Gela, incendio doloso all'ufficio delle Dogane: aperte le indagini

Sicilia
Foto di archivio (ANSA)

Sono state le guardie della vigilanza aziendale a dare l'allarme e a fare intervenire i vigili del fuoco, i carabinieri e la guardia di finanza 

Un incendio di natura dolosa ha danneggiato la parte esterna dell'ufficio delle Dogane e dei Monopoli di Gela, adiacente all'ingresso B del petrolchimico dell'Eni. Sono state le guardie della vigilanza aziendale a dare l'allarme e a fare intervenire i vigili del fuoco, i carabinieri e la guardia di finanza che indagano sull'episodio. Le fiamme hanno danneggiato gli impianti elettrici e di climatizzazione del fabbricato. L'attentato risale alla serata di sabato 3 novembre, ma la notizia è trapelata soltanto lunedì quando la gente ha visto la rete di recinzione coperta da un lungo telo bianco, nel tentativo di celare i segni dell'incendio alla vista dei curiosi. Il direttore dell'ufficio, Roberto D'Arminio ha dichiarato ai carabinieri di "non avere sospetti verso alcuno" pur ammettendo di avere "intensificato da qualche tempo i controlli d'ufficio" per il pagamento dei diritti doganali su produzione, trasporto e utilizzazione di prodotti petroliferi.

I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24