Scoperta dagli astrofili italiani una coppia di stelle “danzanti”

Scienze

Denominata Gunvag2, si trova nella costellazione dell’Auriga, a circa 25mila anni luce dal Sole ed è composta da due corpi celesti che ruotano l’uno attorno all’altro in 9 ore e 54 minuti 

Un team di astrofili italiani ha scoperto a circa 25mila anni luce dal Sole un nuovo sistema binario di stelle “ballerine”.
La coppia, denominata Gunvag2, comprende due corpi celesti di colore diverso che danzano l’uno attorno all’altro nella costellazione dell’Auriga.
La scoperta, pubblicata sull’American Association of Variable Star Observers (Aavso), si vede agli esperti Giorgio Mazzacurati e Paolo Zampolini, del Gruppo astrofili Galileo Galilei, Giuseppe Conzo e Mara Moriconi, del Gruppo astrofili Palidoro, Giorgio Bianciardi, dell’Università di Siena e dell’Unione Astrofili Italiani (Uai), e Nello Ruocco, dell’Osservatorio Nastro Verde.

La scoperta nel dettaglio

Le due stelle “danzanti” ruotano l’una attorno all’altra in 9 ore e 54 minuti e si eclissano tra di loro.
Analizzando la luce emessa dai due corpi celesti il team di astrofili italiani è riuscito ad osservare due eclissi, riuscendo a stabilire che si tratta di un sistema binario di stelle.
“Pensiamo si tratti di una stella principale gialla, che sottrae materia alla sua compagna, forse una stella rossa”, ha spiegato Giuseppe Conzo.
Saranno necessari ulteriori studi per riuscire a classificare le due stelle che compongono il nuovo sistema binario. Secondo gli autori della scoperta nuovi dettagli in merito emergeranno sicuramente nei prossimi mesi.

Dallo spazio il fermo immagine di una stella in trasformazione

Tra gli ultimi entusiasmanti risultati del settore, un team internazionale di astronomi, coordinati da Daniel Tafoya della Chalmers University of Technology, in Svezia, è riuscito a catturare il momento in cui una stella inizia a modificare il suo ambiente.
Lo scatto, riuscito grazie all’utilizzo di una complessa rete di telescopi chiamata “Alma” (Atacama Large Millimeter / submillimeter Array), puntata su W43A, un vecchio sistema stellare a circa 7000 anni luce dalla Terra nella costellazione dell’Aquila, mostra in blu i getti bipolari ad alta velocità espulsi dalla stella, in verde il deflusso a bassa velocità e in arancione le nuvole polverose trascinate dai getti sono mostrate in arancione. 

Scienze: I più letti