Millie Bobby Brown: la giovane attrice racconta di essere stata vittima di bullismo

Inserire immagine
@Getty Images

A raccontarlo è stata la stessa attrice 15enne, in un’intervista rilasciata all’attore britannico Orlando Bloom

Millie Bobby Brown, è amore con Romeo Beckham?

Grazie allo strepitoso successo della serie «Stranger Things», ad appena 12 anni è diventata una superstar conosciuta in tutto il mondo. A dispetto di ciò che si può pensare, però, la vita di Millie Bobby Brown, che ora di anni ne ha 15, non è stata tutta rose e fiori.

A raccontarlo, la diretta interessata, che, in un’intervista esclusiva rilasciata all’attore Orlando Bloom per la versione inglese di «Glamour», ha spiegato di essere stata vittima di bullismo.

Millie Bobby Brown e gli anni del bullismo

«Sono stata vittima di bullismo a scuola in Inghilterra, perciò è estremamente importante per me combattere contro questo problema» ha dichiarato la giovanissima attrice, raccontando che, proprio a causa del bullismo, ha dovuto cambiare parte della propria vita.

«Sono stata costretta a cambiare scuola. Ciò mi ha portato ad avere un sacco di ansia e problemi con cui ancora faccio i conti. Ho affrontato situazioni sia nella vita reale che online che ti spezzano l’anima, e fa davvero male leggere alcune delle cose che la gente ha detto su di me».

Millie Bobby Brown e la riscoperta dell’amore

Tutto ciò ha, però, avuto anche un risvolto positivo nella vita della giovane, che - paradossalmente, proprio grazie alle critiche - ha scoperto l’amore in una forma ancora più piena.

«Vivendo in questo settore siamo diventati consapevoli della negatività della cosa, visto che il tutto mi ha fatto apprezzare ancora di più l’amore» ha detto. «Le persone ricevono così tanto amore sui social che tendono poi a concentrarsi solo sull’odio».

Millie Bobby Brown e il rapporto con i social media

Infine, ampliando il cerchio, Bobby Brown, che prossimamente vedremo al cinema nel nuovo «Godzilla», ha parlato del suo rapporto con i social media, definendoli «uno dei luoghi più belli e allo stesso tempo più brutti del mondo».

Il perché è presto detto. «Sono in grado di trasmettere messaggi davvero incredibili; aiutano a sensibilizzare nei confronti delle cause meritevoli di attenzione» ha sottolineato in un primo momento. «Peccato che sui social accadano anche cose davvero terribili, visto che ho avuto a che fare con un sacco di bullismo online. Vorrei renderli un posto piacevole».