Domiciliari a donna che abbandonò neonato

Umbria
@ANSA
9df959d88f9e209d27b90220f58fbfdd

Figlio poi morto, condannata a 16 anni per omicidio

Concessi dal tribunale del riesame di Perugia gli arresti domiciliari alla ventottenne di Terni condannata lo scorso 23 ottobre a 16 anni di reclusione, con l'accusa di omicidio volontario, per avere abbandonato il 2 agosto 2018 nel parcheggio di un supermercato il figlio appena nato, poi deceduto.
    I giudici hanno accolto l'appello presentato dai legali della giovane, gli avvocati Alessio Pressi e Attilio Biancifiori, contro la decisione del gip Simona Tordelli che, lo scorso agosto, aveva respinto la richiesta di scarcerazione avanzata dalla difesa sulla scorta del percorso riabilitativo compiuto.
    La ventottenne può quindi uscire dal carcere di Capanne, dove era rinchiusa dal 7 agosto di un anno fa, per essere affidata ad una comunità socio-riabilitativa.
    Il Riesame ha anche disposto che il tribunale per i minorenni di Perugia intervenga per rivalutare i termini dei rapporti tra la donna e la figlia maggiore, di tre anni.
   

Perugia: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.