Invitalia, dal 15 giugno via a domande per incentivi 'Voucher 3i'

Lavoro
©Getty
BERLIN, GERMANY - NOVEMBER 27:  German Chancellor and Chairwoman of the German Christian Democrats (CDU) Angela Merkel signs the three parties' coalition contract with Chairman of the German Social Democrats (SPD) Sigmar Gabriel and Chairman of the Bavarian Christian Democrats (CSU) Horst Seehofer (not pictured) at the Bundestag on November 27, 2013 in Berlin, Germany. The three parties worked their way through arduous negotiations on policy issues that concluded with a 17-hour overnight session last night in order to hammer out the final details that will make a new German coalition government possible. The agreement still requires approval by party delegates, which especially in the case of the SPD is uncertain.  (Photo by Sean Gallup/Getty Images)

L’obiettivo è valorizzare e tutelare i processi di innovazione delle imprese in Italia e all’estero

E’ tutto pronto per la partenza di ‘Voucher 3i-Investire in Innovazione’, il nuovo incentivo che sostiene le startup innovative nelle diverse fasi del processo di brevettazione: dall’idea alla domanda, fino all’estensione della tutela su nuovi mercati. L’obiettivo è valorizzare e tutelare i processi di innovazione delle imprese in Italia e all’estero. L'Agenzia nazionale per l'attrazione degli investimenti e lo sviluppo d'impresa ha reso noto che a partire da lunedì 15 giugno 2020 è possibile presentare domanda per richiedere l’incentivo promosso dal ministero dello Sviluppo economico e gestito da Invitalia.


Voucher 3i ha una dotazione finanziaria di 19,5 milioni di euro per il triennio 2019-2021 e consiste nel rilascio di un voucher per l’acquisto di servizi specialistici forniti da professionisti iscritti nell’elenco gestito dall’Ordine dei Consulenti in proprietà industriale (pubblicati nei rispettivi siti).


Un’opportunità, sottolinea Invitalia, "a costo zero per l’impresa beneficiaria, perché il voucher verrà pagato direttamente al fornitore prescelto. La startup dovrà solo confermare la corretta e completa erogazione del servizio richiesto". In particolare, il voucher può essere utilizzato per la verifica della brevettabilità dell’invenzione ed effettuazione delle ricerche di anteriorità preventive al deposito della domanda di brevetto (euro 2.000 + Iva), per la stesura della domanda di brevetto e di deposito della stessa presso l'Ufficio italiano brevetti e marchi (euro 4.000 + Iva), e per il deposito all'estero di una domanda che rivendica la priorità di una precedente domanda nazionale di brevetto (euro 6.000 + Iva).


L'Agenzia spiega inoltre che l’incentivo è concesso nel regime de minimis. Ciascuna startup innovativa può richiedere in un anno (12 mesi conteggiati a partire dalla prima richiesta) la concessione di massimo 3 voucher per singola tipologia di servizio: in totale, quindi, non più di 9 voucher. Inoltre, i voucher richiesti per il medesimo servizio devono far riferimento a diverse invenzioni/domande di brevetto. Le domande possono essere presentate esclusivamente online. La procedura informatica prevede la registrazione ai servizi online di Invitalia indicando un indirizzo di posta elettronica ordinario una volta registrati, l’accesso al sito riservato per compilare la domanda online e scaricare la documentazione da allegare. Invitalia fa sapere infine che non ci sono scadenze per la presentazione delle domande, l'Agenzia le valuta in base all’ordine di arrivo, fino a esaurimento dei fondi.

I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24