi nella pratica. La speranza dell'avvocatessa libanese è che venga utilizzato da avvocati e tribunali per proteggere la gente comune dalla corruzione, dall'abuso di potere e dall'oppressione. "Il diritto a un processo equo è fondamentale per tutti i nostri diritti e per la democrazia – ha spiegato Amal durante il lancio del libro - Il mondo, come sicuramente avrete notato, sta diventando sempre più autoritario. E i leader autoritari utilizzano sempre più i tribunali per consolidare il loro potere. La magistratura dovrebbe essere la nostra migliore protezione contro gli abusi di potere, ma anche giudici compiacenti o corrotti possono essere uno strumento per soffocare gli oppositori e opprimere le minoranze” ha spiegato. Amal ha poi continuato: "In Cina e Russia, ad esempio, il tasso di condanne nei processi penali è superiore al 99%. In realtà è più alto in Cina, superiore al 99,9%. "

George Clooney: “Amal mi ha cambiato”

approfondimento

George Clooney: "Non sapevo quanto fosse vuota la mia vita senza Amal"

Recentemente, Parlando alla al Sunday Morning in onda sulla CBS per promuovere il suo nuovo film Netflix “The Midnight Sky”, Clooney ha detto che avere l'avvocato britannico nella sua vita "ha cambiato tutto". "Era la prima volta che tutto quello che faceva lei era infinitamente più importante di qualsiasi cosa mi riguardasse” ha rivelato.

Spettacolo: Per te

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.