Spazio, l’asteroide 16 Psyche è il più grande giacimento d'oro conosciuto

Scienze

E' largo 210 chilometri, si trova tra Marte e Saturno e vale 10mila quadrilioni di dollari. La Nasa starebbe programmando, per il 2026, una missione per raggiungerlo. Dista fra i 179,5 e i 329 milioni di chilometri dalla Terra

ascolta articolo

È stato ribattezzato 16 Psyche, è largo 210 chilometri, si trova tra Marte e Saturno e vale 10mila quadrilioni di dollari. Si tratta dell’asteroide che avrebbe ufficialmente la più grande riserva aurea del mondo. Per provare a immaginarlo basterebbe pensare che se il suo valore fosse distribuito equamente tra tutti gli abitanti della Terra, ognuno riceverebbe 1,3 miliardi di dollari (circa 1,15 miliardi di euro).

La missione della Nasa

approfondimento

Spazio, asteroide a 2 milioni di chilometri dalla Terra

La Nasa starebbe programmando, per il 2026, una missione per raggiungerlo. Il primo obiettivo è studiarne le caratteristiche principali. 16 PSyche è infatti uno dei più grandi asteroidi della Fascia principale e distante fra i 179,5 e i 329 milioni di chilometri dalla Terra. Per l’estrazione dell’oro occorrerà molto più tempo. Secondo John Zarnecki, presidente della Royal Astronomical Society del Regno Unito, non è escluso che “possa essere una possibilità futura, ma ad oggi riuscirci è molto complicato. Solo una stima teorica su come estrarre oro da un asteroide nello spazio richiederebbe 25 anni di studio”.

La mappa termica

approfondimento

Spazio, la prima immagine a raggi X realizzata dal telescopio IXPE

Grazie agli strumenti del radiotelescopio Atacama Large Millimeter/submillimeter Array (Alma) in Cile, un team guidato da Katherine de Kleer del Caltech 8 (California Institute of Technology) ha prodotto la prima mappa termica dell’asteroide esaminando le emissioni di lunghezza d’onda millimetriche e fornendo nuove informazioni sulle sue proprietà superficiali. I risultati e la mappa a una risoluzione di 30 km/pixel sono stati pubblicati nell’agosto dell’anno scorso in un articolo su Planetary Science Journal che conta fra gli autori anche l’italiano Saverio Cambioni del Caltech.

Scienze: I più letti