Enna, presunto boss di Cosa nostra condannato a 26 anni di carcere

Sicilia

L'uomo, per il quale il Tribunale ha disposto l'interdizione dai pubblici uffici durante l'esecuzione della pena e tre anni di libertà vigilata dopo la fine della condanna, è accusato di associazione mafiosa 

Il Tribunale di Enna ha condannato a 26 anni di reclusione per associazione mafiosa il presunto boss S. S., 74 anni, ritenuto il reggente di Cosa nostra in provincia. Assolto, invece, "per non avere commesso il fatto", in accoglimento della richiesta del Pm, A. T., 57 anni, di Troina. Nei confronti del capomafia il Tribunale ha disposto l'interdizione dai pubblici uffici durante l'esecuzione della pena e tre anni di libertà vigilata dopo la fine della condanna.

Le indagini

La sentenza riguarda il processo ordinario, sei indagati sono stati già giudicati in abbreviato, nato dall'operazione 'Goodfellas' condotta dalla polizia di Enna e coordinata dalla Dda di Caltanissetta. Secondo l'accusa, il gruppo, oltre a imporre il pizzo a commercianti e imprenditori, grazie a intimidazioni e danneggiamenti, avrebbe permesso ad alcuni degli imputati di operare senza concorrenza a Leonforte e Agira.

I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.