Mattarella in copertina su Vanity Fair: "Ripartenza da cultura e arte"

Lifestyle

"Cara Italia ti scrivo" titola il settimanale in edicola che ospita il Capo dello Stato in copertina e con un suo testo esclusivo scritto per il magazine. “La cultura è, per definizione, plurale”, scrive il presidente nella sua lettera dal Colle

Per celebrare i 75 anni della Repubblica e il grande patrimonio artistico e culturale dell’Italia, Vanity Fair si affida al Presidente Mattarella, ritratto in copertina da Paolo Pellegrin e in un servizio che porta i lettori all’interno delle stanze del Palazzo del Quirinale. Con un testo esclusivo scritto per il magazine in edicola, il Presidente introduce un numero interamente dedicato alla rinascita culturale del nostro Paese.

Cultura e bellezza

“La cultura è, per definizione, plurale”, scrive il Presidente nella sua lettera. “Lo è nelle sue articolazioni, nelle sue ispirazioni e radici, nelle sue espressioni, nelle sue manifestazioni. Consiste in un dialogo che va perennemente coltivato per riannodare il rapporto tra arti e società, istituzioni, per avvalersi del loro contributo”. “La bellezza dell’Italia non manca mai di stupirci, sia se guardiamo al passato sia se rivolgiamo il nostro sguardo al presente. Dobbiamo far sì che lo stesso possa dirsi del nostro futuro. Ecco perché la ripartenza pone in primo piano l’esaltazione delle nostre risorse e virtualità culturali”. La lettera del Presidente è accompagnata da un reportage fotografico, sempre a firma Paolo Pellegrin, che ci porta nelle stanze del Quirinale. Scopriamo così come la storia del palazzo romano dialoghi anche con l’arte contemporanea e con i pezzi più famosi del design Made in Italy.

Viaggio per immagini nel Bel Paese

Il racconto prosegue con un viaggio d’autore per immagini firmato da un altro grande nome della fotografia internazionale: Alex Majoli. Per Vanity Fair il reporter è tornato su alcuni dei luoghi visitati da Sergio Mattarella durante la sua presidenza: dal Sacro Monte di Varallo ad Agrigento, attraverso le memorie dei grandi poeti Dante e Leopardi e le ferite inferte dal terremoto al paesaggio di Amatrice. Sono le tappe di un percorso teso a dimostrare come storia, cultura e arte rappresentino – nota il Presidente – “il volano di una crescita equilibrata, la sola che garantisce coesione, senso di appartenenza alla società, fiducia e rispetto”. 

Lifestyle: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.