Mafia, chiedevano pizzo a imprese edili: 3 condannati nel Palermitano

Sicilia

I tre sono accusati di aver chiesto a due ditte, impegnate nella costruzione di alcune abitazioni a Monreale, di pagare 3mila euro per ognuno dei 18 appartamenti 

Tre persone ritenute affiliate a famiglie mafiose sono state condannate dal gup di Palermo per due tentativi di estorsione e danneggiamenti. Si tratta di S. L., condannato a 6 anni di reclusione, A. S., condannato a 10 anni, e S. D., capomafia di Monreale, 5 anni. Secondo l’accusa quest’ultimo gestiva il racket.

Le accuse

I tre sono accusati di aver chiesto il pizzo a due imprese edili impegnate nella costruzione di alcuni appartamenti a Monreale, nel Palermitano, costringendo le ditte a pagare 3mila euro per ognuno dei 18 appartamenti. Inoltre le aziende avrebbero dovuto realizzare gli impianti idraulici in una azienda collusa con la mafia. Sentite dai carabinieri, le vittime avevano ammesso di aver subito i tentativi di estorsione.

I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24