Pil: Istat, in 2019 ancora -4% rispetto a 2007, oggi momento difficile

Lavoro
pil_GettyImage

Il divario economico tra Nord e Sud del Paese “si è aggravato considerevolmente attraverso la crisi e il periodo di moderato recupero successivo”

L'Italia ancora non si è ripresa dalla crisi del 2008: lo scorso anno il livello del pil, in termini reali, è stato inferiore del 4% rispetto al picco del 2007, quello pro capite più basso del 6,5% e i consumi delle famiglie dell'1,7%. E' quanto emerge dal 'Rapporto sul territorio' dell'Istat, accompagnato da una prefazione del presidente, Gian Carlo Blangiardo, in cui si spiega che l'Istituto ha deciso di diffondere il documento “in un momento particolarmente difficile per il nostro paese”.

Una scelta che “vuole essere di auspicio perché, presto, sia possibile tornare a ragionare sul futuro, partendo dai dati del presente”, sottolinea il presidente. Nel rapporto si sottolinea che il divario economico tra Nord e Sud del Paese “si è aggravato considerevolmente attraverso la crisi e il periodo di moderato recupero successivo”.

Nel periodo 2008-2014, si legge nel rapporto, ''l'Italia ha attraversato la crisi più profonda e prolungata della storia post-unitaria, e la modesta ripresa successiva non ne ha cancellato gli effetti''. Una crisi che ''ha complessivamente ampliato i divari territoriali e influenzato la disponibilità di risorse, i comportamenti e i risultati''.

I più letti