Campania, Corte dei Conti: chiesto risarcimento a De Luca

Campania
©Ansa

"Massima serenità. Ogni provvedimento è stato vagliato dall'Ufficio di Gabinetto". Questo è quanto fa sapere la Regione 

Aveva ricevuto già un invito a dedurre, ora è destinatario di una richiesta di risarcimento danni. Vincenzo De Luca, presidente della Giunta della Campania deve oltre 403mila euro alla Regione. La quantificazione del danno è della Corte dei Conti territoriale che ha depositato un atto nell'ambito di un procedimento relativo all'aggregazione al negli uffici di staff di presidenza di alcuni vigili urbani a Salerno. Il fascicolo relativo è affidato nella sezione presieduta da Maurizio Stanco. La vicenda riguarda le assunzioni - effettuate a marzo del 2016 - negli uffici della presidenza della giunta di quattro ex vigili urbani di Salerno. Secondo la Procura campana nel trasferimento si sarebbe concretizzato uno sperpero di denaro pubblico. 

La Regione: "Siamo sereni"

"Massima serenità rispetto alle valutazioni che farà la Corte dei Conti. Ogni provvedimento è stato vagliato dall'Ufficio di Gabinetto". Questo è quanto fa sapere la Regione Campania in relazione all'atto di citazione in giudizio. Nella nota diffusa dall'ufficio stampa della Regione Campania si fa riferimento al comunicato trasmesso lo scorso 7 settembre nel quale si precisava: "...L'indagine triennale verte su questo interrogativo: i collaboratori che a turno accompagnano il Presidente della Regione, erano solo collaboratori o facevano anche lavoro di segreteria mobile? Si comunica altresì che l'organizzazione dell'Ufficio di segreteria della Presidenza attuale, rispetto a quella precedente, ha comportato un risparmio di 84mila euro l'anno". 

Napoli: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.