Monreale, frode a servizio sanitario da onlus trasporti: 4 arresti

Sicilia

Il gip del Tribunale di Palermo ha anche disposto il sequestro preventivo della onlus del palermitano e di oltre un milione di euro. L'assessore Razza: "Chi ruba soldi destinati alla salute dei cittadini è ladro due volte"

Cinque ordinanze di custodia cautelare sono state eseguite dalla guardia di finanza nei confronti di persone vicine alla onlus Cuore Giovane di Monreale (Palermo). Quattro di loro sono finiti ai domiciliari - un dipendente della Seus, società che gestisce il 118, con la moglie, un infermiere dell'Asp di Caltanissetta e un quarto - con l’accusa di truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche e frode in pubbliche forniture. L’infermiere e un altro dipendente Seus sono inoltre accusati di falso. A quest’ultimo è stato notificato un obbligo di dimora. Il gip ha anche disposto il sequestro preventivo della onlus Cuore Giovane e di oltre un milione di euro. Nominato inoltre un custode giudiziario.

La onlus

L'associazione per conto dell'Asp di Palermo svolge il servizio di trasporti di pazienti emodializzati e, per conto della Seus, il servizio di emergenza-urgenza 118 quando, a giudizio della centrale operativa, i mezzi di soccorso non sono sufficienti.
"L'associazione Cuore giovane - dicono i finanzieri - è stata gestita con scopo di lucro, perseguendo gli interessi privati degli amministratori, in contrasto con le norme cosiddetto terzo settore e camuffando gli stipendi elargiti ai 'volontari', in realtà dipendenti come rimborsi".

Le accuse

Inoltre, al momento del rinnovo delle convenzioni con l'Asp, gli indagati avrebbero prodotto falsi attestati di corsi di formazione frequentati da autisti soccorritori e barellieri. Grazie a tali attestazioni la onlus sarebbe riuscita ad accedere alle convenzioni pubbliche, ottenendo ingenti fondi pubblici a fronte di servizi resi in assenza dei requisiti richiesti.

Il commento dell'assessore alla Salute Ruggero Razza

"Chi ruba soldi destinati alla salute dei cittadini è ladro due volte perché sottrae risorse che, come l'esperienza di queste settimane insegna, sono fondamentali per la erogazione dei livelli essenziali di assistenza. Se, come nel caso di questa mattina, i protagonisti sono dipendenti del sistema sanitario si impongono decisioni forti che vanno adottate con immediatezza". Cosi l'assessore alla Salute della Regione Sicilia, Ruggero Razza. "Ringrazio l'autorità giudiziaria e mi complimento con la Guardia di Finanza per la brillante operazione investigativa - aggiunge -. Le autorità tutte sanno che da parte della Regione continuerà ad esserci la collaborazione istituzionale necessaria e doverosa per alzare la barriera della etica pubblica".

I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.