Catania, non crede che il figlio sia positivo al Covid e minaccia i medici: denunciata

Sicilia

La donna, che non riteneva attendibile il referto di positività del figlio di 8 anni, deve rispondere di violazione dell'isolamento domiciliare obbligatorio e di violenza o minaccia a pubblico ufficiale

A Catania, una donna è stata denunciata dalla Polizia di Stato dopo che, insieme con il figlio di 8 anni positivo al Covid-19, si è recata presso l'Unità Speciale di continuità assistenziale (Usca) a minacciare i medici in quanto non riteneva attendibile il referto di positività del figlio. Ora deve rispondere di violazione dell'isolamento domiciliare obbligatorio e di violenza o minaccia a pubblico ufficiale. (COVID: TUTTI GLI AGGIORNAMENTI - MAPPE E GRAFICI DEL CONTAGIO - LA SITUAZIONE IN SICILIA)

I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.