Ragusa, tossicodipendente muore in carcere: aperta inchiesta

Sicilia

Il detenuto era stato preso in cura dal Sert (Servizi per le Tossicodipendenze) e assumeva dosi di metadone per la disintossicazione 

La Procura di Ragusa ha aperto un'inchiesta sul decesso di Cesare Rugnetta, 36 anni, morto nel carcere cittadino il 20 marzo scorso. L'uomo, dipendente da sostanze stupefacenti, doveva scontare un residuo di pena ed era stato preso in cura dal Sert (Servizi per le Tossicodipendenze). Assumeva dosi di metadone per la disintossicazione. A seguito del decesso, i genitori hanno presentato denuncia contro ignoti affinché si facesse chiarezza sul caso e sulle cause che hanno provocato l'arresto cardiocircolatorio del detenuto. Il sostituto procuratore Monica Monego ha disposto l'autopsia sul corpo di Rugnetta, che è stata eseguita venerdì 22 marzo.

I più letti