Milano Fashion Week, lui e lei hanno lo stesso linguaggio

Spettacolo
©Getty

Alessandro Dell'Acqua, con la collezione N°21 introduce e spiega il concetto di inclusività e una nuova modalità della moda

Avere un linguaggio comune non significa travestirsi: “è questo il messaggio della collezione N21 in passerella oggi a Milano (Fashion Week, una settimana di moda tra eventi fisici e digitali)”. E così che spiega infatti il direttore creativo Alessandro Dell'Acqua: "Mi sembra sempre più urgente e necessario esplorare la possibilità di stabilire una nuova modalità della moda: i tempi, le stagioni, le tendenze devono lasciare lo spazio alla nascita di un nuovo modo di narrazione. Ho utilizzato i tessuti, le forme, i colori per ottenere abiti capaci di racchiudere dei significati che, come le parole, concorrono a formare un linguaggio che donne e uomini possono usare in comune. 


Quando la moda si fa inclusiva

approfondimento

Milano Fashion Week, la collezione autunno-inverno 2020 di Missoni

 

"Credo che come giacche e pantaloni, maglioni e abiti possono trovare posto indifferente nel guardaroba femminile e maschile mantenendo la propria specificità, così il linguaggio maschile deve necessariamente diventare inclusivo e recepire le diversità. In questo senso, gli abiti sono parole di un vocabolario che diventa sempre più inclusivo e condiviso, che costruisce un linguaggio comprensibile che i due sessi possono utilizzare in comune. Sono convinto che questa sia la sfida più urgente per chi fa moda in questo periodo che per me rappresenta il punto di partenza di ogni cambiamento successivo e auspicabile".

 
Da sottolineare inoltre, quanto "l'importante è che femminile e maschile restino distinguibili anche mentre le forme, i volumi e i colori migrano da un guardaroba all'altro. Così, la camicia maschile over è per lui e lei, il tartan pure, idem per i pull con le piume e le applicazioni di spille da balia o bottoni a pressione. Ed è la stessa la base di partenza: pulizia delle linee e dei tessuti classici come il popeline, accoppiati anche in tre strati per comporre giacche doppiopetto con taglio al vivo, come quelle in canvas che però sono foderate di chiffon. Anche i Trench in vinile plastificati doppiati in neoprene sono per lei e per lui, così come i pull senza dorso, da portare sulla pelle nuda o sulla camicia candida".

Spettacolo: Per te