Covid, in 300 sorpresi a ballare: chiuso un locale a Palermo

Sicilia

Il titolare della struttura e l'organizzatore dell'evento sono stati multati con una sanzione da 400 a 1.000 euro. L'evento era stato pubblicizzato attraverso i social

La Guardia di finanza di Palermo, insieme ai poliziotti della divisione amministrativa di sicurezza della questura, ha chiuso per 5 giorni il locale "Casa Cuba" di via Messina Marine, nel capoluogo siciliano, dopo aver sorpreso 300 persone a ballare al suo interno, senza distanziamento e in violazione alle norme anti Covid (TUTTI GLI AGGIORNAMENTI - MAPPE E GRAFICI DEI CONTAGI IN ITALIA E NEL MONDOI DATI DEI VACCINI IN ITALIA - LA SITUAZIONE IN SICILIA) . Il titolare della struttura e l'organizzatore dell'evento sono stati multati con una sanzione che va da 400 a 1.000 euro.

L’intervento

I controlli sono scattati la sera di martedì 17 agosto. Le forze dell'ordine, intervenute con l'ausilio di un cane antidroga, hanno poi multato un cliente trovato in possesso di sostanze stupefacenti per consumo personale. Altri stupefacenti sono stati invece trovati nel corso dei controlli vicino all'esercizio. Infine, sono scattate anche le verifiche sul possesso del Green Pass da parte dei presenti. L’evento all’interno del locale sul mare, trasformato in discoteca, era stato pubblicizzato attraverso i social.

I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24