M5S, Conte ad assemblea dei gruppi parlamentari: "Rifonderemo il Movimento"

Politica

La riunione, sulla piattaforma digitale Zoom, è stata allargata anche a consiglieri regionali, comunali, sindaci ed europarlamentari. L'ex premier scende in campo: "Dobbiamo rigenerare il partito". E incalza: "Il Movimento ha scritto pagine importanti della più recente storia politica italiana. Potete essere orgogliosi". Poi detta le linee del nuovo assetto: sarà "un'opera di rigenerazione, senza rinnegare il passato". E annuncia che ci sarà un nuovo Statuto

Ascolta:

"Sono qui con voi perché ho accettato di cimentarmi in questa sfida", "molto complessa ma affascinante: rifondare il Movimento 5 stelle". A dirlo è Giuseppe Conte, durante l’assemblea congiunta dei gruppi parlamentari di Camera e Senato del M5s, organizzata su Zoom la sera dell'1 aprile. L'ex premier scende dunque in campo e riflette: "Il Movimento ha scritto pagine importanti della più recente storia politica italiana. Potete essere orgogliosi. Alcuni errori commessi, non valgono a oscurare le tante battaglie e le riforme che avete realizzato". E sottolinea: "Le nostre riforme sono oggi leggi dello Stato". "Dobbiamo rigenerare il partito", precisa, ma a una condizione: "Non è un'operazione di restyling o marketing politico, ma un'opera coraggiosa di rigenerazione, senza rinnegare il passato". In quest'ottica, anticipa, "vi proporrò un nuovo Statuto che non rinneghi i punti di forza 'leggera' di un Movimento, ma che allo stesso tempo possa espletare tutta la forza organizzativa che ci serve e che ci aiuti a definire con chiarezza la linea politica e ad essere più incisivi".

Il M5S di Conte

Conte, per il “neo Movimento”, proporrà anche una Carta dei principi e dei valori, "in modo che chi vorrà aderire a questa nuova forza politica non abbia dubbi sulla sua identità". Proporrà poi una rivisitazione dei Cinque Stelle: "Rimarranno cinque le stelle", assicura, "ma la costellazione deve allargare il suo orizzonte ideale". Nel Movimento, ha detto Conte, "dobbiamo partire da due punti solidi: una proposta che definisca una chiara identità politica e una proposta per dotare il movimento di razionalità organizzativa, coinvolgendo le varie organizzazioni territoriali e della società civile in modo stabile". 

"Dopo Pasqua incontri, condividiamo progetti"

L'ex premier ha anche fatto sapere: "Dopo la pausa pasquale programmeremo una serie di incontri per raccogliere i vostri suggerimenti, prima di condividere il progetto finale". I temi centrali, ha poi anticipato Conte, saranno sicuramente "il rispetto della persona; ecologia integrale, secondo cui occorre affidarsi a modelli di sviluppo aperti a misurare le condizioni effettive di benessere equo e sostenibile; la giustizia sociale". E poi "l'etica pubblica" e il "rafforzamento della democrazia diretta, la democrazia diretta digitale" che "va promossa e organizzata. Le nostre scelte continueranno ad essere prese attraverso una piattaforma di voto". L'ex premier ha anche anticipato che "riscriveremo insieme il diritto dei lavoratori il cui Statuto è fermo al 1970. Ma scriveremo anche la carta dei diritti degli imprenditori". 

"Regole per evitare correnti interne"

Per Conte a questo punto è fondamentale "evitare la forma di partito tradizionale". "Avremo regole", spiega, "rigorose che contrasteranno la formazione di correnti interne che inevitabilmente finiscono per cristallizzare sfere d'influenze e posizioni di potere. Non abbiamo bisogno di associazione varie, il nuovo impegno viviamolo interamente nel nuovo Movimento". 

Crimi: "Conte vuole bene a Movimento, indicato da noi"

Prima dell’intervento di Conte, si è tenuto quello di Vito Crimi che, proprio riferendosi all’ex premier, aveva anticipato: “Oggi c'è tra noi una persona che vuole il bene del Movimento e del Paese, che con noi ha costruito in questi anni un legame basato sulla stima e sulla condivisione di battaglie. Lo abbiamo indicato, ben due volte, come Presidente del Consiglio e ha saputo interpretare quel ruolo nel migliore dei modi possibile". "Con la fine del precedente governo ha dimostrato, soprattutto in un momento così difficile, spirito di servizio e quella signorilità che sono risaltati ancora di più di fronte alle bassezze e meschinità di chi lo ha attaccato dalla maggioranza e dall'opposizione in modo puramente strumentale", ha poi sottolineato Crimi.

Le reazioni

Mentre il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, ha commentato con un post su Facebook: "Coraggio, impegno e visione. Lavoriamo per il bene del Paese, per uscire da questa pandemia, pensando a sostenere imprese, lavoratori e famiglie. Dobbiamo rimanere concentrati su questo. Viva il MoVimento 5 Stelle!". Invece Stefano Bonaccini, presidente dell'Emilia-Romagna, ospite a Piazzapulita, ha spiegato, sulla leadership di Conte: "Mi fa piacere, lo stimo". "In un nuovo bipolarismo italiano potrebbe essere persino naturale che ci si possa alleare anche col M5s se la svolta a cui andrà incontro sarà europeista, riformista e progressista", ha aggiunto in merito al collocamento del Pd.

Politica: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.