Covid Campania, 1.627 casi su 14.571 tamponi molecolari

Campania
©IPA/Fotogramma

In merito alla situazione degli ospedali diminuiscono leggermente i posti letto occupati in terapia intensiva, oggi sono 133 e ieri erano 136, e anche quelli in degenza, oggi 1.592 e ieri 1.594

Il nuovo LIVE con tutti gli aggiornamenti di oggi dalla Campania

 

Sono 1.627 i casi positivi al Covid nelle ultime 24 ore in Campania su 14.571 tamponi molecolari esaminati. Secondo i dati dell'Unità di crisi della Regione Campania, l'indice di positività si attesta, dunque, all'11,16%.

Intanto, grazie all'accordo tra Federfarma e Regione, dovrebbero partire a inizio maggio le vaccinazioni nelle farmacie (TUTTI GLI AGGIORNAMENTI - MAPPE E GRAFICI DEI CONTAGI).

18:43 - Nel Napoletano festa con 59 persone in hotel

Una festa in hotel con ben 59 persone in piena zona rossa. E' quanto è accaduto domenica scorsa a Bacoli, in provincia di Napoli. Gli agenti del commissariato di Pozzuoli sono intervenuti a seguito di una segnalazione di numerose persone che stavano pranzando all'interno di un hotel ufficialmente chiuso in via Cicerone. I poliziotti, una volta entrati, hanno effettivamente sorpreso 59 persone sedute ai tavoli accertando che era in corso una festa: le hanno sanzionate per inottemperanza alle misure anti Covid-19. Gli agenti hanno identificato il titolare della struttura che, alla richiesta di fornire i nominativi degli alloggiati, ha ammesso di non aver registrato alcun ospite e di averne soltanto annotato i nomi sommariamente su un foglio poiché per alcune camere aveva applicato la formula "day use". Il titolare, un 61enne napoletano, è stato denunciato per mancata comunicazione delle persone alloggiate all'Autorità di Pubblica Sicurezza e sanzionato per inottemperanza alle misure anti Covid-19; è stata disposta la chiusura dell'albergo per un giorno.

18:06 - Due classi in quarantena dopo contagi a Torre del Greco

Altre due classi in isolamento fiduciario a Torre del Greco (Napoli) a causa di altrettanti casi accertati di tampone positivo al Covid. Si tratta di due terze della scuola primaria appartenenti all'istituto comprensivo Giampietro-Romano. I casi accertati riguardano uno un'insegnante, la cui ultima presenza a scuola è avvenuta lo scorso 7 aprile, l'altro una alunna, presente per l'ultima volta il 9 aprile scorso. In entrambi i casi la dirigente scolastica ha disposto l'isolamento domiciliare per tutti gli alunni e le insegnanti venute a contattato con i due soggetti positivi. In precedenza altre tre classi di due istituti comprensivi erano state poste in didattica a distanza dopo l'accertamento di altri due casi di contagio.

17:08 - In Campania 1.627 nuovi casi su 14.571 tamponi molecolari

Sono 1.627 i casi positivi al Covid nelle ultime 24 ore in Campania su 14.571 tamponi molecolari esaminati. Secondo i dati dell'Unità di crisi della Regione Campania, l'indice di positività si attesta, dunque, all'11,16%. Sette le persone decedute, delle quali cinque nelle ultime 48 ore, due in precedenza ma registrati ieri. Le persone guarite, invece, sono 1.848. In merito alla situazione degli ospedali diminuiscono leggermente i posti letto occupati in terapia intensiva, oggi sono 133 e ieri erano 136, e anche quelli in degenza, oggi 1.592 e ieri 1.594.

15:07 - Vaccini: a Napoli inoculazioni con dosi avanzate di Astrazeneca

"Ho fatto Astrazeneca e sono convinta. Nelle ultime settimane in tv è andato chiunque non avesse un mimino di conoscenza medica a parlare dei vaccini, attori, presentatrici ci dicevano perché non fare l'iniezione. Lo trovo assurdo e molti si sono fatti convincere, ma questo virus killer lo battiamo solo vaccinandoci". Maria ha oltre 70 anni e parla nella sala d'attesa del centro vaccinale di Napoli alla Stazione Marittima, ha appena fatto la sua dose, è una ex infermiera all'Ospedale Ascalesi e esprime chiara la voce del sì. Come lei sono stati mille oggi alla Stazione Marittima a vaccinarsi, dopo che la penuria di vaccini Pfizer e Moderna ha spinto la Regione a raccogliere tutte le dosi Astrazeneca avanzate dai chi ha detto no per tenere in piedi la somministrazione. "Abbiamo le dosi - spiega Teresa Granato, farmacista che prepara le dosi alla Stazione Marittima - e stiamo andando avanti. Ma siamo pronti anche su numeri molto più alti, ci siamo preparati, aspettiamo solo grosse quantità di vaccino”.

14:35 - Confcommercio Pompei: "Anche per noi priorità vaccini"

Il mondo dell'imprenditoria di Pompei è pronto a duellare con le isole della Campania e la Penisola sorrentina per assicurarsi pari priorità nelle vaccinazioni degli operatori delle attività alberghiere e del commercio. A dare avvio alla "guerra degli imprenditori" è il presidente della Confcommercio di Pompei, Gino Longobardi che annuncia: “Pompei con le buone o con le cattive maniere da oggi batterà i pugni sui tavoli decisionali della politica”. Indignato per non avere visto inclusa la città degli Scavi nel piano di vaccinazione della Regione Campania, Longobardi afferma: “Pompei non è la cenerentola turistica della Campania. I nostri flussi turistici vengono da sempre sfruttati da altre città limitrofe ed è arrivato il momento di rivendicare le loro stesse condizioni di trattamento. Si fa finta di non sapere che la nostra città in questo momento è il maggiore attrattore turistico regionale e nazionale - aggiunge il presidente di Confcommercio-Pompei - Chiediamo alla nostra amministrazione di farsi portavoce nell'immediatezza delle nostre rivendicazioni presso il governo regionale. Chiediamo un' accelerazione della campagna di vaccinazione che chiaramente deve prima coprire le categorie maggiormente a rischio come anziani, Rsa, personale sanitario di polizia ecc. Ma, subito dopo, deve coinvolgere le strutture alberghiere e ristorative, il personale della soprintendenza e i venditori di souvenir e le attività commerciali tutte. Le persone che sceglieranno la nostra città devono avere la percezione di una Pompei Covid-free”.

14:03 - Vaccini, Ascom propone piano per imprese Torre del Greco

Un piano vaccinale per le imprese di Torre del Greco (Napoli). È la proposta avanzata dalla locale sezione dell'Ascom Confcommercio al distretto sociosanitario 57 dell'Asl Napoli 3 Sud e che presto finirà in un protocollo d'intesa. A spiegarlo sono proprio i referenti dell'associazione commercianti: ''Sono mesi - dicono - che le piccole imprese combattono contro un nemico invisibile, quale il virus Covid-19, ma anche contro le istituzioni che continuano ad emanare misure restrittive che sacrificano sempre le stesse categorie già in sofferenza. Nel corso dell'ultimo anno abbiamo messo in campo tutte le iniziative possibili per poter supportare le imprese e accelerare il processo di fuoriuscita dalla crisi, dall'informazione puntuale e costante delle varie disposizioni normative, al dialogo costante con le istituzioni, Comune in particolare, per l'individuazione di misure straordinarie per supportare le imprese, alla raccolta fondi per dare strumenti immediati al nostro sistema sanitario''.

12:49 - Il sindaco riapre i parchi pubblici a Torre Annunziata 

Calano sotto quota 150 i casi di contagio al Covid a Torre Annunziata. Il sindaco, Vincenzo Ascione, riapre al pubblico due parchi pubblici. A partire da domani, infatti, saranno nuovamente fruibili Villa del Parnaso e la villa comunale, chiusi da quasi tre mesi dopo l'impennata di positivi al Coronavirus. Villa del Parnaso in particolare sarà aperta dal 14 aprile al 30 maggio dalle 8 alle 13.30 e dalle 16 alle 20.30; dal primo giugno al 30 settembre invece apertura dal lunedì al venerdì dalle 7.30 alle 13.30 e dalle ore 15.30 alle 21, mentre il sabato e la domenica la chiusura sarà procrastinata di un'ora. Intanto i casi di contagio a Torre Annunziata complessivi sono arrivati a 141, visti i quattro nuovi tamponi positivi segnalati nelle ultime 24 ore e le undici guarigioni, ai quali vanno aggiunti i decessi di due donne di 81 e 86 anni, che portano il numero totale dei morti legati alla pandemia a 85.

12:04 - Corteo ambulanti su A1, furgoni a passo d'uomo

Una settimana dopo la protesta che ha paralizzato l'autostrada A1 tra Caserta e Napoli, creando tanti disagi agli automobilisti, i venditori ambulanti aderenti alla sigla dell'Ana-Ugl tornano a protestare con un lungo e lento "serpentone" di auto e furgoni che da Caserta Sud è risalito verso nord, per poi imboccare l'uscita di Santa Maria Capua Vetere. Altri ambulanti sono partiti dal Napoletano e dal Salernitano, andando a velocità ridotta sulla Caserta-Salerno, da Palma Campania verso Caserta, e sono tuttora in corteo. Peppe Magliocca, presidente dell'Ana-Ugl di Caserta che già una settimana fa era stato tra i promotori della plateale protesta, spiega che "dopo una settimana ancora nulla è cambiato. Certo, la prossima settimana riapriremo, visto che la Campania dovrebbe diventare zona arancione; ma noi chiediamo che venga modificato l'articolo del decreto legge che impone, in zona rossa, la chiusura di fiere e mercati con l'accezione degli ambulanti che vendono generi alimentari". Già ieri gli ambulanti dell'Ana-Ugl aveva protestato davanti alla prefettura di Caserta, come fatto peraltro dai loro colleghi aderenti a Confesercenti nei giorni scorsi, ma dal Ministero per lo Sviluppo Economico (Mise) non è ancora arrivata alcuna convocazione. "Siamo stremati e sul lastrico, il Governo deve ascoltarci" conclude Magliocca. 

11:25 - Vaccini, De Magistris: "De Luca primo imbucato"

''Noi parliamo di imbucati ma alla fine il primo imbucato è stato De Luca, che ha saltato la fila e si è andato a fare il vaccino prima di chi ne aveva diritto''. Così il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, a "Radio Marte".

11:19 - Luigi de Magistris: "Isole e categorie? Gravi parole De Luca" 

"Trovo le dichiarazioni degli ultimi giorni di De Luca molto gravi perché sa bene che non può vaccinare prima il procidano o l'artigiano perché ormai è chiaro a tutti, e lo ha ribadito anche la Corte costituzionale, che la pandemia è un tema nazionale ed è lo Stato che deve garantire uniformità". Lo ha detto il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, a Radio Marte, commentando le dichiarazioni del presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, di voler vaccinare prima la popolazione delle isole e poi procedere per categorie economiche. "I virologi - ha aggiunto il sindaco - hanno spiegato in modo chiaro che per uscire quanto prima dalla pandemia sanitaria e dal dramma economico dobbiamo vaccinare prima le persone più anziane e fragili perchè così cala la pressione sugli ospedali e riprende anche l'economia. Finiamola con la captatio benevolentiae per illudere alcune categorie sapendo perfettamente di non poterlo fare. Il paino è nazionale e anzi doveva esserlo prima perché se siamo in queste condizioni è perchè alcune Regioni hanno fatto come volevano".

10:44 - Palasport Monterusciello centro vaccinale a Pozzuoli 

"A partire da giovedì 15 aprile il Palazzetto dello Sport di Monterusciello sarà sede per la somministrazione dei vaccini contro il Covid-19. L'abbiamo dato in comodato d'uso gratuito all'Asl Napoli 2 Nord per l'intera durata della campagna vaccinale. La scelta del luogo è stata da noi ponderata assieme ai consiglieri di maggioranza, valutando le varie possibilità che avevamo: il Palazzetto ci è sembrato il luogo più idoneo per gli ampi spazi disponibili e la comodità del parcheggio. Questo è il nostro concreto contributo per rendere più operativa e veloce nel nostro comune l'effettuazione dei vaccini, la sola strada che oggi abbiamo per sconfiggere il coronavirus". L'annuncio è del sindaco di Pozzuoli, Vincenzo Figliolia, che rende noto l'accordo raggiunto tra l'amministrazione comunale e la direzione dell'Asl Napoli 2 Nord. L'azienda sanitaria utilizzerà esclusivamente personale proprio per l'attività da svolgere nel PalaTrincone di via Miccoli a Monterusciello, il comune da parte sua garantirà la fornitura dei vari servizi, compreso la vigilanza dell'impianto. Sarà ovviamente l'Asl a convocare singolarmente i cittadini secondo il piano vaccinale varato dal governo e le indicazioni della Regione Campania. 

10:43 -Luigi  De Magistri: "De Luca-Figliuolo? Mi auguro rispetto regole"

''Speriamo che quello che dice Figliuolo si potrà applicare: un piano vaccinale uniforme su tutto il territorio nazionale mentre alle Regioni compete organizzare la programmazione dei vaccini e a noi compete dare una mano sul territorio''. Così il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, a Radio Marte, rispetto al botta e risposta a distanza di ieri tra il presidente della Regione Campania, De Luca, e il commissario ai vaccini, Figliuolo. ''Mi auguro che questa querelle finisca con il rispetto delle regole - ha aggiunto - Fino ad ora il Governo ha sbagliato perché non ha garantito uniformità territoriale e continua a tollerare discriminazioni regionali e differenze inaccettabili per cui alcune Regioni vanno per criteri anagrafici e altre per categorie''.

10:25 - Contagi in risalita a Ischia, chiuso Tribunale 

Improvvisa recrudescenza dei contagi da Covid -19 a Ischia, dove negli ultimi tre giorni sono stati accertati 55 nuovi casi di positività al Coronavirus. Da stamanttina il Tribunale dell'isola è chiuso e sarà sottoposto a sanificazione, a causa del contagio accertato di un avvocato che nei giorni scorsi aveva frequentato le aule , mentre nella frazione di Panza, nel Comune di Forio d'Ischia, quattro classi da oggi seguono le lezioni in DAD per la probabile positività del padre di quattro fratelli che frequentano la scuola primaria. La Caritas, che assiste 2.500 famiglie, ha comunicato che un operatore è risultato positivo a un tampone rapido ed è ora in attesa del test molecolare Asl. Il centro è stato chiuso in attesa della sanificazione.

10:17 - In sette nel bar malgrado norme anti Covid, sanzioni a Pozzuoli 

Sanzioni dei carabinieri, a Pozzuoli (Napoli) per sette persone sorprese dalle forze dell'ordine a consumare bevande in un bar - al quale sono stati imposti cinque giorni di chiusura - malgrado barba le normative anti-contagio. Nel locale i militari hanno anche scoperto 17 computer, utilizzate illecitamente per il gioco on-line.

7:33 - In Campania 1.386 casi su oltre novemila tamponi molecolari

È in forte rialzo, in Campania, l'indice di positività. Ha raggiunto, infatti, il 14,63% con 1.386 casi. Secondo i dati dell'Unità di crisi della Regione, i sintomatici sono 499 nelle ultime 24 ore. Le persone decedute sono 43 e 1.828 le persone guarite. In merito alla situazione degli ospedali, calano i posti di terapia intensiva occupati (136), mentre quelli in degenza aumentano (1.594).

Napoli: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.