Scie luminose avvistate nel nord Italia: possibile meteorite

Scienze

Sia Inaf che forze dell’ordine hanno ricevuto decine di chiamate relative all’avvistamento di una scia luminosa nella mattina del 28 febbraio. Meteorite al momento solo un’ipotesi da verificare con la Rete Prisma 

Un corpo celeste, forse un meteorite, potrebbe aver solcato i cieli del nord Italia nelle ore mattutine di 28 febbraio. È questa una delle ipotesi suggerite dalle decine di telefonate giunte all’Osservatorio Astronomico di Trieste dell’Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf) e alle forze dell’ordine che segnalavano l’avvistamento di “scie luminose”. Al momento la Questura di Trieste ha escluso la possibilità che si trattasse di esercitazioni militari da parte dei Paesi confinanti, mentre rimane aperta la pista che porta al fenomeno astronomico, compreso il meteorite.

Possibile meteorite nei cieli italiani: le segnalazioni

Segnalazioni provenienti dal nord Italia, con casi anche in Umbria, hanno descritto nella mattina di venerdì 28 febbraio scie luminose in cielo ed esplosioni che, secondo Giulia Iafrate, astrofisica dell'Osservatorio di Trieste dell’Inaf, “combaciano con un meteorite, ma per avere la certezza bisognerà attendere alcuni giorni”. Oltre alle telefonate di decine di persone, a segnalare il fenomeno sono stati anche alcuni post pubblicati su Twitter o video caricati su YouTube da diversi utenti, provenienti non solo dall’Italia ma anche dalla Croazia. A fornire il riscontro decisivo sarà la Rete Prisma (Prima Rete per la Sorveglianza sistematica di Meteore e Atmosfera): Iafrate ha spiegato all’Ansa che “verranno valutati i dati registrati dalle telecamere, saranno elaborati e verrà ricostruita un'eventuale traiettoria. Questo richiede un paio di giorni di lavoro. Per il momento ci sono solo ipotesi".

Scia luminosa vista anche in Umbria

Come detto, seppur più diffuso nel nord Italia, da Verona a Trieste, l’avvistamento del possibile meteorite ha riguardato anche le regioni del centro, come dimostrato dalla descrizione fornita ad Ansa da un testimone umbro che ha parlato di una “forte ed intensa scia luminosa”. Secondo un altro cittadino, che ha avvistato il fenomeno mentre guidava la propria macchina sulla tratta Perugia-Ancona, il bagliore ricordava “una stella cometa luminosissima che cadeva dietro le colline. Una cosa mai vista, da film. Una luce molto vistosa nonostante era pieno giorno. L'effetto ottico è stato come se cadesse dietro le montagne in zona Valfabbrica”. 

Scienze: I più letti