Riapre ai professionisti esterni deposito Santo Chiodo

Umbria
bb27f13765300da4fba851befe3544ae

Possono proseguire attività di messa in sicurezza opere d'arte

(ANSA) - PERUGIA, 15 GIU - Dopo i mesi di lockdown per coronavirus riapre ai professionisti esterni il deposito di Santo Chiodo di Spoleto, l' "ospedale" dell'arte ferita dal sisma del 2016. A comunicarlo è la Soprintendenza archeologia belle arti e paesaggio dell'Umbria. La struttura, viene ricordato dalla Soprintendenza, è comunque sempre rimasta operativa in fase di emergenza pandemica con presenza minimale di addetti ai controlli di sicurezza di opere e impianti. Ma da adesso possono proseguire tutte le attività di messa in sicurezza sulle opere d'arte conservate all'interno del deposito. Sono, infatti, all'opera squadre di 4 restauratori che si alternano ogni 4 mesi sotto la supervisione dei tecnici dell'Opificio delle Pietre Dure e della Soprintendenza umbra, così come pure si potranno portare a compimento le ultime fasi del restauro della grande pale d'altare, capolavoro di Jacopo Siculo, proveniente da Norcia, che a lavoro ultimato sarà una protagonista delle celebrazioni raffaellesche. (ANSA).
   

Perugia: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24