Marsala, fa trovare testa di cavallo mozzata: a giudizio 33enne

Sicilia

Vittima della grave intimidazione, avvenuta il 12 gennaio 2017, un commercialista marsalese. Ancora da chiarire i motivi del gesto 

Aveva fatto trovare a un commercialista di Marsala, davanti al cancello di casa, una testa di cavallo mozzata: per questo, con l’accusa di minaccia aggravata, è stato rinviato a giudizio un uomo di 33 anni, B. A.

Le indagini

L’intimidazione avvenne il 12 gennaio 2017 ai danni del commercialista marsalese Giulio Bellan. Inizialmente al caso si era interessata anche la Dda, ipotizzando un coinvolgimento della criminalità organizzata. Successivamente è emerso invece che si è trattato di un fatto personale. Il 33enne aveva rilevato la licenza per una rivendita di tabacchi da un cliente di Bellan e, per motivi ancora da chiarire, ha minacciato il commercialista.

Le parole del legale della vittima

Ad assistere la vittima è l'avvocato Salvatore Sinatra, che ha dichiarato: "Non so cosa abbia potuto spingere A. ad una simile azione e non so quali potessero essere le sue reali intenzioni, ma ricevere un gesto che rimanda alle peggiori minacce di morte non è stato per niente bello, come non è stato affatto facile affrontare tutto ciò che ne è conseguito. Si tratta di un gesto che, al di là delle motivazioni, non può essere assolutamente tollerato".

I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24