Avola, tentarono di imporre il pizzo a un imprenditore: 4 condanne

Sicilia
Foto di archivio (Fotogramma)
Agenzia_Fotogramma_giustizia2

Il Gup ha condannato per tentata estorsione aggravata dal metodo mafioso Giuseppe Capozio a 3 anni e 8 mesi, Paolo Zuppardo, Luciano Capozio e Corrado Lazzaro a tre anni e 4 mesi 

Avrebbero sparato contro un container di un'azienda edile per intimidire il proprietario e convincerlo a pagare il pizzo, per questo quattro avolesi sono stati condannati dal Giudice per le Udienze Preliminari del Tribunale di Catania per tentata estorsione aggravata dal metodo mafioso.

Le intimidazioni

Alcuni colpi di fucile sarebbero stati esplosi nel febbraio del2017 contro un container usato come magazzino nell'area di un'azienda edile impegnata nei lavori di costruzione di una clinica ad Avola. Dopo gli spari, è stato appiccato un incendio al deposito degli attrezzi. L'imprenditore edile ha denunciato tutto ai carabinieri che sono risaliti ai presunti responsabili.

Le condanne

Il Gup ha condannato per tentata estorsione aggravata dal metodo mafioso Giuseppe Capozio a 3 anni ed 8 mesi, Paolo Zuppardo, Luciano Capozio e Corrado Lazzaro a tre anni e 4 mesi ciascuno. Luciano Capozio è stato assolto dall'accusa di attentato incendiario.

I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24