Messina, fanno estorsione via WhatsApp: arrestati due cugini

Sicilia
Foto di archivio (ANSA)

I due, di 24 e 30 anni, sono stati fermati in flagranza di reato. L'accusa è di tentata estorsione in concorso. Avrebbero preteso mille euro da un ragazzo  

Due cugini, di 24 e 30 anni, sono stati arrestati in flagranza di reato, dai carabinieri di Furnari, nel Messinese, per tentata estorsione in concorso nei confronti di un giovane. I fermati, entrambi di Messina, sono stati posti ai domiciliari. I due hanno minacciato la vittima, anche attraverso messaggi su WhatsApp, pretendendo mille. Il ragazzo, in un primo momento, ha ceduto alle intimidazioni dei due, dando loro 500 euro, poi si è rivolto agli uomini dell’Arma. I militari si sono appostati vicino alla sua abitazione e, quando i due cugini sono arrivati, li hanno bloccati.

Fitta sequenza di messaggi

Gli accertamenti eseguiti hanno fatto venire alla luce una fitta sequenza di messaggi tra la vittima e i due arrestati. Le richieste estorsive sono nate da un presunto furto di marijuana, che gli arrestati imputavano al ragazzo.

I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24