Coronavirus: italiani in smart working, 33% disponibile anche nel post emergenza

Lavoro
GettyImages_smart_wor

E’ quanto emerge da un’indagine sullo smart working promossa da Euromobility, alla quale hanno aderito oltre mille cittadini italiani

Il 33% degli italiani vorrebbe continuare a lavorare il più possibile in smart working al termine dell'emergenza sanitaria, il 54% in maniera limitata e solo il 13% non sarebbe disposto a continuare il lavoro agile una volta che ci saremo liberati del coronavirus. Sono questi i primi dati che emergono dall'indagine sullo smart working in Italia in periodo di coronavirus. A meno di una settimana dall'avvio, sono già oltre 1.000 i cittadini italiani ad aver aderito all'indagine sullo smart working promossa da Euromobility, il 64% dei quali sono donne e il 36% uomini.

I dati

Il 43% risiede e lavora nel nord del Paese, il 40% nelle regioni centrali e il 17% al sud o nelle isole. Il 45% si dichiara molto soddisfatto dell'esperienza di lavoro agile e il 47% abbastanza soddisfatto, solo l'8% poco o per niente soddisfatto. E, se consideriamo che il 63% dei rispondenti ha dichiarato di utilizzare normalmente l'automobile per recarsi al lavoro, se non perderemo l'occasione, questo periodo potrà consegnarci città meno congestionate e una migliore qualità della vita e del nostro tempo.

Il commento

Questa 'sperimentazione forzata', sottolinea Lorenzo Bertuccio, Presidente di Euromobility, "non può e non deve terminare quando l'emergenza sanitaria sarà rientrata. I primi dati confermano, se mai ce ne fosse stato bisogno, il gradimento da parte dei lavoratori e delle aziende e il contributo che lo smart working può dare per ridurre la congestione e migliorare la qualità della vita nelle nostre città una volta che l'emergenza coronavirus sarà rientrata''.

I più letti