Addio a Philip Roth, lo scrittore americano è morto a 85 anni

2' di lettura

Autore prolifico, il suo lavoro è considerato un'esplorazione profonda e critica dell'identità americana. Esordì nel 1959, poi il grande successo con lo scandaloso "Lamento di Portnoy". Vinse il premio Pulitzer nel 1997 grazie a "Pastorale americana"

È morto lo scrittore Philip Roth, gigante della letteratura contemporanea americana. Aveva 85 anni. Roth, autore tra gli altri di "Pastorale Americana" per cui ha vinto il Premio Pulitzer nel 1998, e di “Lamento di Portnoy”, è morto nelle scorse ore. La scomparsa è stata confermata dall'amica Judith Thurman, scrive il New York Times, e dal suo agente letterario, Andrew Wylie, che ha detto che Roth è morto per insufficienza cardiaca. Lo scrittore viveva fra New York e il Connecticut (L'OMAGGIO DI SKY CINEMA).

Uno sguardo critico sull'identità americana

Scrittore prolifico, il suo lavoro è considerato un'esplorazione profonda e critica dell'identità americana. Sesso, religione, morale, i temi ricorrenti in una produzione vasta e punteggiata da figure letterarie iconiche, da David Kepesh ad Alexander Portnoy. Autore di 31 libri, di cui 27 romanzi, aveva pubblicato l'ultimo, Nemesi, nel 2010. Da allora aveva annunciato che non avrebbe più scritto (I LIBRI PER CONOSCERLO).

Il successo con "Il lamento di Portnoy"

Il suo primo romanzo, invece, era stato Addio, Columbus e cinque racconti, pubblicato nel 1959. Il primo grande successo arrivò dieci anni dopo con “Il lamento di Portnoy”, che oltre al successo e alla notorietà gli attribuì anche l'etichetta di scrittore "scandaloso" per come osò sfidare il pudore affrontando il tema del piacere con un registro tragicomico, consegnando la figura di Alexander Portnoy all'Olimpo della creazione letteraria. In Italia i suoi romanzi sono stati pubblicati per la gran parte dalla casa editrice Einaudi.

Il legame con la comunità ebraica

Roth era nato il 19 marzo 1933 a Newark, nel New Jersey. Figlio di una famiglia della piccola borghesia ebraica, ha spesso raccontato quella comunità, attraverso personaggi e storie dipinti con un linguaggio talvolta grottesco. Grazie al registro comico, accompagnato da un realismo crudo, è riuscito a tracciare un quadro magistrale della condizione ebraica nell'America contemporanea. 

Il Nobel mancato

Dato per vincitore del premio Nobel per la letteratura in molte occasioni, lo scrittore americano non ha mai ricevuto il prestigioso riconoscimento. In compenso è stato uno dei pochissimi autori americani che ha ricevuto l'onore di vedere pubblicata in vita la sua opera completa dalla Library of America.

Leggi tutto
Prossimo articolo