Covid Campania, De Luca: "Zone? Buffonata. Orientamento Governo riaprire scuole 9 gennaio"

Campania
©Ansa

Il governatore della Regione, nella diretta su Facebook, afferma che ci sono “ragioni obiettive” che fanno decidere per il colore delle zone, ma ci sono anche "altre ragioni che rinviano a motivi di politica politicante dove la sanità non c'entra niente"

È terminata la diretta Facebook del presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, con gli aggiornamenti sulla situazione Covid nella regione. (TUTTI GLI AGGIORNAMENTI - MAPPE DEL CONTAGIO - LA SITUAZIONE IN CAMPANIA)

15:25 - De Luca: "In tv ho visto esaltato, da ricovero per coma etilico"

Invita "a cambiare canale e a far crollare gli ascolti" il governatore della Campania, Vincenzo De Luca. Non fa nomi "per non fare pubblicità" ma nella sua consueta diretta del venerdì, risponde alle "aggressioni mediatiche". "Mi è capitato di vedere un esaltato che dava i numeri al lotto, un personaggio che, fosse stato per noi, avremmo già ricoverato per coma etilico".

15:20 - De Luca: "Orientamento Governo riaprire scuole il 9 gennaio"

"C'è stata ieri una riunione tra le regioni ed il governo. Al di là delle chiacchiere c'è una cosa concreta che mi pare sia emersa e cioè l'orientamento di aprire le scuole il 9 gennaio". Così il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, in diretta Fb. "Una delle cose più sconvolgenti di questi mesi è stata la posizione del ministro dell'Istruzione spalleggiata da presidente del Consiglio - ha ribadito - si poteva immaginare di aprire le scuole il 9 dicembre, poi chiudere dopo due settimane pe le feste di Natale e poi riaprirle a gennaio?". "Non ci sono parole, siamo in un paese nel quale le cose più semplici sono una conquista. Mi auguro che si aprano le scuole a gennaio".

15:15 - De Luca: "Farabutto nega posti in terapia intensiva per non lavorare"

"C'è qualche buontempone che quando arriva la richiesta di terapia intensiva alle otto di sera dice che non ci sono posti liberi perché magari poi deve fare la nottata". Lo denuncia, in diretta Fb, il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, che aggiunge: "Abbiamo il 99% del nostro personale che sta facendo un lavoro immane ma una piccola percentuale di farabutti che cerca di non fare il proprio dovere. Andremo fino in fondo nell'accertare anomalie comportamentali e andremo con il pugno di ferro avanti". "Abbiamo registrato nel corso di queste settimane che quando arrivano telefonate al 118 per mandare qualcuno in terapia intensiva, è capitato che qualcuno abbia risposto dagli ospedali 'non abbiamo nessun posto libero'. Siccome - spiega - i posti di terapia intensiva sono governati a dimensione regionale, non ospedale per ospedale, ci è capitato di verificare qualche volta che avevamo nella cabina di regia regionale la segnalazione di posti liberi in terapia intensiva, poi ci chiamavano dal 118 e riferivano che dall'ospedale x avevano detto che non c'era un posto libero". "Questa situazione è capitata più volte in orario serale - aggiunge - la sensazione che abbiamo avuto è che c'è qualche buontempone che quando arriva la richiesta di terapia intensiva alle otto di sera dice che non ci sono posti liberi perché magari poi deve fare la nottata. Questa anomalia l'abbiamo registrata negli anni passati in relazione ai posti di pronto soccorso. Quando arrivava qualcuno il sabato pomeriggio non c'erano posti perchè qualcuno doveva farsi il fine settimana".

15:10 - De Luca: "Abbiamo motivo per coltivare orgoglio campano"

Si rivolge ai cittadini campani, il governatore Vincenzo De Luca, e in diretta Fb, dice: "Avete tutte le ragioni per essere orgogliosi della Campania, di Napoli e del Sud. Stiamo facendo quello che non avrebbe fatto nessun'altra regione d'Italia nelle nostre condizioni". "Nelle condizioni - spiega - di personale, finanziarie, nelle quali abbiamo dovuto lavorare. Nessuno lo avrebbe fatto, sono pronto ad accettare smentite". Ricorda il "risanamento totale fatto in questi anni, il raggiungimento dell'equilibrio di bilancio". "Abbiamo motivo per coltivare senza supponenza, ma a testa alta, l'orgoglio campano", ribadisce e cita un proverbio tedesco: "La pazienza vince tutto". "Calma, abbiate pazienza - conclude - poi la realtà è dura da cancellare, le chiacchiere scritte o parlate rimangono chiacchiere".

15:05 - De Luca: "Grazie ad aggressioni media ho guadagnato 10% di voti in più"

"Non avete idea di quante centinaia di mail ho ricevuto in questi giorni dopo le aggressioni mediatiche. Ho guadagnato il 10% di voti in più in queste settimane". Lo ha detto, in diretta Facebook, il governatore della Campania, Vincenzo De Luca "Ogni eccesso contiene in sé le ragioni della propria autodistruzione - ha sottolineato De Luca citando Freud - quando si esagera, mi riferisco alle aggressioni mediatiche, si diventa così poco credibili che si finisce per cadere sulle proprie falsità oltre che sulla propria nullità". L'Italia, ha poi aggiunto, "è un paese strano nel quale il coraggio della libertà è merce rara così come è raro il coraggio della verità".

15:00 - De Luca: "Aspettiamo ancora relazione ispettori"

"Abbiamo assistito all'invio di ispettori, una cialtronata e provocazione che abbiamo subìto come regione. Ad oggi la Regione non ha ancora avuto una copia delle relazioni fatte dagli ispettori". Così il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, in diretta Facebook. "L'unica cosa che hanno trovato erano cinque macchine in fila davanti all'ospedale Cotugno per farsi i tamponi nelle auto - ha sottolineato - una situazione che c'era anche in altre parti d'Italia. Poi hanno trovato una situazione di tranquillità e di eccellenza". 

14:55 - De Luca: "Campania ha tasso mortalità più basso in Italia"

"La Campania ha il tasso di mortalità più basso in Italia, stiamo facendo un miracolo, combattendo a mani nude e stiamo salvando la Regione Campania". Così il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, in diretta Facebook. 

14:50 - De Luca: "In atto tentativo di depredare Sud dei fondi Ue"

"È pienamente in atto un tentativo di depredare il sud anche di risorse europee a vantaggio di realtà del centro nord. Questa cosa va seguita con grande attenzione". Così il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, in diretta Fb. "Vorrei che le realtà istituzionali del Sud imparassero a fare lobby - ha sottolineato - almeno per difenderci per quello che ci è dovuto, al sud non regala niente nessuno. Cerchiamo di difenderci nelle prossime settimane".

14:45 - De Luca: "Ci sono Regioni che comunicano numero altissimo di tamponi per far abbassare numero positivi"

"Abbiamo chiesto ripetutamente al ministero della Salute di sapere il numero dei tamponi. La Regione Campania comunica il numero vero di tamponi siamo sotto i 25mila al giorno, questo fa aumentare il numero dei positivi. Ci sono regioni che comunicano un numero altissimo di tamponi non molecolari per far abbassare il numero di positivi". Così il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, in diretta Fb. "Non abbiamo avuto dal ministero nessuna risposta certa, mi pare scandaloso, sia portato tutto alla luce del sole", ha aggiunto

14:40 - De Luca: "Mi auguro che si aprano le scuole a gennaio"

"Mi auguro che si aprano le scuole a gennaio, evitando di incentivare la ripresa del contagio e mettendo in condizione i Comuni e le strutture scolastiche di riprendere l'attività in condizioni di sicurezza". È la posizione espressa dal presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, che nel corso della consueta diretta Facebook del venerdì commenta la riunione tra Regioni e Governo sulla scuola. "Una delle cose più sconvolgenti a cui abbiamo assistito in queste settimane - sottolinea - sono le posizioni del ministro dell'Istruzione, spalleggiata dal presidente del Consiglio. Si poteva immaginare di aprire le scuole il 9 dicembre, chiuderle dopo due settimane per le feste di Natale e riaprirle a gennaio? Non ci sono parole. Siamo in un Paese in cui le cose più semplice e di normale buon senso sono una conquista".

14:35 - De Luca: "Siamo nelle mani del Padreterno e della Regione Campania"

"È tutto aperto e il livello dei controlli è uguale a zero. Parlare di zona rossa mi fa innervosire, indignare. Cari cittadini ve lo dico, noi siamo nelle mani del Padreterno e della Regione Campania". Così il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, in diretta Facebook. "Tutto il resto è fumo, ipocrisia e finzioni, non è zona rossa e non so cosa sia, evitiamo di prenderci in giro", ha aggiunto.

14:30 – De Luca: “Le zone sono una grande buffonata”

"Si sta ragionando sulle zone, contro zone, sotto zone. La mia opinione è che queste zone sono una grande buffonata". Lo ribadisce il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, in diretta Facebook. Per De Luca, ci sono "ragioni obiettive" che fanno decidere per il colore delle zone ma ci sono anche "altre ragioni che rinviano a motivi di politica politicante dove la sanità non c'entra niente".

Napoli: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24