Covid, abuso antibiotici correlato ad aumento di una super gonorrea

Salute e Benessere

Lo ha dichiarato un portavoce dell'Oms a "The Sun Online". In particolare, come riporta "Forbes", l'uso più frequente di azitromicina, un comune antibiotico per il trattamento delle infezioni respiratorie, potrebbe favorire la selezione di versioni più resistenti di gonorrea

L'uso eccessivo di antibiotici anche in risposta al Covid-19 e la mancanza di servizi per il trattamento delle infezioni a trasmissione sessuale (Ist) durante la pandemia di coronavirus potrebbero alimentare l'emergere di una super gonorrea, una forma di malattia difficile da trattare che non risponde ai farmaci. Lo ha dichiarato un portavoce dell'Oms (Organizzazione Mondiale della Sanità) a "The Sun Online". In particolare, come riporta "Forbes", l'uso più frequente di azitromicina, un comune antibiotico contro le infezioni respiratorie utilizzato per il trattamento del Covid-19 all'inizio della pandemia,  potrebbe favorire la selezione e la diffusione di versioni più resistenti di gonorrea.

Gonorrea: i possibili effetti dell'abuso di antibiotici

approfondimento

Coronavirus in Italia e nel mondo, le notizie del 28 dicembre

 

“L'abuso di antibiotici nella comunità può alimentare l'emergere della resistenza antimicrobica nella gonorrea. L'azitromicina, un comune antibiotico per il trattamento delle infezioni respiratorie, è stata utilizzata per il trattamento con Covid-19 all'inizio dell'epidemia. Durante la pandemia, anche i servizi Ist sono stati interrotti", ha dichiarato un portavoce dell'Organizzazione Mondiale della Sanità. Ciò significa, ha aggiunto, "che più casi di infezioni a trasmissione sessuale non vengono diagnosticati correttamente e di conseguenza più persone si auto-medicano. Una situazione del genere può alimentare l'emergere di resistenza agli antibiotici nella gonorrea, incluso il superbatterio della gonorrea (super gonorrea) o la gonorrea con un alto livello di resistenza agli attuali antibiotici consigliati per il trattamento". Si tratta di un'ipotesi condivisa anche da Kevin Cox, presidente esecutivo della start-up britannica Biotaspheric Limited, preoccupato per l'abuso di antibiotici, spesso somministrati anche a pazienti Covid che non ne avrebbero bisogno. Cox ha dichiarato a The Sun come tutto ciò stia portando "alla comparsa della super gonorrea". “Le persone infettate dalla super gonorrea infetteranno gli altri e accelereranno la resistenza antimicrobica. Abbiamo urgentemente bisogno di nuove cure", ha aggiunto, precisando che Biotaspheric sta cercando finanziamenti per sviluppare una nuova tecnologia antibiotica che abbia il potenziale per trattare la super gonorrea.
Anche il vicedirettore generale dell'Oms per la divisione per la resistenza agli antimicrobici, Hanan Balkhy, ha avvertito dei pericoli derivanti dall'abuso di antibiotici per curare il Covid-19. “L'uso di antibiotici non li tratterà ma creerà resistenza tra i batteri che già esiste nel nostro corpo", ha dichiarato Balkhy.

Salute e benessere: Più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24