Incidente a Pozzuoli, 72enne travolta e uccisa da mezzo raccolta rifiuti: un fermo

Campania

Lo scontro è avvenuto verso le otto di questa mattina alla rotonda della Ferrovia Cumana in località Lucrino. La donna si stava recando a casa della figlia per accudire i nipotini. Gli investigatori hanno portato in caserma il conducente di un camion per la raccolta dei rifiuti

Una donna di 72 anni è stata investita e uccisa mentre attraversava la strada, verso le 8 di questa mattina, all'altezza della rotonda della Ferrovia Cumana in località Lucrino a Pozzuoli (Napoli). Secondo le prime indagini, la 72enne è stata travolta da un camion per la raccolta dei rifiuti. L'autista è stato individuato e portato nella caserma dei carabinieri. Agli investigatori, coordinati dal maggiore Claudio Di Stefano, ha detto di non essersi accorto della presenza della donna. La sua posizione è all'esame dei militari d'intesa con l'autorità giudiziaria. Lo si apprende da fonti del Comando provinciale di Napoli.

L'interrogatorio

L'uomo, 60 anni, è stato interrogato a lungo nella caserma dei carabinieri di Arco Felice. L'autista, al momento, dovrà rispondere in stato di libertà di omicidio stradale. Le indagini proseguono per appurare se, come dichiarato dal conducente del mezzo, egli non si sarebbe accorto di aver travolto la donna che stava in prossimità del marciapiede della rotonda.

La ricostruzione dell'incidente

Secondo quanto emerso, la donna stava attraversando la strada, quasi deserta a quell'ora, per recarsi, come ogni giorno, a casa della figlia per accudire i nipotini. Il veicolo, che viaggiava a forte velocità, l'ha travolta e ha proseguito in direzione Bacoli. La donna è stata travolta dalle ruote posteriori del pesante mezzo, finendo in terra senza scampo. Le condizioni della vittima, soccorsa dagli avventori di un bar delle vicinanze e da un edicolante, sono apparse subito disperate. Sul posto sono intervenuti anche i sanitari del 118 che non hanno potuto fa altro che constatare il decesso della donna parente di un noto imprenditore flegreo. Il magistrato di turno ha disposto il trasferimento della salma al primo Policlinico di Napoli per l'esame autoptico. Sull'accaduto indagano i carabinieri e la polizia municipale, gli inquirenti cercano riscontri dai testimoni e dalle telecamere di sorveglianza.

L'appello del sindaco di Pozzuoli

Il sindaco di Pozzuoli (Napoli), Vincenzo Figliolia, ha lanciato un appello alla cittadinanza: "Se qualcuno ha visto qualcosa, qualche dettaglio, collabori per ricostruire l'accaduto". Figliolia ha voluto poi far pervenire il proprio cordoglio alla famiglia della donna, parente di un noto imprenditore flegreo e del consigliere comunale Massimiliano Cutolo. "Prestare soccorso alle persone è un dovere innanzitutto morale. Non ci sono parole che possano giustificare un comportamento simile: chi ha sbagliato, soprattutto se consapevolmente, deve assumersi tutte le proprie responsabilità . Un ringraziamento ai carabinieri di Pozzuoli che stanno lavorando sul caso incessantemente da stamattina presto, senza tralasciare nulla" aggiunge il primo cittadino di Pozzuoli. "Esprimo profondo cordoglio a nome mio, dell'Amministrazione e dell'intero Consiglio comunale, al marito e ai figli della signora investita a Lucrino e a tutta la famiglia Cutolo. È straziante quanto avvenuto. Le indagini al momento sono ancora in corso, e al termine di queste potremo tutti capire meglio la dinamica". Figliolia  ha aggiunto in relazione alle indagini in corso e all'uomo fermato dai carabinieri, presunto investitore: "I carabinieri stanno ascoltando una persona in queste ore per ricostruire la dinamica dell'incidente".

Napoli: I più letti