Coronavirus, in Sicilia 2.108 positivi. Razza: "Contrari a stop oltre il 3 maggio"

Sicilia
Foto di archivio

Così l'assessore regionale alla Salute all'Assemblea siciliana: "In Sicilia ci troviamo in una condizione epidemiologica diversa da quella di altre regioni". I guariti sono 284

In Sicilia sono 2.108 le persone positive al coronmavirus (27 in più di ieri) e 284 i pazienti già guariti. Questo il quadro riepilogativo della situazione nell'Isola, aggiornato alle ore 17 di oggi, così come comunicato dalla Regione Siciliana all'Unità di crisi nazionale.
"Il premier Conte ha chiesto alle Regioni di condividere con i ministeri competenti eventuali scelte di anticipare riaperture di attività. Valutiamo l'ipotesi che lo Stato propenda di andare oltre al 3 maggio, mentre la nostra posizione è che non si può andare oltre a quella data, perché in Sicilia ci troviamo in una condizione epidemiologica diversa da quella di altre regioni. Ecco perché nel pomeriggio il presidente Musumeci incontra il comitato tecnico-scientifico regionale". Così l'assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza, all'Assemblea siciliana (TUTTI GLI AGGIORNAMENTI - LO SPECIALE).

19:01 - A Enna ancora 1247 tamponi da processare

Secondo i dati forniti dall'Asp di Enna, sono 1247 i tamponi da processare in tutta provincia a fronte di 301 positivi e 2748 tamponi effettuati. Attese di oltre 20 giorni nonostante sia stato aperto un laboratorio per i tamponi all'ospedale Chiello di Piazza Armerina, che però, processa solo gli esami degli operatori sanitari e dei pazienti di Enna. "Con l'arrivo di un congruo numero di tamponi e il convenzionamento con 4 lavoratori di Catania é stato possibile sbloccare la vicenda dei tamponi" dice in una nota la direzione dell'Asp di Enna . Con il migliaio di tamponi arrivati dalla Regione sarebbero stati, finalmente, sottoposti all'esame i rientrati in provincia da fuori Regione e monitorare alcune strutture come RSA, Case di Riposo e carceri. Secondo l'Asp la convenzione con i laboratori di Catania permetterà di processare almeno 250 tamponi al giorno così da smaltire l'arretrato che si è accumulato. Da settimane, infatti ,ci sono centinaia di persone bloccate a casa nell'attesa di conoscere la positività o meno o in ospedale in attesa del doppio tampone che ne confermi la guarigione.

18:29 - 38 decessi totali a Messina

Il coordinamento per l'emergenza coronavirus nell'area metropolitana di Messina informa che nell'ospedale "C. Zodda" di Barcellona PdG, dove si trovava ricoverato, è deceduto un uomo di 45 anni, già affetto da altre patologie e risultato positivo al Covid-19. Dall'inizio dell'emergenza sono pertanto 38 in totale i decessi di persone affette da coronavirus in città e provincia. Al contempo si sono registrate due nuove guarigioni di pazienti ricoverati per coronavirus all'ospedale "Papardo" di Messina. Si tratta di due donne di 70 e 49 anni.

17:17 - Donate 2 apparecchiature per tamponi a Ragusa

Una ditta ragusana ha donato due attrezzature per il laboratorio Analisi dell'Ospedale "Giovanni Paolo II" che rappresentano una boccata di ossigeno per il servizio perché consentono di processare molti più tamponi. A donarle l'azienda Dione di Scicli di Mariano Patanè. Si tratta di due apparecchiature utili per la diagnostica molecolare per il Covid-19 che hanno un valore di 45 mila euro. Il gesto di solidarietà dell'azienda Dione è stato molto apprezzato dai vertici dell'Asp Ragusa. 

17:07 - 2.108 positivi in Sicilia, 284 guariti

In Sicilia sono 2.108 le persone positive al coronmavirus (27 in più di ieri) e 284 i pazienti già guariti. Questo il quadro riepilogativo della situazione nell'Isola, aggiornato alle ore 17 di oggi, così come comunicato dalla Regione Siciliana all'Unità di crisi nazionale. Dall'inizio dei controlli, i tamponi effettuati sono stati 42.405 (+2.538 rispetto a ieri). Di questi sono risultati positivi 2.579 (+44), mentre, attualmente, sono ancora contagiate 2.108 persone (+27), 284 sono guarite (+11) e 187 decedute (+6). Degli attuali 2.108 positivi, 573 pazienti (-17) sono ricoverati - di cui 48 in terapia intensiva (-1) - mentre 1.535 (+44) sono in isolamento domiciliare. 

16:35 - Asp Ragusa, ritardi nei risultati dei tamponi

A seguito dei ritardi accumulati per via dell'alto numero dei tamponi effettuati e della mancanza dei reagenti, "al fine di riuscire a processare il più alto numero possibile di tamponi - afferma una nota dell'Asp - si è provveduto a contattare tutti i laboratori accreditati dalla Regione chiedendo la disponibilità alla lavorazione di tamponi. Grazie anche all'autorizzazione dell'assessorato regionale oggi sono stati inviati 370 tamponi ai laboratori disponibili, che si aggiungono a quelli trattati, direttamente, presso il Laboratorio di microbiologia dell'ospedale "Giovanni Paolo II" di Ragusa, in modo da consentire lo smaltimento dei campioni in arretrato nei prossimi giorni. Solo così si potranno dare risposte ai molti cittadini che attendono l'esito dei tamponi per potere concludere l'isolamento obbligatorio".

16:32 - Salgono a 12 i morti nella Rsa di Villafrati (Palermo)

Salgono a 12 le vittime per coronavirus ospiti della Rsa Villa delle Palme a Villafrati, il paese del palermitano dichiarato "zona rossa" dal presidente della Regione Musumeci. Una donna di 88 anni è morta ieri sera. nel Covid Hospital di Partinico, dove era ricoverata da alcuni giorni. Nella Rsa sono stati registrati complessivamente 74 casi di persone positive al Coronavirus, 60 tra gli anziani ospiti (12 dei quali deceduti) e 24 tra gli operatori della struttura. Intanto sono stati trasferiti nella notte a Partinico anche tre ex ricoverati della clinica Villa Maria Eleonora che da alcuni giorni erano ospitati al Covid hotel San Paolo Palace. Le loro condizioni non erano compatibili con la degenza nell'albergo. 

15:55 - L'assessore Armao: "Govedì vertice con Boccia e Mef"

"Giovedì prossimo, finalmente, ci sarà l'incontro tra il ministro Boccia, i sottosegretari all'Economia e le Regioni a statuto speciale proprio sui bilancio". Lo ha annunciato all'Ars l'assessore regionale all'Economia, Gaetano Armao, replicando agli interventi dei parlamentari durante il dibattito sulle misure anti-Covid-19. "L'utilizzo dei fondi europei - ha detto inoltre Arma - è fondamentale per gli interventi di sostegno all'economia, su questo occorre l'accordo con lo Stato. Così come è altrettanto importante l'intesa complessiva con Roma sulla materia finanziaria". 

15:25 - Tamponi negativi sui sanitari dell'ospedale Partinico

"Sono tutti negativi i tamponi ai quali sono stati sottoposti circa 15 giorni fa gli operatori del 'Covid Hospital' di Partinico. Gli esami sono stati effettuati a medici, infermieri, personale sanitario, tecnico ed amministrativo in servizio nel presidio dell'Asp di Palermo, interamente dedicato alla cura dei pazienti covid-positivi". Lo fa sapere in una nota l'Asp di Palermo. Sono stati inoltre effettuati nei giorni scorsi gli esami agli operatori del pronto soccorso e pre-triage dell'ospedale 'Cimino' di Termini Imerese (risultati anch'essi negativi) e sono in corso quelli agli operatori più esposti degli ospedali 'Dei Bianchi' di Corleone ed 'Ingrassia' di Palermo, mentre domani sarà sottoposto a tampone il personale del 'Madonna dell'Alto' di Petralia Sottana nel rispetto di un cronoprogramma di attività per tutte le strutture ospedaliere, territoriali ed infine amministrative. Le misure di rilevamento e protezione della salute degli operatori coinvolgono tutte le strutture aziendali, ad iniziare da quelle impegnate in prima linea nell'emergenza coronavirus. Sono stati sottoposti ad esami i medici dell'emergenza sanitaria che dal 3 marzo effettuano i tamponi a domicilio dei pazienti, così come le 'squadre' impegnate negli esami ai soggetti rientrati da altre zone d'Italia a fine quarantena. Tamponi anche ai medici delle unità speciali di continuità assistenziale, che, in raccordo con i medici di medicina generale ed i pediatri di libera scelta, si occupano di curare a domicilio i soggetti positivi o sospetti positivi. Dalla prossima settimana si aggiungerà anche un'intensa attività di diagnostica sierologica per la quale l'Asp si è già attrezzata. In particolare, il programma prevede le attività di diagnosi a partire dagli operatori secondo il seguente calendario: 20-22 aprile ospedale di Termini Imerese; 23-28 aprile ospedale Ingrassia di Palermo; 29-30 aprile-2 maggio Villa delle Ginestre di Palermo; 4-5 maggio ospedale di Corleone; 6-7 maggio ospedale di Petralia Sottana.

15:24 - Sicilia, contrari a stop oltre il 3 maggio

"Il premier Conte ha chiesto alle Regioni di condividere con i ministeri competenti eventuali scelte di anticipare riaperture di attività. Valutiamo l'ipotesi che lo Stato propenda di andare oltre al 3 maggio, mentre la nostra posizione è che non si può andare oltre a quella data, perché in Sicilia ci troviamo in una condizione epidemiologica diversa da quella di altre regioni. Ecco perché nel pomeriggio il presidente Musumeci incontra il comitato tecnico-scientifico regionale". Così l'assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza, all'Assemblea siciliana.  

14:45 - Morto il boss pentito Francesco Di Carlo

E' morto di polmonite, e positivo al coronavirus, l'ex boss collaboratore di giustizia Francesco Di Carlo. Originario di Altofonte (Palermo), storico narcotrafficante di Cosa nostra, per anni è stato detenuto in Inghilterra dove, dietro il paravento di una società di import-export, gestiva traffici di cocaina per miliardi di sterline. Nel 1996 iniziò la collaborazione con la giustizia italiana diventando tra i grandi accusatori dell'ex senatore di Forza Italia Marcello Dell'Utri che indicò come il mediatore dei rapporti che l'ex premier Silvio Berlusconi avrebbe avuto con la mafia. Un altro pentito, Francesco Marino Mannoia, affermò che Di Carlo aveva ucciso il banchiere Roberto Calvi.

13:59 - Armao, assessore Economia: "Persi 4 miliardi di fatturato"

In Sicilia sono stati persi 4 miliardi di euro di fatturato sui 101 totali. È la stima dell'ufficio statistica della Regione siciliana. A riferirla all'Ars è stato l'assessore regionale all'Economia, Gaetano Armao. "A causa della crisi del 2008 la Sicilia aveva perso 13 punti di Pil, tra il 2013 e il 2018 abbiamo recuperato 2 punti e mezzo - ha detto Armao -. Se le previsioni sono di un meno 10 per l'Italia e di meno 12 punti per la Sicilia significa che, conclusa emergenza, cominceremo con meno 25 punti. Una situazione pesante".

13:37 - Donati quattro ventilatori polmonari all'Asp di Siracusa

Sono stati consegnati stamane alla Terapia intensiva del Covid Center dell'ospedale Umberto I di Siracusa 4 ventilatori polmonari donati dal Fondo Sociale ex Eternit all'Asp di Siracusa per volontà del suo presidente Astolfo Di Amato e dei componenti il direttivo, gli avvocati Silvio Aliffi ed Ezechia Paolo Reale. Si tratta di ventilatori polmonari di ultima generazione in grado di eseguire tecniche di ventilazione d'avanguardia per la gestione clinica dei pazienti con insufficienza respiratoria acuta. I ventilatori sono stati affidati al direttore del reparto di Rianimazione e vanno ad aggiungersi agli 8 identici ventilatori acquistati dall'Azienda per incrementare il numero dei posti letto di terapia intensiva per la gestione dell'emergenza Covid.

12:18 - Marsala, passeggero Costa Deliziosa trasferito al Covid Hospital

Un passeggero della nave da crociera Costa Deliziosa, attualmente all'ancora a circa due miglia dal porto di Marsala, è stato trasferito al Covid Hospital allestito all'ospedale Paolo Borsellino. Due mezzi dell'ufficio circondariale marittimo di Marsala si sono avvicinati alla nave, tornando poi accompagnati da un mezzo della Costa Delizia su cui è stato trasportato il passeggero. Sulla banchina, ad attenderlo, c'era un'ambulanza del 118 per il successivo trasporto al Covid Hospital di Marsala.

11:58 - Recuperati a Palermo tuta e guanti abbandonati

A Palermo, in via Pietro Bonanno, è stata abbandonata nel tardo pomeriggio di ieri, una tuta in 'tyvek' sporca e poco distante un paio di guanti monouso. La denuncia è di Natalia Re, responsabile delle relazioni esterne di 'Ugri-Servizi per l'ambiente', società che si occupa di smaltimento di rifiuti speciali anche per conto dell'Asp di Palermo che ha sollecitato l'intervento urgente di rimozione. "Quanto accaduto è un fatto gravissimo, non solo un reato, ma un atto moralmente deprecabile - spiega Re - considerata la fase di emergenza sanitaria da Coronavirus. I nostri operatori sono intervenuti fuori dal servizio, a titolo gratuito, dopo che avevano terminato il proprio orario di lavoro, recuperando il rifiuto pericoloso".

11:04 - Gira video mentre va in bici incitando a violare norme: denunciato

Ha realizzato un video mostrandosi mentre percorreva una strada in bicicletta nel Siracusano e incitando a violare le misure anticoronavirus. Per questo R.M., di Avola, 51 anni, è stato denunciato dalla polizia e sanzionato per essere uscito dalla propria abitazione ed aver praticato attività sportiva contravvenendo alle misure di contenimento sanitario.

10:14 - Positivi due sanitari in ospedale Augusta

Chiusi per sanificazione i reparti di medicina, geriatria e stroke unit dell'ospedale Umberto I di Siracusa e il reparto di Neurologia dell'ospedale Muscatello di Augusta. Provvedimenti necessari da parte dell'azienda sanitaria provinciale dopo la serie di contagi che ha interessato pazienti e personale sanitario. Al Muscatello sono risultati positivi due pazienti: è scattato come da prassi il test del tampone per tutto il personale sanitario e due infermiere sono risultati positive, mentre tutti gli altri sanitari sono risultati negativi.

8:01 - Palermo, passeggia con una pecora: multato

Un uomo è stato fermato e multato a Palermo mentre passeggiava con una pecora al guinzaglio in viale Regione siciliana, la circonvallazione della città. È stato sorpreso da una pattuglia della polizia municipale insieme all'animale vicino al sovrappasso Zisa-Altarello.

7:30 - Morta anziana di 89 anni a Messina

Il coordinamento per l'emergenza coronavirus nell'area metropolitana di Messina ha comunicato che presso il Policlinico "G. Martino" di Messina è deceduta una donna di 89 anni che era risultata positiva al Coronavirus. Dall'inizio dell'emergenza sono 37 in totale i decessi in città e provincia.

7:01 - Catania, guardia di finanza controlla 784 persone: 83 sanzioni

Sono 784 le persone e 272 gli esercizi commerciali controllati nel periodo Pasquale dalla Guardia di finanza di Catania, con oltre 400 militari in azione, che ha elevato 83 sanzioni. Tra loro cìè chi ha partecipato a grigliate da parenti e amici, un runner recidivo sanzionato per la seconda volta in pochi giorni dalle Fiamme gialle sul lungomare della città e chi si è giustificato dicendo di doversi recare in banca o alla posta per fare delle operazioni finanziarie urgenti la domenica di Pasqua o il lunedì di Pasquetta. Tre persone sono state controllate su un'auto, sprovvista di copertura assicurativa, mentre facevano ritorno da una giornata di pesca presso la riserva Oasi del Simeto in possesso di 20 chili di pesce. Quest'ultimo è stato sequestrato e poi donato in beneficenza dopo i rituali controlli sanitari. I tre sono stati denunciati per pesca di frodo e danneggiamento di area naturale protetta.

I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.