Sistema Solare, primo corpo celeste con nome cinese: il pianeta nano Gonggong

Scienze
Sistema Solare (Getty Images)

Scoperto nel 2007 e nominato momentaneamente 2007 OR10, il pianeta situato oltre Nettuno è il primo corpo celeste maggiore del Sistema Solare ad avere un nome cinese. Il suo appellativo, come quello della sua luna Xiangliu, ha origini mitologiche 

Dopo la scoperta nel 2007, il quinto pianeta nano più grande del Sistema Solare è rimasto per anni senza nome, sotto l’appellativo momentaneo di 2007 OR10. A distanza di più di 10 anni l’Unione Astronomica Internazionale (Iau) l’ha ribattezzato Gonggong, rendendolo così il primo corpo celeste con nome cinese, più precisamente quello di un demone, nell’intero Sistema Solare. Il pianeta nano è situato nella fascia di Kuiper, oltre Nettuno, e si muove lungo un’orbita ellittica: nel 2007 gli astronomi scoprirono anche l’esistenza della sua piccola luna, anch’essa rinominata con un termine cinese, Xiangliu.

Gonggong e Xiangliu, primi nomi cinesi nel Sistema Solare

La mitologia cinese entra ufficialmente a far parte del Sistema Solare, grazie alla decisione della Iau di rinominare un pianeta nano e la sua luna come due personaggi celebri nella tradizione del Paese asiatico. Gonggong è infatti un malvagio demone dell’acqua dall’aspetto caratteristico, vista la testa umana, una fronte di ferro e il corpo di un serpente. Nella mitologia, Gonggong veniva considerato responsabile di grandi alluvioni, spesso in “collaborazione” con il proprio ministro Xiangliu, nome che infatti è stato attribuito alla piccola luna del pianeta nano Gonggong. La leggenda descrive Xiangliu come un pericoloso mostro velenoso con nove teste e il corpo da serpente. Come segnalato dall’astrofisico Simon Porter su Twitter, il pianeta nano e il suo satellite sono i primi due corpi maggiori del Sistema Solare con un nome cinese.

Un sondaggio per nominare il pianeta nano

Ma come si è arrivati a chiamare Gonggong e Xiangliu il quinto pianeta nano più grande del Sistema Solare e la propria luna? I due corpi celesti furono scoperti nel 2007 da un trio di astronomi che decise di indire un sondaggio online per chiedere al pubblico di scegliere tra tre nomi pre selezionati e approvabili dalla Uai. Oltre a Gonggong, la lista comprendeva Holle, divinità germanica femminile simbolo di fertilità e rinascita, oltre a Vili, divinità scandinava che annovera tra i propri fratelli il celebre Odino. I voti hanno quindi premiato i due nomi cinesi, che con il consenso della Uai sono ufficialmente entrati a far parte del Sistema Solare.

Scienze: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24