Migranti: chiusa inchiesta su tre ong, 21 indagati a Trapani

Sicilia

L'indagine, che ipotizza il reato di favoreggiamento dell'immigrazione clandestina, riguarda la ong tedesca Jugend Rettet, Save the Children e Medici Senza Frontiere con le navi Prudence e Vox Hestia

La Procura di Trapani ha notificato l'avviso di chiusura indagini, atto che generalmente precede la richiesta di rinvio a giudizio, a 21 persone coinvolte in un'inchiesta del 2017 che portò al sequestro della motonave "Iuventa", operante per conto dell'organizzazione non governativa tedesca "Jugend Rettet" nel soccorso dei migranti in mare. L'indagine, che ipotizza il reato di favoreggiamento dell'immigrazione clandestina, si è estesa anche ad altre due ong: Save the Children e Medici Senza Frontiere con le navi Prudence e Vox Hestia. In particolare risultano coinvolti alcuni membri ed ex membri di Save the Children International e della stessa Organizzazione in relazione alle attività di soccorso in mare nel Mediterraneo negli anni 2016 e 2017.

L'inchiesta

Tra gli indagati figurano componenti dell'equipaggio delle imbarcazioni che operavano per le tre ong, comandanti e membri delle organizzazioni non governative a bordo delle navi, accusati di favoreggiamento dell'immigrazione clandestina; mentre alle ong sarebbe contestato il reato di falso. L'inchiesta della Procura di Trapani risale a quasi 5 anni fa e nasce dalle rivelazioni di investigatori sotto copertura. In particolare, uno avrebbe lavorato sulla nave Vos Hestia che operava per Save the Children. Gli inquirenti concentrarono le indagini su tre episodi: uno del 10 settembre del 2016, due del 18 giugno del 2017. Agli indagati si contesta di non aver prestato soccorso ai profughi, come raccontato, ma di aver fatto da "taxi" trasbordando dalle navi dei trafficanti libici i migranti e consentendo poi agli stessi trafficanti, una volta presi a bordo i profughi, di tornare indietro indisturbati. 

Il caso Iuventa

La Iuventa era stata sequestrata il 3 agosto 2017. Pochi giorni dopo, il 12, due comandanti e un membro dell’equipaggio erano stati indagati per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Nel settembre successivo, l’Ong aveva chiesto il dissequestro dell’imbarcazione. Al centro dell’inchiesta, almeno tre presunte "consegne controllate" di migranti alla Iuventa,  con le indagini della procura di Trapani che si sono concentrate sull'attività della nave sequestrata grazie a diverse foto scattate in mare dalla polizia, le quali documentavano quanto sarebbe accaduto al largo delle coste della Libia quell'estate. Jugend Rettet ha sempre respinto le accuse e i suoi vertici hanno parlato di “dichiarazioni contrastanti” e “immagini decontestualizzate”.

Medici senza frontiere: "In un giorno due inchieste contro di noi"

"Dopo anni di indagini, nella sola giornata di ieri, abbiamo ricevuto dalla Procura di Trapani l'avviso di chiusura delle indagini per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina insieme ad altre navi umanitarie, e dal Gup di Catania la decisione di rinvio a giudizio per traffico illecito di rifiuti". E' quanto si legge in una nota di Medici senza frontiere. Il Gup di Catania, Marina Rizza, accogliendo la richiesta della locale Procura distrettuale, ha infatti rinviato a giudizio Msf e quattro imputati accusati di illecito smaltimento dei rifiuti accumulati durante le attività di salvataggio in mare da parte della Ong con la nave Aquarius. 

"Le decisioni della magistratura, a poche ore di distanza - aggiunge Msf - allungano l'elenco dei numerosi tentativi di criminalizzare il soccorso in mare, che a oggi non hanno confermato alcuna accusa, ma che hanno pericolosamente indebolito la capacità di soccorso". "Fin dall'inizio - prosegue la nota di Msf -, abbiamo respinto ogni accusa e ribadito la piena legittimità della nostra azione, che abbiamo sempre svolto in modo trasparente, sotto il coordinamento delle autorità competenti e nel rispetto della legge, con l'unico obiettivo di salvare vite umane. Siamo certi che i procedimenti lo confermeranno, ma si apre un altro lungo periodo di fango e di sospetti sull'operato delle organizzazioni in mare, insieme all'ennesimo inaccettabile attacco al diritto al soccorso". "Come organizzazione medico-umanitaria impegnata da 50 anni in oltre 80 paesi, compresa l'Italia - sottolinea Msf - , il nostro auspicio è che si chiuda tempestivamente la triste pagina della criminalizzazione di chi aiuta, che le navi umanitarie vengano pienamente riaccreditate e che venga ripristinata al più presto dalle istituzioni la cruciale e ancora oggi indispensabile attività di soccorso in mare, che un tempo l'Italia rivendicava con orgoglio". Msf sottolinea di essere scesa in mare nel 2015 "per supplire al vuoto lasciato dalla chiusura di Mare nostrum e rispondere a un inaccettabile numero di morti nel Mediterraneo centrale. Da allora non ha mai smesso di chiedere vie legali e sicure per le persone in fuga verso l'Europa e un sistema di ricerca e soccorso concordato a livello europeo". "Con sei diverse navi umanitarie - conclude la nota -, Msf ha contribuito a salvare oltre 81.000 vite in mare secondo il diritto marittimo e in coordinamento con la guardia costiera italiana e le altre autorità competenti". 

Save the children: "Sempre agito nel rispetto della legge"

"Siamo certi di aver sempre agito nel pieno rispetto delle legge e del diritto internazionale e in costante coordinamento con la Guardia Costiera Italiana. Ribadiamo di aver sempre lavorato solo ed unicamente per salvare vite umane. Siamo fiduciosi che l'intera vicenda, non appena tutti i fatti saranno stati adeguatamente rappresentati e considerati, potrà essere chiarita confermando la correttezza del nostro operato". Così Save the children commentando l'avviso di conclusione delle indagini.

I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.