Covid Sicilia, Orlando: "A Palermo divieto di stazionamento in strada"

Sicilia

Il primo cittadino firmerà nelle prossime ore firmerò un'ordinanza con la quale si vieta lo stazionamento in centro città dalle 16 alle 22 e per l'intera giornata sia sabato che domenica. Inoltre, nel weekend non si potrà sostare in spiaggia in tutto il litorale

Il nuovo live con tutti gli aggiornamenti di oggi in Sicilia

 

"Siamo molto preoccupati per la salute pubblica, nelle prossime ore firmerò un'ordinanza con la quale si vieta lo stazionamento in centro città dalle 16 alle 22 e per l'intera giornata sia sabato che domenica". Lo ha reso noto il sindaco Leoluca Orlando, in un incontro stampa da remoto, che ha annunciato che l'ordinanza entrerà in vigore da giovedì.

Oggi sono 1.201 i nuovi positivi al Covid19 registrati in Sicilia nelle ultime 24 ore su 8.856 tamponi effettuati.

Intanto, il governatore Musumeci ha prorogato fino al 17 novembre la zona rossa a Vittoria, nel Ragusano, e Centuripe, nell'Ennese. (TUTTI GLI AGGIORNAMENTI - MAPPE E GRAFICI DEI CONTAGI)

18:33 – Musumeci: “L'Esa farà sanificazione dei luoghi lavoro”

"Anche l'Ente di sviluppo agricolo sarà in campo nell'ambito dell'emergenza Coronavirus. L'Esa, infatti, si è reso disponibile a eseguire, su tutto il territorio regionale, interventi di sanificazione periodica dei luoghi di lavoro proprio per contrastare e contenere il diffondersi del contagio, oltre a mettere a disposizione le proprie sedi quali drive-in per la realizzazione di tamponi rapidi". Lo comunica il governatore della Sicilia Nello Musumeci dopo un colloquio con Giuseppe Catania, presidente del Consiglio di amministrazione del "braccio operativo della Regione nel campo agricolo". Gli interventi verranno effettuati dal personale dell'Esa con il materiale fornito dallo stesso ente. Tutte le operazioni di sanificazione saranno totalmente gratuite e potranno essere svolte in quei luoghi nei quali non risultano accertati casi di positività al Covid, così come previsto dalle disposizioni del ministero della Salute.

18:08 – Orlando: “Bene spostamento pronto soccorso pediatrico”

"Lo spostamento del Pronto soccorso pediatrico dall'ospedale Cervello al presidio di Villa Sofia è un importante risultato dell'opera di razionalizzazione, oggi quanto mai urgente e necessaria, della rete ospedaliera e di emergenza in città, per continuare a mantenere livelli di cura e attenzione adeguati alle esigenze di tutti, soprattutto dei più piccoli e fragili". Lo dichiara il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando.

18:07 – Sono 46 i nuovi positivi al Drive in alla Fiera a Palermo

Sono stati 908 i tamponi e 46 i positivi oggi alla Fiera del Mediterraneo nella prima giornata in cui l'organizzazione è stata integrata dal personale delle Forze Armate che, con medici ed infermieri, hanno curato una postazione dedicata. La campagna attiva di monitoraggio del Coronavirus, promossa dall'Assessorato Regionale alla Salute, dal Commissario per la gestione dell'emergenza Covid nella provincia di Palermo, Renato Costa, Asp del capoluogo e Comune di Palermo ha fatto registrare in 11 giorni di attività 13.293 tamponi e 1.115 positivi. Domani (mercoledì 11 novembre) l'attività in modalità Drive In proseguirà alla Fiera del Mediterraneo di Palermo e sarà ancora rivolta al mondo della scuola, con orario dalle ore 9 alle 16 (ingresso dell'ultima autovettura alle ore 14)

18:06 – In Sicilia 1.201 nuovi positivi

Sono 1.201 i nuovi positivi al Covid19 registrati in Sicilia nelle ultime 24 ore, su 8.856 tamponi effettuati; 32 i decessi di persone positive, che portano il totale a 735. Con i nuovi casi salgono così a 22.832 gli attuali positivi con un incremento di 893. Di questi 1.543 sono i ricoverati con un incremento di 53: 1348 in regime ordinario e 195 in terapia intensiva con un aumento di 8 ricoveri. I guariti sono 276. I nuovi positivi sono così distribuiti per province: Palermo 197, Catania 308, Ragusa 22, Messina 102, Trapani 84, Siracusa 68, Agrigento 260, Caltanissetta 102, Enna 58.

17:52 – Nove positivi su 639 tamponi per scuole a Siracusa

Nove positivi su 639 tamponi effettuati sono il risultato del monitoraggio anti-Covid 19 dedicato alle scuole superiori di Siracusa ed effettuato stamattina all'ex ospedale neuropsichiatrico. Lo rende noto l'amministrazione comunale. Al monitoraggio hanno aderito sei istituti: Fermi, Corbino, Einaudi, Gagini, Rizza, e il Centro provinciale per l'istruzione degli adulti.Sul campo hanno operato i medici e gli infermieri del Dipartimento prevenzione medico dell'Asp e le associazioni di volontariato. Presenti sul posto il sindaco,Francesco Italia e l'assessore alla protezione civile Sergio Imbrò. "La partecipazione delle scuole - commenta l'assessore Imbrò - è andata oltre le migliori aspettative. Avevamo preventivato di effettuare 400 tamponi, invece si è presentato un numero molto più alto di studenti e personale scolastico, ai quali abbiamo potuto fare fronte grazie alla disponibilità dell'Asp. È un'attività che vogliamo ripetere e contiamo di farlo martedì prossimo".

17:51 - Asp Siracusa, potenziate misure per garantire salute

"L'aumento del numero di casi positivi al Covid-19 in provincia di Siracusa sta determinando la messa in campo di tutte le misure previste dalle norme per continuare a garantire la salute dei cittadini". Lo afferma il direttore generale dell'Asp di Siracusa Salvatore Lucio Ficarra, che ha esortato i cittadini a recarsi al Pronto soccorso solo in caso di reale emergenza e a continuare ad affidarsi ai medici di famiglia e ai pediatri anche attraverso le Usca. "Ad oggi - aggiunge il direttore sanitario Salvatore Madonia - abbiamo rivisto i percorsi covid e non covid all'interno dei presidi ospedalieri, e sono stati assunti numerosi medici, infermieri professionali, autisti ed altre figure specialistiche e si stanno attivando i Covid-Center in tutta la provincia. Questi ultimi sono già presenti sia nell'ospedale Umberto I di Siracusa che di Noto ed Augusta ed a breve anche nel presidio ospedaliero di Lentini. Si sta potenziando la recettività delle terapie intensive e semintensive della provincia dedicando la rianimazione del presidio ospedaliero di Siracusa ai pazienti covid e, ove necessario, di Noto e Augusta. Le attività sanitarie ordinarie proseguono regolarmente nonostante la rimodulazione degli interventi. I cittadini potranno rivolgersi all'Urp al numero verde 800238780 email urp.siracusa@asp.sr.it per comunicare eventuali disfunzioni sistemiche che saranno prontamente valutate".

17:47 - Musei, biblioteche e mostre chiusi a Caltagirone

Musei, biblioteche e mostre rimarranno chiusi a Caltagirone (Catania) sino al prossimo 3 dicembre a seguito delle restrizioni anti Covid 19 introdotte con DPCM del 4 novembre scorso. Lo rende noto il Comune di Caltagirone.

17:11 - Al via servizio di assistenza psicologica a Trapani

La direzione strategica dell'Asp di Trapani ha attivato un servizio di assistenza psicologica telefonica per i pazienti Covid in quarantena domiciliare o in autoisolamento. Si tratta di un supporto specialistico rivolto a tutte le persone che in questa particolare situazione di emergenza sanitaria stanno vivendo una condizione di ansia o di disagio emotivo, con particolare riferimento a coloro che trovandosi in isolamento domiciliare avvertono in maniera amplificata un senso di destabilizzazione e di incertezza generale. L'iniziativa, attivata in ciascun Distretto dell'Azienda sanitaria provinciale di Trapani, è il frutto della collaborazione tra l'Unità Speciale di Continuità Assistenziale e il Servizio di Psicologia, e rientra in una più ampia ottica di cure integrate che prevede la presa in carico globale dei pazienti Covid a partire da una prima indagine finalizzata a differenziare le sintomatologie su base organica da quelle su base psicologica. "La questione psicologica è molto importante in questo momento - sottolinea il commissario straordinario dell'Asp di Trapani, Paolo Zappalà - Lo smarrimento rappresenta un elemento ricorrente nelle fasi iniziali di tutti i contesti di crisi, e nonostante siano state adottate specifiche misure nel contenimento della diffusione della pandemia, la paura è il sentimento presente in molti pazienti affetti dal covid, e una precisa diagnosi differenziale può indirizzare ad interventi mirati e puntuali. Per questo - conclude Zappalà - abbiamo potenziato il servizio di assistenza psicologica sia telefonica che nei reparti". I pazienti covid vengono contattati telefonicamente dagli psicologi su segnalazione degli operatori Usca. Inoltre, è ripresa l'attività di assistenza psicologica nei reparti covid degli ospedali 'Paolo Borsellino' di Marsala e 'Abele Ajello' di Mazara del Vallo dove è prevista la presenza di una psicologa del servizio di Psicologia - Psicologia ospedaliera, per la gestione delle emergenze psicologiche di pazienti, familiari e operatori sanitari. Uno psicologo è operativo anche nella nuova Residenza Sanitaria Assistenziale

17:08 - Chiuso asilo Girasole a Palermo

Chiuso da questa mattina l'asilo Girasole, in seguito alla segnalazione di positività al Covid 19 di un dipendente, e sospesa l'attività per un giorno al nido Aquilone a causa di un furto. Nel primo caso, come previsto dai protocolli, sarà effettuata la sanificazione dei locali, che si trovano in via Perpignano. Le famiglie di bambine e bambini che frequentano la struttura sono state avvisate dell'interruzione del servizio educativo e la segnalazione è stata inviata al Dipartimento prevenzione dell'Azienda sanitaria provinciale. Il furto al nido Aquilone, che si trova in via Maggiore Toselli, è avvenuto la notte scorsa. I ladri sono entrati all'interno della struttura attraverso il giardino, forzando la serratura della porta. Tutte le stanze sono state messe a soqquadro e rubato materiale di cartoleria e una plastificatrice. Questa mattina il servizio è stato sospeso, le famiglie sono state avvertite e le forze dell'ordine hanno già effettuato un sopralluogo. Il personale sta provvedendo all'igienizzazione straordinaria dei locali per accogliere normalmente i bimbi domattina.

 

16:59 – Orlando: “Invito tutti i cittadini a stare in casa

"Invito tutti i cittadini a stare in casa quanto più possono, perché io credo che siamo alla possibile vigilia di una tragedia e io vorrei evitare che ci sia nella nostra città una medicina di guerra. E' un allarme che al momento non posso smentire". E' l'appello che il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, ha lanciato nel pomeriggio ai cittadini nel corso di una video conferenza stampa. "Ci sono conseguenze sulla salute dei cittadini e delle conseguenze economiche. Da oggi il Governo ha annunciato l'erogazione dei ristori per gli imprenditori, spero che non faccia brutta figura e che si proceda in maniera veloce", ha sottolineato Orlando.

16:07 - Orlando: “Garanzia su sicurezza scuole o le chiudo”

"Ho inviato una nota all'Asp, all'assesorato regionale alla pubblica istruzione e all'ufficio scolastico regionale perché se non ho garanzie sulla sicurezza all'interno delle scuole dell'obbligo sono pronto a chiuderle con una ordinanza". Lo ha detto il sindaco di Palermo Leoluca Orlando, nel pomeriggio, durante una video conferenza stampa in cui ha illustrato alcune iniziative per prevenire i contagi da Covid-19. "Farò come ha fatto il sindaco di Bagheria - ha sottolineato Orlando - che ha chiuso le scuole fino a sabato a causa dell'alta percentuale di contagi. Certamente sarà un provvedimento che dipenderà proprio dai dati relativi alla diffusione del virus nelle scuole dell'obbligo, perché sugli istituti superiori non posso intervenire". Il sindaco ha anche rivolto un appello "a tutti a stare a casa il più possibile”.

15:51 - Orlando: “A Palermo più controlli su commercio abusivo”

"Su richiesta delle categorie che ho incontrato ieri adotteremo il massimo rigore per il contrasto al fenomeno dell'abusivismo commerciale". Lo ha detto il sindaco di Palermo Leoluca Orlando durante una video conferenza stampa in cui ha illustrato una serie di iniziative per prevenire i contagi da Covid-19. "I mercati rionali - ha aggiunto - sono consentiti, ma vanno rispettati i protocolli e qualora gli ambulanti autorizzati non dovessero attenersi alle regole sarò costretto a chiuderli. Faremo controlli fotografici per monitorare la situazione. Al Prefetto - ha proseguito Orlando - ho esposto alcune valutazioni in merito ad alcuni provvedimenti che intendo assumere. Siamo in presenza di un virus che ci ha ricordato del diritto alla salute”.

15:44 - Orlando: “A Palermo divieto stazionamento in strada”

"Siamo molto preoccupati per la salute pubblica, nelle prossime ore firmerò un'ordinanza con la quale si vieta lo stazionamento in centro città dalle 16 alle 22 e per l'intera giornata sia sabato che domenica. Nelle isole pedonali si potrà soltanto camminare o mettersi in fila per entrare nei negozi. Non si potrà inoltre sostare in spiaggia in tutto il litorale di Palermo, sabato e domenica". Lo ha detto il sindaco Leoluca Orlando, in un incontro stampa da remoto, che ha annunciato che l'ordinanza entrerà in vigore da giovedì. 

15:24 - Vaccino antinfluenzale, Asp Palermo distribuisce 30mila dosi

L'Asp di Palermo comunica di avere ricevuto circa 30 mila dosi di vaccino antinfluenzale che provvederà a distribuire ai medici di medicina generale secondo queste modalità: Domani saranno effettuate le consegne ai medici di medicina generale e pediatri di libera scelta cui ancora non erano state domiciliate le dosi richieste; Giovedì il vaccino sarà distribuito ai medici che ancora non hanno ricevuto le prime dosi; Da venerdì la distribuzione interesserà tutti coloro che afferiranno presso il centro profilattico di via Carmelo Onorato a Palermo. Sono, così, 210 mila le dosi di vaccino antinfluenzale finora consegnate dalle case produttrici all'Azienda sanitaria provinciale di Palermo. La somministrazione del vaccino agli utenti adulti presso gli ambulatori dell'Asp riprenderà non appena saranno consegnate le ulteriori 150 mila dosi a completamento dell'intera fornitura. Sarà cura dell'Asp informare con successivo comunicato la data di inizio. Rimane, invece, immutata la modalità della vaccinazione antinfluenzale per i bambini che viene praticata ogni sabato mattina - dalle 8.30 alle 13.30 - negli ambulatori "Pietratagliata", "Pallavicino" e "Settecannoli". Inoltre, i genitori possono chiedere che ai propri figli venga somministrato il vaccino antinfluenzale in occasione di qualunque altra vaccinazione in programma nei centri vaccinali dell'Asp di Palermo. 

15:08 - Test ai dipendenti Ars, tutti negativi

Sono risultati tutti i negativi i dipendenti dell'Assemblea regionale siciliana che questa mattina si sono sottoposti volontariamente al tampone anticoronavirus. Si continuerà domani con ulteriori tamponi. Lo comunica la presidenza dell'Ars. Nei giorni scorsi un deputato regionale era risultato positivo al Covid.

15:03 - Asp Enna, 140 nuovi posti letto per pazienti positivi

Prosegue la riconversione dei posti letto ordinari in Covid, secondo il cronoprogramma regionale che prevede 70 letti nell'ospedale Umberto I e ulteriori 70 nell'ambito delle strutture ospedaliere dell'Asp di Enna. Avviata la macchina organizzativa per riconvertire i posti letto anche nell'ospedale Michele Chiello di Piazza Armerina, dove sono già in itinere le procedure per realizzare l'area Covid, a bassa e media intensità, con un governo unitario aziendale nella gestione dell'assistenza. Oggi vertice nella direzione dell'Umberto I tra i componenti dell'unità di crisi per il Covid-19 e il direttore generale Francesco Iudica per fare il punto della situazione e adottare specifici provvedimenti in riferimento all'evoluzione della pandemia. "L'andamento della curva epidemiologica, tenuto sotto osservazione costantemente dall'unità di crisi aziendale - si legge in una nota - detterà tempi e modalità per giungere al numero programmato al Chiello. Nel frattempo, si stanno acquistando, tra l'altro, i sistemi di sanificazione per le strutture e nuovi 100 letti da utilizzare nei reparti ospedalieri di Piazza Armerina e Nicosia". I numeri dei ricoveri nei reparti Covid dell'Umberto I di Enna registrano oggi 53 pazienti in malattie infettive, 2 ricoveri in terapia Intensiva, 2 in reparto Covid ostetricia. "È bene rimarcare che le attività ordinarie non Covid - spiega la direzione aziendale - non sono state sospese, comprese le attività chirurgiche che continuano a essere garantite". Infine, tra i deceduti di ieri anche Cataldo Marco Zaffora, 66 anni, medico dell'Umberto I, ricoverato nell'area Covid dall'1 novembre.

14:42 - Sindaco Palma Montechiaro chiude scuole: 33 positivi in paese

Salgono a 33 i casi di positività al Covid 19 al comune di Palma di Montechiaro. Lo ha comunicato, stamani, al sindaco, Stefano Castellino, l'Asp agrigentina. Altri quattro tamponi sono risultati positivi e adesso, nella città del Gattopardo il primo cittadino ha deciso di emettere una ordinanza con la quale predispone la didattica a distanza di tutte le scuole, ad eccezione della materna. "Torno a chiedere ai genitori - dice il sindaco - di evitare che i figli escano di casa senza valida motivazione. Inoltre, a tutti i cittadini chiedo di uscire di casa solo per necessità ed evitare anche piccoli assembramenti". 

14:34 - Imprese non rispettano norme: multe e sospensioni

Controlli per il rispetto delle norme anticovid nelle imprese siciliane. I carabinieri hanno eseguito ispezioni in 129 aziende in tutta la regione. Nel solo mese di ottobre 25 imprese sono state destinatarie di provvedimento di sospensione per aver impiegato più del 20% della forza lavoro in nero. In particolare, su 383 lavoratori identificati, 84 erano in nero. Di queste 14 aziende non erano in regola con le prescrizioni anti-Covid. Dipendenti non muniti di mascherine e guanti, mancato rispetto del distanziamento interpersonale, assenza di documentazione informativa sulle condotte da tenere sui luoghi di lavoro: sono queste solo alcune delle mancanze riscontrate durante i controlli. Le attività ispettive sono state improntate ad un approccio collaborativo, per il ripristino della legalità e la prevenzione di condotte future. In un clima di lealtà e confronto costruttivo. Solo nelle situazioni più gravi è stata avanzata proposta all'autorità prefettizia per la sospensione delle attività. Per 57 datori di lavoro, inoltre, è scattata la denuncia in stato di libertà per violazioni in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro e per aver installato sistemi di videosorveglianza abusivi. Tra i lavoratori "in nero", 3 sono risultati percettori di Reddito di Cittadinanza per cui, oltre alla denuncia in stato di libertà, sono stati segnalati all'I.N.P.S. per il recupero delle somme già percepite ed il blocco delle successive erogazioni. 

13:59 - Di Dio: “Evitare che Palermo sia zona rossa”

"Dobbiamo fare tutto ciò che è nelle nostre possibilità per evitare che Palermo e la Sicilia possano diventare zona rossa. Non ci possiamo permettere un altro lungo stop totale. Ma non solo: occorre che tutti coloro che hanno responsabilità istituzionali, mettano in condizione di far riaprire tutte le aziende, di far tornare tutti al lavoro, facendosi parte diligente per assicurare il buon funzionamento innanzitutto di ciò che riguarda l'assistenza sanitaria, affinché si attenuino gli effetti della pandemia". Lo ha detto Patrizia Di Dio, presidente di Confcommercio Palermo, dopo la prima riunione del tavolo permanente di crisi e di ripresa" che ha riunito in videoconferenza il sindaco, la giunta e le associazioni datoriali rappresentative della città.

12:13 - Psicologo 25 giorni in intensiva: "Vivo per miracolo"

"Sono vivo. Sono emozionato. Dopo 25 giorni in terapia intensiva con 45% di ossigeno che non mi bastava oggi sono stato trasferito in semi intensiva col 3% di ossigeno resisto e respiro. Ho avuto una polmonite devastante, come dicono i medici di una gravità inaudita, che è un miracolo me lo ricordano tutti i giorni. Sono stato chiuso dentro un casco a ossigeno per 12 giorni, bevevo da una cannuccia, messo prono nel tentativo estremo di salvarmi la vita. Ho visto morire sette persone, le ho viste chiudere dentro i sacchi neri e ho pensato tante volte che anche io sarei finito lì dentro. Ho avuto paura, terrore". Questa è la testimonianza dello psicologo Ernesto Mangiapane. "Ringrazio tutti per le preghiere, i messaggi, l'affetto immenso dei parenti, dei pazienti, degli amici - dice - La mia famiglia, mia sorella, cognati, suoceri, zii, mamma e papà, mia sorella Francesca, sempre pronta a fare di tutto per me. Ringrazio l'equipe tutta dell'Utir dell'ospedale Cervello, il primario Giuseppe Arcoleo, sono pazzeschi, lavorano intensamente senza sosta. E soprattutto grazie alla roccia della mia vita, mia moglie positiva anche lei in isolamento a casa con i nostri bimbi positivi, ora negativizzati. Ha sofferto tantissimo da sola per un tempo che sembrava non passare mai. Io ringrazio la vita". 

10:16 - Muore in ospedale, parenti tentano sfondare la porta

Una donna di 70 anni, con un quadro clinico delicato e affetta da Covid, muore all'ospedale Civico di Palermo e i parenti cercano di sfondare con una panchina la porta del reparto di "Medicina 2" all'edificio 4, inveendo contro i sanitari. L'aggressione è avvenuta nella notte tra venerdì e sabato, ma la notizia si è appresa solo oggi. La polizia è intervenuta due volte su segnalazione del personale, assediato in corsia. Il primo intervento delle volanti ha riportato la calma, ma qualche ora dopo i parenti sono tornanti suonando insistentemente il campanello del citofono. La porta è rimasta chiusa e un gruppo di uomini e donne ha cercato di sfondarla con una panchina, usata come ariete, che ha provicato danni. Gli agenti hanno avviato le indagini e ascoltato il racconto alcuni testimoni.

9:33 - Regione proroga zone rosse a Vittoria e Centuripe

Fino al 17 novembre Vittoria, nel Ragusano, e Centuripe, nell'Ennese, resteranno zone rosse. Il presidente della Regione siciliana Nello Musumeci, tenuto conto del rapporto del dipartimento di Prevenzione dell'Asp, ha firmato l'ordinanza di proroga. Le restrizioni adottate per limitare il contagio del Coronavirus nei due comuni sono quelle già disposte lo scorso 2 novembre.

7:31 - In Sicilia 1.023 nuovi casi su 8.458 tamponi

Sono 1.023 i nuovi positivi al Covid19 registrati in Sicilia nelle ultime 24 ore, su 8.458 tamponi effettuati; 27 i decessi di persone positive, che portano il totale a 703. Con i nuovi casi salgono così a 21.039 gli attuali positivi con un incremento di 427. Di questi 1.490 sono i ricoverati con un incremento di 63: 1303 in regime ordinario e 187 in terapia intensiva con un aumento di dieci ricoveri. I guariti sono 524. I nuovi positivi sono così distribuiti per province: Palermo 188, Catania 359, Ragusa 161, Messina 133, Trapani 6, Siracusa 99, Enna 77, Caltanissetta e Agrigento nessun nuovo caso.

I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24