Gela, aveva incendiato un bar: arrestato dalla polizia

Sicilia
Foto di Archivio
Fotogramma_CostaGela

Preso l’uomo, Giovanni Botta di 37 anni, che il 20 ottobre aveva avuto un ruolo nell’incendio che aveva danneggiato il bar pasticceria Lory 

È stato arrestato dalla polizia l’uomo che il 20 ottobre scorso aveva avuto un ruolo nell’incendio che ha danneggiato il bar pasticceria Lory a Gela. Nei suoi confronti il commissariato ha eseguito un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip, su richiesta della locale Procura. 

Ripresao dalle telecamere

L'arrestato è Giovanni Botta, 37 anni, laureato in giurisprudenza, ma che sarebbe commerciante di prodotti alimentari per bar, ristoranti e pizzerie. L'attentato incendiario avrebbe come movente l'intimidazione per imporre alle vittime l'acquisto dei suoi prodotti. L'uomo è stato ripreso dai sistemi di videosorveglianza di negozi della zona. Seppure a viso coperto, sarebbe stato identificato dalla polizia che ha sequestrato nella sua abitazione abiti simili a quelli usati dall'attentatore. Il procuratore Fernando Asaro ha invitato i cittadini a collaborare con magistratura e forze dell'ordine denunciando gli incendi dolosi che per il questore di Caltanissetta, Giovanni Signer, "sono atti di codardia".

I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24