Catania: lavoravano in nero, ma percepivano reddito di cittadinanza

Sicilia
Foto di Archivio (ANSA)

Scoperti in 11 e di questi sette ricevevano il sussidio. Sono stati denunciati per truffa. Il datore di lavoro, invece, è stato sanzionato per 93milan euro e dovrà versare contributi assicurativi e previdenziali per 20milan euro

A Catania i carabinieri hanno scoperto 11 lavoratori impiegati in nero in una casa di riposo per anziani, sette dei quali percepivano il reddito di cittadinanza. Le indagini hanno consentito di documentare che i sette lavoravano di notte per ridurre la possibilità di essere scoperti. Non ricevevano le retribuzioni previste dal contratto, non erano formati e informati in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro né venivano sottoposti a visite mediche per l'idoneità. Sono stati denunciati per truffa.

Il sequestro

I carabinieri gli hanno sequestrato le carte magnetiche Postamat e hanno comunicato la loro situazione all'Inps per la decadenza dal beneficio e il recupero di 32mila euro. Il datore di lavoro, che aveva installato un impianto di videosorveglianza senza autorizzazioni, è stato sanzionato per 93milan euro e dovrà versare contributi assicurativi e previdenziali per 20milan euro.

I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.