Noto, mafia: sequestrati beni a esponente del clan Trigila-Pinnintula

Sicilia

Il 42enne è ritenuto affiliato al clan da oltre 20 anni e secondo gli inquirenti ne avrebbe scalato "le gerarchie intrinseche, fino a divenirne, in alcuni periodi, l'indiscusso reggente"

Sequestrati beni per oltre 500 mila euro nei confronti di G. C., 42 anni di Noto, ritenuto personaggio di spicco del clan Trigila-Pinnintula. Il provvedimento è stato emesso dal Tribunale di Catania su proposta del questore di Siracusa Gabriella Ioppolo e del procuratore di Catania Carmelo Zuccaro.

Il sequestro

Sigilli a quattro veicoli, tra i quali un'auto di lusso, una villa nella zona periferica di Noto, quattro appartamenti, quattro garage e due cantine, tutti in uno stabile in una zona residenziale nella città di Noto, e il 100 % delle quote societarie di un'impresa edile a lui riconducibile e dove risulta ingaggiato.

Le indagini

Il 42enne, per il quale è stata riscontrata una "qualificata pericolosità sociale", è ritenuto affiliato da oltre 20 anni al clan mafioso Trigila-Pinnintula, di cui secondo gli inquirenti avrebbe scalato "le gerarchie intrinseche, fino a divenirne, in alcuni periodi, l'indiscusso reggente". Le indagini patrimoniali hanno accertato l'assoluta sproporzione tra il reddito del nucleo familiare dell'uomo e il patrimonio immobiliare, mobiliare e imprenditoriale di cui è stata accertata la disponibilità anche se i beni risultano intestati a terzi. 

I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.