Coronavirus, in Campania divieti prorogati fino al 14 aprile. DIRETTA

Campania

Il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, ha prorogato su tutto il territorio regionale i divieti in corso per il contenimento del Coronavirus. Nuovi orari per gli esercizi commerciali a Pozzuoli

Con un'ordinanza pubblicata sul Burc, il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, ha prorogato fino al 14 aprile 2020 su tutto il territorio regionale i divieti in corso per il contenimento del Coronavirus. Sono ammessi esclusivamente spostamenti temporanei e individuali, "motivati da comprovate esigenze lavorative per le attività consentite, ovvero per situazioni di necessità o motivi di salute".
A Napoli, una donna di 59 anni, ricoverata al Cotugno e curata con il Tocilizumab, è guarita e ora torna a casa. A Pozzuoli, invece, l'amministrazione comunale ha stabilito nuovi orari per gli esercizi commerciali, disponendo la chiusura domenicale per tutte le attività, ad eccezione di farmacie e parafarmacie.
Il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, a Sky TG24: "In città 335 ma sono preocupato per il sistema sanitatio, che è quasi al collasso. In Campania abbiamo in totale 350-380 terapie intensive, ne servirebbero 1500". (TUTTI GLI AGGIORNAMENTI - LA SITUAZIONE DEI SENZATETTO A NAPOLI)

19:24 - Napoli, prima municipalità: al via spesa solidale

"In questi giorni stiamo ricevendo richieste d'aiuto da ogni parte. Ma ciò che mi preoccupa maggiormente è lo stato delle famiglie indigenti che chiedono aiuto, per questo motivo nasce l'iniziativa della Spesa Solidale, un aiuto concreto per le famiglie più povere del nostro territorio" ha dichiarato in una nota il presidente della prima Municipalità di Napoli Francesco De Giovanni.

19:11 - Arrivate da Protezione Civile 71.560 mascherine in Campania

"Facendo seguito alla nota di questa mattina, si comunica che nel pomeriggio di oggi l'Unità di Crisi ha registrato l'arrivo da parte della Protezione Civile di ulteriori 35.840 mascherine, che si aggiungono alle 35.720 della mattinata, per un totale in un solo giorno di 71.560 mascherine". È quanto si legge in una nota della Regione Campania diffusa nel pomeriggio di oggi. "Sempre nel pomeriggio di oggi sono arrivate, per la prima volta, 2.100 tute protettive. Un risultato che viene giudicato sicuramente positivo dopo l'allarme lanciato dal presidente De Luca, rispetto a elementi di sottovalutazione che si erano registrati nei giorni scorsi", prosegue la nota.

18:59 - Due casi a Somma Vesuviana

"A Somma Vesuviana altri due casi di Coronavirus ed altri tamponi dei quali aspettiamo i risultati definitivi - ha dichiarato il sindaco di Somma Vesuviana, Salvatore Di Sarno -. Ora il momento è determinante. Tutti noi stiamo facendo la nostra parte. Stiamo vivendo una crisi economica spaventosa con famiglie che non hanno soldi. Stiamo vivendo un'emergenza davvero senza precedenti ma dobbiamo restare fermi, lottare, fare sacrifici, essere comunità. Con i supermercati stiamo organizzando un pacco sospeso".

18:10 - Frattamaggiore, aveva 506 mascherine in casa: denunciato

Gli agenti del commissariato di Frattamaggiore hanno notato in piazza Riscatto un uomo che stava consegnando uno scatolone a due persone a bordo di un’auto ricevendo in cambio delle banconote. Gli acquirenti, alla vista dei poliziotti, si sono dati alla fuga e i poliziotti hanno bloccato l’uomo rinvenendo nelle tasche 1340 euro. Nel suo appartamento hanno trovato 506 mascherine chirurgiche monouso prive di scheda tecnica nonché di qualsiasi indicazione sulla data di scadenza. L'uomo, 24enne di origini cinesi, è stato denunciato per frode in commercio.

17:42 - Piano di sanificazione delle strade a Torre del Greco

Piano di sanificazione di tutte le strade di Torre Greco (Napoli). È quanto predisposto dall'amministrazione comunale guidata dal sindaco, Giovanni Palomba, che ricorda come è ''iniziata lo scorso 17 marzo un'ulteriore attività di sanificazione delle strade della città''. L'intervento - che segue la prima opera di sterilizzazione stradale dello scorso 8 e 9 marzo - rientra nel programma di sanificazione calendarizzato dall'ufficio al Verde pubblico che garantirà tutti i giorni attività quotidiane lungo l'intero territorio cittadino. ''A tal riguardo - si legge in una nota diramata dal portavoce del primo cittadino - si precisa che ogni settimana sarà assicurata la copertura dell'intera estensione della città, appositamente suddivisa in sette zone di azione per l'espletamento del servizio totalmente a carico dell'ente''. Effettuate, inoltre, dal 17 al 20 marzo scorsi anche derattizzazione e disinfestazione della città.

17:09 - Attivata a Sorrento consegna a domicilio dei farmaci

È stato attivato dal Comune di Sorrento, attraverso il proprio Nucleo di Protezione Civile, il servizio di consegna a domicilio di farmaci, presìdi, alimenti e altro materiale sanitario per pazienti in assistenza domiciliare, distribuiti dalla Farmacia dell'Asl. Telefonando al numero della Protezione Civile, che risponde allo 0818074433, dal lunedì al venerdì, dalle ore 9 alle 12, sarà possibile prenotare la consegna, prevista nei giorni di giovedì e venerdì. "Dopo quello della spesa domiciliare - ha dichiarato il sindaco, Giuseppe Cuomo - questo servizio andrà incontro alle esigenze di quanti sono impossibilitati, a causa dell'emergenza coronavirus, a rifornirsi di materiali presso la Farmacia dell'Asl. Un impegno quotidiano, quello dell'amministrazione comunale, dei volontari della Protezione Civile e della Croce Bianca, che prosegue senza sosta".

17:02 - Trentadue positivi in una casa di riposo a Sant'Anastasia

Trentadue ospiti di una casa di riposo e degenza a Sant'Anastasia (Napoli), sono risultati positivi al tampone del Covid19. Lo conferma la task force della Regione Campania, sottolineando che sui 52 ospiti della struttura, 20 sono risultati negativi al tampone. Ad essere positivi, anche due degenti poi morti negli ultimi giorni, così come specificato dal priore del Santuario della Madonna dell'Arco, padre Alessio Romano, cui fa capo la struttura di degenza. Oltre agli ospiti e ai dipendenti della casa di riposo, alcuni dei quali sono risultati positivi, sono stati effettuati i tamponi anche ai prelati che, secondo padre Alessio, sarebbero al momento negativi. Gli ospiti e il personale che ci lavora, sono sottoposti ad isolamento, mentre il santuario è chiuso in via precauzionale.

15:54 - Aumentano i contagi nel Casertano

Aumentano i casi di contagio da Coronavirus nel Casertano. Al momento sono 177, con 15 decessi. "Lo dico e lo ripeto all'infinito, la Regione Campania deve fare molto di più per estendere i tamponi a tutti i cittadini e ridurre i tempi di risposta ai test", dice il presidente della Provincia di Caserta, Giorgio Magliocca. "I contagi crescono di più rispetto alle scorse settimane ma non in modo esponenziale", dice il Commissario straordinario dell'ospedale di Caserta, Carmine Mariano. "Ci siamo comunque attrezzati - prosegue Mariano - per contrastare il picco che potrebbe esserci tra qualche giorno. Siamo pronti, ma nello stesso tempo chiedo alla cittadinanza di rispettare le regole e restare a casa per evitare diffusioni incontrollate del virus".

14:57 - Altre due vittime nel Salernitano

Si registrano altre due vittime in provincia di Salerno. Si tratta di un 72enne di Montesano sulla Marcellana e di un ferroviere 53enne di Agropoli. Il primo è deceduto questa mattina all'ospedale di Scafati a causa di una grave crisi che ha complicato le sue pregresse patologie respiratorie. Il secondo, invece, è spirato all'ospedale "San Luca" di Vallo della Lucania.

14:42 - Il cardinale Sepe domani al cimitero di Poggioreale per benedizione

Domani alle 11, il cardinale Crescenzio Sepe, arcivescovo metropolita di Napoli, si recherà al cimitero di Poggioreale per un momento di raccoglimento, preghiera e benedizione, unendosi idealmente a tutti i vescovi del Paese. In una nota, la Chiesa di Napoli spiega che le immagini degli automezzi militari che trasportano le bare verso i luoghi della cremazione sta a rappresentare la drammaticità di quello che l'Italia sta vivendo. Per il rispetto delle misure sanitarie, tanti dei defunti a causa del coronavirus non hanno potuto avere alcun conforto delle persone care né il conforto dei sacramenti. L'intenzione è di affidare "alla misericordia di Dio tutti i defunti di questa pandemia, nonché di testimoniare la vicinanza della chiesa a quanti sono nel pianto e nel dolore”.

14:38 - In Campania arrivate circa 36mila mascherine

Dopo la lettera inviata ieri dal governatore campano Vincenzo De Luca al premier Giuseppe Conte, oggi in Campania sono arrivate dalla protezione civile 33mila mascherine FFP2 e 2.720 mascherine FFP3. "Non è un grande quantitativo - ha detto il presidente De Luca - ma ci auguriamo che sia l'inizio di un programma più ampio di consegne alla Campania del materiale sanitario necessario".
"Per il resto - ha aggiunto - sta andando a regime il piano di potenziamento sugli esiti dei tamponi. Com'è noto abbiamo avuto nel giro di una settimana, oltre all'unico laboratorio del Cotugno, altri 9 laboratori in tutta la regione. Entro questo fine settimana, ci sarà la possibilità di avere i risultati entro le 24 ore, senza più arretrati".

14:00 - Morto un 72enne nel Salernitano

È morto questa mattina all’ospedale civile di Scafati un 72enne di Montesano sulla Marcellana (Salerno). L’uomo, positivo al Covid-19, aveva pregresse patologie pregresse ed è deceduto per una grave crisi respiratoria. Salgono a quattro i decessi di persone positive nel Vallo di Diano.

13:58 - Secondo decesso a Torre Annunziata

Seconda vittima a Torre Annunziata (Napoli). A comunicarlo è il sindaco della città vesuviana, Vincenzo Ascione, che in una nota sottolinea come ''si tratta di un uomo di 46 anni, originario di Torre Annunziata ma residente a Napoli da diversi anni, morto questa notte all'ospedale Cotugno, dove era ricoverato da alcuni giorni con i sintomi da Covid-19”.  

13:30 - de Magistris a Sky TG24: "Preoccupato per sistema sanitario"

Il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, ha fatto il punto sull’emergenza cornavirus in città e in Campania ai microfoni di Sky TG24: “Finora a Napoli abbiamo 335 contagiati. I napoletani complessivamente stanno rispettando le regole”, ha dichiarato il primo cittadino partenopeo, che si è detto preoccupato per il sistema sanitario, "che è quasi al collasso. In Campania - ha sottolineato de Magistris - abbiamo 350-380 posti di terapia intensiva su sei milioni di abitanti, per tutti, non solo per i casi di Covid-19. Noi dovremmo avere almeno 1500 posti di terapia intensiva, ecco perché dobbiamo essere bravi ad avere comportamenti corretti: in questo modo i soldati della prima linea sono tutti i cittadini oltre a medici e infermieri. Quest'ultimi - ha spiegato - fino a qualche giorno fa erano senza mascherine e dispositivi di sicurezza e tantissimi si sono a loro volta ammalati, contagiando i pazienti anziché curarli".

12:44 - Morto anziano di 90 anni in ospedale a Benevento

Altro decesso in regione. Un novantenne di Guardia Sanframondi, positivo al Covid 19 e ricoverato nel reparto di medicina dell'ospedale "San Pio" di Benevento è morto durante la notte. Ad oggi, si contano 12 pazienti positivi ricoverati presso l'ospedale cittadino di Benevento. Di questi, tre sono in terapia intensiva.

12:29 - Nuovi orari per esercizi commerciali a Pozzuoli

Per far fronte all’emergenza, il comune di Pozzuoli ha disposto la chiusura domenicale per tutti, compreso il mercato ittico all'ingrosso. Dal provvedimento sono escluse invece le farmacie e le parafarmacie. A partire da domani, venerdì 27 marzo, tutte le attività chiuderanno dal lunedì al sabato alle ore 14, 00, ad esclusione di quelle riguardanti il settore alimentare che potranno chiudere alle ore 20,00 e quelle legate a prestazioni e assistenza sanitaria, farmacie e parafarmacie. "L'aumento dei casi di contagio ci impone di adottare misure maggiormente stringenti per contrastare la diffusione del coronavirus, limitando ancora di più le potenziali situazioni di assembramento”, ha dichiarato il sindaco, Vincenzo Figliolia.

12:10 - Tensostrutture per clochard a Napoli

Il Comune di Napoli, in sinergia con il privato sociale, sta lavorando per allestire tensostrutture in cui accogliere i senza fissa dimora. Lo ha riferito il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, a Radio Crc, affrontando il tema della gestione e della tutela dei tanti che vivono per strada in relazione all'emergenza coronavirus. Le strutture h24 offriranno assistenza sanitaria, riparo e pasti a chi è in difficoltà.

12:09 - Controlli nel Napoletano, 9 denunce

Proseguono i controlli per il rispetto delle restrizioni imposte per l’emergenza coronavirus nel Napoletano. Quattro persone, che circolavano nell'area nolana in auto, in violazione della normativa vigente, sono state fermate dai carabinieri dopo un inseguimento a Cimitile (Napoli). I quattro erano già stati denunciati per lo stesso motivo. Il conducente dell'auto, con targa straniera, non si è fermato all'alt imposto da una pattuglia di militari, ed è fuggito. Al conducente è stata ritirata la patente e l’auto è stata sequestrata.
Altri quattro giovani sono stati denunciati a Qualiano (Napoli). Circolavano su un'auto e non hanno saputo fornire ai Carabinieri una giustificazione valida. Uno di essi aveva due grammi di hashish, ed è stato segnalato alla Prefettura. A Castellammare di Stabia, i carabinieri hanno fermato in viale Don Bosco, nel rione Savorito, un uomo di 42 anni, che non ha saputo giustificare la sua presenza in strada. Il 42 enne era in possesso di grammo di crack ed è stato denunciato e segnalato alla Prefettura.

11:53 - Task force per disciplinare accessi negli uffici postali del Napoletano

Task force delle forze dell'ordine per organizzare e disciplinare l'accesso all'ufficio centrale delle Poste di Torre del Greco (Napoli) in occasione dell'erogazione delle pensioni. È quanto stabilito durante una riunione organizzata al Centro operativo comunale della città vesuviana alla presenza del sindaco Giovanni Palomba. Secondo quanto specificato dal primo cittadino, i controlli serviranno anche a ''garantire - come si legge in un comunicato stampa diramato dal portavoce del sindaco - la distanza minima interpersonale prevista dalla normativa''. Programmate anche una serie di attività di controllo presso le altre sedi territoriali delle Poste.

11:51 - Riprende consegna pacchi alimentari a indigenti a Trecase

Da oggi a Trecase, nel Napoletano, verranno consegnati pacchi alimentari alle famiglie indigenti. A comunicarlo è il sindaco della città vesuviana, Raffaele De Luca, che di concerto con l'assessorato alle Politiche sociali, ha deciso di riprendere la distribuzione dei pacchi alimentari sospesa in osservanza delle norme sul contenimento del contagio da Covid-19. ''Proprio per evitare assembramenti, vietati dalla legge - si legge in una nota - il servizio è stato affidato agli operatori della protezione civile comunale che, in questa fase così delicata e difficile, si stanno distinguendo per impegno e abnegazione nell'assistenza ai concittadini in isolamento domiciliare e nel venire incontro alle esigenze di anziani soli, disabili e di altri soggetti in difficoltà''. I volontari, muniti di dispositivi individuali di protezione, si recheranno presso il domicilio degli aventi diritto e provvederanno a consegnare le confezioni. ''La distribuzione - dicono ancora dal Comune - si effettuerà con le stesse modalità nell'arco dell'intera giornata di martedì 31 marzo. I cittadini interessati all'erogazione dei pacchi alimentari sono pregati vivamente di rimanere a casa in attesa dell'arrivo dei volontari''.

11:42 - suore di Avellino fanno mascherine con vecchie lenzuola

Le suore salesiane e le benedettine di Mercogliano, le oblate di Avellino e le clarisse di Santa Lucia di Serino hanno cominciato a confezionare mascherine utilizzando vecchie lenzuola. L'iniziativa è stata lanciata dalla Caritas di Avellino. "Accanto alle suore - precisa il vicedirettore della Caritas di Avellino, don Vitaliano Della Sala - si sono mobilitate anche le ex allieve, le amiche e altre persone che frequentano queste case religiose". Le suore preparano anche mascherine "con stoffe colorate pensando soprattutto ai bambini, perché il bianco ricorda un po' l'ambiente ospedaliero". Non si tratta di un presidio sanitario in piena regola, ma serve a garantire protezione. Le lenzuola "vengono lavate con candeggina, disinfettate, ritagliate e poi cucite con gli elastici". Nei primi giorni sono state prodotte 500 mascherine, tutte destinate alle varie strutture della Caritas di Avellino. 

11:40 - Altri due morti a Torre del Greco

Ancora due decessi tra le persone risultate positive al tampone del Coronavirus a Torre del Greco (Napoli). A comunicarlo è il Centro operativo comunale. Secondo quanto riferisce il primo cittadino Giovanni Palomba a perdere la vita sono stati B.M.M. di 67 anni e S.G. di 88 anni. Salgono così ad otto i morti dall'inizio dell'emergenza. Contemporaneamente il Centro informa che è stato comunicato l'esito positivo di altri due tamponi. Complessivamente sono dunque 37 i cittadini ad oggi positivi al Covid-19 certificati dall'Asl Napoli 3 Sud, venti dei quali ospedalizzati, mentre sono 17 quelli in isolamento fiduciario presso la propria abitazione. ''È un'ora difficile, quella che stiamo attraversando - commenta il sindaco di Torre del Greco Giovanni Palomba - che spero riusciremo presto a lasciarci alle spalle. La scomparsa di questi altri due nostri concittadini getta nello sconforto l'intera popolazione. Sono vicino alle famiglie e ai familiari tutti ai quali esprimo il mio sentito e personale cordoglio''. 

11:40 - Spesa in sospeso in pescheria a Ercolano

Ad Ercolano, in provincia di Napoli, il titolare di una pescheria nella I traversa Mercato, aderisce all'iniziativa solidale che vede in campo anche altri suoi colleghi che gestiscono attività di generi alimentari. In queste ore un cliente che si reca nella pescheria lì al mercato può ordinare, dando il proprio contributo economico, la spesa di prodotto ittico per chi ha difficoltà economiche. Prima di andare via dovrà indicare il nominativo e l'indirizzo della persona a cui sarà recapitata la spesa. A quel punto, personale della pescheria provvederà a consegnarla a domicilio al destinatario. ''Se vediamo che c'è un nostro cliente che ha difficoltà economiche, provvediamo noi a dargli del prodotto ittico'', spiega il negoziante. ''Qui in area mercato ci conosciamo un po' tutti e sappiamo riconoscere il cliente che ha davvero necessità e fatica ad andare avanti''.

10:23 - A Napoli idranti polizia riconvertiti per sanificazione

A Napoli prosegue la pulizia delle vie cittadine, avvalendosi anche dell’aiuto delle forze dell’ordine. Grazie alla collaborazione tra la Questura partenopea e l’Asia, gli idranti della polizia - solitamente utilizzati dagli agenti antisommossa - sono stati riconvertiti in efficienti mezzi per l’igienizzazione delle strade. Questa mattina due mezzi hanno gà operato lungo alcune delle principali arterie cittadine del centro (via Foria, via Toledo, piazza Municipio e Rettifilo) e nella periferia nord di Scampia. "Tutto nasce - spiega il presidente di Asia Maria De Marco - da un'idea brillante del Questore Giuliano realizzata in tempi brevi, tali da consentirci l'immediato utilizzo dei mezzi che si sono già dimostrati molto utili e che ci aiuteranno moltissimo, in particolar modo sulle strade larghe e per pulire i marciapiedi".
"Ho fatto mia e portato avanti - sottolinea il Questore di Napoli, Alessandro Giuliano - una bellissima idea del Reparto Mobile che dimostra ancora una volta la generosità dei poliziotti di Napoli. Occorre mobilitarci tutti e in ogni modo possibile, per superare questo momento di emergenza”.

8:45 - Paziente curata con Tocilizumab a Napoli torna a casa

Una delle pazienti trattate con il Tocilizumab all'ospedale Cotugno di Napoli è guarita ed è tornata a casa. Ne dà notizia il team dell'oncologo Paolo Ascierto che insieme al collega infettivologo Vincenzo Montesarchio ha iniziato nei giorni scorsi la cura con il farmaco sperimentato ora dall'Aifa. La donna, 59 anni, è la prima paziente trattata con il Tocilizumab che torna a casa. Era stata ricoverata in gravi condizioni per una polmonite da Covid 19 a inizio mese. Il 13 marzo è stata trattata con il farmaco anti artrite. Le sue condizioni sono subito migliorate e oggi ha lasciato il reparto di Roberto Parrella del Cotugno. “È un ulteriore segnale di attività del farmaco - dice Paolo Ascierto - ma manteniamo il nostro cauto ottimismo". Una buona notizia che non è un caso isolato, come sottolinea Vincenzo Montesarchio: "Ottimi segnali - afferma - vengono anche dagli altri pazienti trattati".

7:12 - Un'altra vittima nel Casertano, è la quindicesima

Un uomo di 69 anni di Santa Maria Capua Vetere (Caserta), positivo al Coronavirus già da qualche settimana, è morto all'ospedale Cotugno di Napoli, dove era ricoverato in terapia intensiva. È la quindicesima persona deceduta nel Casertano, la quarta a Santa Maria Capua Vetere, città che sta pagando un alto dazio in termini di decessi e contagiati (22 in tutto). In generale, sono 110 i casi di positività al Coronavirus riscontrati ieri in Campania che fanno salire il totale a 1309. 

7:04 - In Campania divieti prorogati fino al 14 aprile

Non si potrà uscire dalle proprie abitazioni, "residenza, domicilio o dimora nella quale ci si trovi" fino al prossimo 14 aprile. Con un'ordinanza pubblicata sul Burc, il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, ha prorogato fino al 14 aprile 2020 su tutto il territorio regionale i divieti in corso per il contenimento del Coronavirus. Sono ammessi esclusivamente spostamenti temporanei e individuali, "motivati da comprovate esigenze lavorative per le attività consentite, ovvero per situazioni di necessità o motivi di salute. Consentita la presenza di un accompagnatore nel caso di spostamento per motivi di salute, se lo stato di salute del paziente ne imponga la necessità. Non è consentita l'attività sportiva, ludica o ricreativa all'aperto in luoghi pubblici o aperti al pubblico. Per i trasgressori è previsto l'obbligo di segnalazione al Dipartimento di prevenzione dell'Asl e la misura dell'isolamento fiduciario nella propria abitazione per per 14 giorni, con obbligo di rimanere raggiungibile per ogni eventuale attività di sorveglianza".

7:01 - All'Asl di Avellino un ventilatore da Diocesi Ariano

"L'ASL di Avellino vuole esprimere il proprio ringraziamento alla Diocesi di Ariano Irpino-Lacedonia, che avendo a cuore il benessere della comunità arianese e irpina, ha deciso di donare un ventilatore polmonare comprensivo di n. 30 circuiti che sarà consegnato domani presso il presidio ospedaliero di Ariano Irpino (Avellino)", si legge sul comunicato.

Napoli: I più letti