L’ex ministra Elisabetta Trenta lascia il M5s: “Non è più la casa della trasparenza”

Politica
©Ansa

In un messaggio pubblicato su Facebook, la titolare del Ministero della Difesa del primo governo Conte ha annunciato l’addio: "Dovevamo e volevamo cambiare il Paese e invece, tra troppe paure, è cambiato il Movimento”. Ma ha spiegato che non abbandonerà la politica

L’ex ministra della Difesa Elisabetta Trenta lascia il Movimento 5 Stelle. Con un lungo post su Facebook la componente del primo esecutivo Conte ha annunciato la sua decisione e i motivi. Negli ultimi mesi aveva assunto posizioni critiche nei confronti della gestione del Movimento. E lo scorso febbraio si era schierata con gli espulsi per il no al governo Draghi chiedendone la riammissione e aveva parlato di “guerra fratricida”.

L’addio al M5s

leggi anche

M5S, Garante privacy: “Rousseau dia al Movimento dati degli iscritti”

“Lascio i 5 Stelle, più precisamente questo Movimento”, scrive Trenta secondo cui “questa non è più la casa della trasparenza, della democrazia dal basso, della partecipazione e della coerenza con valori che sono e resteranno comunque miei. Lascio con tanto dolore ma senza il rimpianto di non averci creduto e di non averci provato fino all’ultimo. Lascio perché il coraggio di andare contro, quando è necessario, è stato messo in secondo piano dai personalismi, perché i troppi compromessi e le retromarce sono la negazione dei sogni di chi ha creduto in noi”. 

Le parole per Di Maio

leggi anche

M5S, Di Battista: “Rischia di trasformarsi in un partito di potere”

Nel suo post, Elisabetta Trenta si è anche rivolta in prima persona a Luigi Di Maio: “Caro Luigi ti sarò sempre riconoscente per avermi voluto come Ministro della Difesa, dandomi una grande e unica opportunità. Mi sono sentita orgogliosamente parte della tua squadra. Dovevamo e volevamo cambiare il Paese e invece, tra troppe paure, è cambiato il Movimento”. Poi accusa: “Da parte mia, e lo sai bene, non ho mai ceduto sui nostri valori imprescindibili anche quando alcuni si sono messi contro di me cercando di infamarmi. Agli Stati Generali era stata promessa una svolta, una grande riflessione partecipata per ripartire e invece, per non ammettere che la base è altrove, tutto è finito velocemente in un cassetto”.

Non lascia la politica

Al termine del suo post, Trenta spiega che non lascia la politica: “Scendo qui, proprio per ricominciare. Da qualsiasi parte andrò, porterò con me i valori che mi hanno fatto aderire al Movimento e che oggi, mi costringono a lasciarlo per realizzarli”.

Politica: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.