Facebook: il caso sbarca al Parlamento Ue, ma senza Zuckerberg

Mark Zuckerberg durante l'audizione al Congresso Usa (foto Getty)
5' di lettura

Dopo l'audizione del fondatore del social al Congresso Usa, l'assemblea di Bruxelles valuta il da farsi. Tra le ipotesi, nuove misure per prevenire gli abusi oppure l'istituzione di una commissione speciale. Ai vertici di Fb sarà chiesto di nuovo di presentarsi in aula

Dopo l’audizione di Mark Zuckerberg al Congresso americano, il caso Facebook-Cambridge Analytica è pronto a sbarcare al Parlamento europeo. I deputati discuteranno della questione mercoledì prossimo durante la sessione plenaria, torneranno sull'importanza della protezione dei dati personali come difesa contro la manipolazione elettorale e chiederanno di nuovo ai vertici di Facebook di presentarsi in aula. Il presidente dell'assemblea Antonio Tajani e i leader dei gruppi politici decideranno la linea da seguire, dopo avere invitato senza esito Mark Zuckerberg e altri rappresentanti di piattaforme online a partecipare all’assemblea e rispondere alle domande dei deputati. Potrebbe essere approvata una risoluzione che chieda alla Commissione europea di proporre nuove misure, o l'istituzione di una commissione speciale. Secondo i dati confermati dalla Commissione europea sono almeno 2,7 milioni i cittadini europei, o residenti nella Ue, i cui dati potrebbero essere stati ottenuti in maniera impropria da Cambridge Analytica attraverso Facebook.

Garante Ue privacy: sanzioni a Facebook sono inevitabili

Possibili nuove misure o una commissione speciale

La commissione Libertà civili del Parlamento europeo aveva già invitato la società a chiarire la situazione e il suo impatto sulla protezione dei dati dei cittadini Ue, coinvolti in gran numero dall’acquisizione impropria di informazioni da parte di Cambridge Analytica. Ma dal colosso di Menlo Park, ad oggi, non è arrivata nessuna risposta. Gli strumenti in mano ai deputati non sono molti, ma il Parlamento potrebbe adottare una risoluzione che chiede alla Commissione europea di proporre misure per prevenire gli abusi, oppure potrebbe decidere di costituire una commissione speciale per investigare le accuse e lavorare sulle possibili soluzioni.

Il nuovo regolamento Ue sulla protezione dei dati

Le rivelazioni sull'abuso dei dati Facebook sono arrivate a un mese e mezzo dall'entrata in vigore del Regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR, General Data Protection Regulation). Il testo stabilisce nuove regole che le società che operano nell'Unione europea devono seguire per consentire ai cittadini un maggior controllo sui propri dati personali. Il regolamento, che entrerà in vigore il 25 maggio, contiene ad esempio il diritto di sapere quando i dati in possesso di una società sono stati hackerati e il diritto di obiettare alla profilazione. Durante la sua audizione al Congresso Usa, a Mark Zuckerberg è stato chiesto se Facebook implementerà il Gdpr, ma la sua risposta, seppure positiva, è apparsa un po' incerta, come fa notare Claude Moraes, il presidente della commissione Libertà civili del Parlamento europeo.

Arrivano le nuove regole UE sulla privacy, ecco le novità

Verso nuove proposte sulla privacy online

Il Parlamento europeo, al di là del caso Cambridge, vuole anche assicurare la privacy per le comunicazioni elettroniche e ha avanzato la proposta di riforma della direttiva sull'e-privacy che applica alti standard di riservatezza, gli stessi delle telefonate, alle comunicazioni via messaggio come Messenger, Whatsapp e Skype. Nella proposta dell'Europarlamento per una privacy digitale è anche incluso un controllo più severo sull'uso dei dati, che devono essere impiegati solo per lo scopo per cui è stato dato il consenso, e sui meta dati, in modo che siano trattati in maniera confidenziale e non vengano trasmessi ad altri soggetti.

Leggi tutto
Prossimo articolo

SCELTI PER TE

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Schermata Home"

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Home"