Etna, studio Ingv identifica zone superficiali di accumulo di magma

Sicilia

Ricercatori dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia hanno definito la struttura interna del vulcano, scoprendo al di sotto della parte centrale tre zone ad alta temperatura, contenenti una percentuale di magma pari al 4%, che 'rallentano' le onde sismiche determinandone un aumento dei tempi di percorso

Attraverso l'applicazione di una tecnica sismologica chiamata “Tomografia Sismica 4D”, un team di ricercatori dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv) ha definito la struttura interna dell’Etna, dai crateri sommitali fino a 10-12 chilometri di profondità, scoprendo al di sotto della parte centrale del vulcano tre zone che 'rallentano' le onde sismiche determinandone un aumento dei tempi di percorso. Gli scienziati hanno interpretato queste anomalie come zone fratturate ad alta temperatura contenenti una percentuale di magma pari al 4% del volume complessivo, quantità che può alimentare l'attività eruttiva per diverso tempo. Lo studio, condotto con la sismicità dell'Etna verificatasi tra il gennaio 2019 e il febbraio 2021, è stato pubblicato sulla rivista Communications Earth & Environment.

La ricerca

leggi anche

Etna, Ingv: sensori nelle grotte per monitorare il vulcano

"Dallo studio - osserva Pasquale De Gori, ricercatore dell'Ingv e primo autore della ricerca - è emerso che la zona profonda in cui le onde sismiche sono lente si trova sull'estremità di una zona caratterizzata, invece, da un'alta velocità delle onde, che rappresenta la parte di magma non eruttata e consolidata e che costituisce la traccia della vecchia attività dell'Etna nel corso della sua evoluzione geologica. Ipotizziamo - aggiunge - che il magma proveniente dalle parti più profonde della crosta giunga in questa prima zona di accumulo e che il nuovo magma crei una pressurizzazione del sistema innescando gran parte della sismicità che si osserva all'Etna tra 4 e 12 chilometri di profondità. Da queste profondità assistiamo a risalite magmatiche nelle zone di accumulo più superficiali, testimoniate dall'incremento della sismicità, che possono alimentare fasi eruttive come è accaduto negli ultimi mesi. All'accadimento di un terremoto - sottolinea De Gori - l'energia sismica, sotto forma di onde elastiche, viaggia all'interno della struttura vulcanica e, attraversando volumi di crosta fratturata contenente magma e fluidi magmatici, subisce rallentamenti che ci permettono di definire dove è probabile che il magma sia contenuto".

Oltre 11mila terremoti dal 2015 a oggi

leggi anche

Etna, il video del drone in volo sopra il vulcano

L'Etna è un'area molto attiva dal punto di vista sismico. L'Osservatorio etneo dell'Ingv di Catania effettua il monitoraggio sismico h24 attraverso una rete di sensori che dal 2005 al 2021 ha registrato più di 11.000 terremoti con magnitudo compresa tra 1.0 e 4.8 e con profondità variabili da qualche centinaia di metri al di sotto dei crateri sommitali fino a circa 30 chilometri di profondità nel versante occidentale del vulcano.

I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24