Lavoro, Cnel: 12 nuovi disegni di legge e 78 audizioni nel 2019

Lavoro
Credits: Getty Images
treu_gettyimages

Nuovo corso per il Consiglio nazionale dell’economia e del lavoro. Il presidente Tiziano Treu: “Da gennaio ci impegneremo su tre fronti in particolare: welfare e pensioni, le difficoltà del sistema produttivo, il futuro dell’Europa”

Una nuova vita per il Cnel anche nel 2019. Dodici nuovi disegni di legge in aggiunta ai 22 depositati nei 60 anni precedenti di attività, 39 atti ufficiali di cui 20 indirizzati a Governo e Parlamento nella forma delle Osservazioni e Proposte, 187 iniziative ospitate nelle sale di Villa Lubin con oltre 11mila partecipanti, 78 audizioni di organizzazioni rappresentative su temi d’attualità, ma soprattutto oltre 25mila questionari compilati dai cittadini nelle prime due consultazioni pubbliche, su futuro dell’Europa e sicurezza stradale. Sono alcuni numeri relativi all’attività svolta nel 2019 dal Cnel, il cui nuovo corso è iniziato a giugno 2018 con l’insediamento della X Consiliatura.  

Archivio Nazionale Contratti con 909 accordi

Ci sono poi i numeri dell’Archivio Nazionale Contratti (909 accordi registrati) e quelli dell’attività internazionale dove il Cnel, anche attraverso i suoi consiglieri, è tornato ad essere voce autorevole presso il Cese, il Comitato Economico e Sociale Europeo, che nel giugno scorso ha scelto proprio l’Italia per la sua Assemblea annuale. Uno dei settori di punta del Cnel è, infatti, l’Archivio dei contratti collettivi nazionali e la correlata banca dati che somma oltre 40mila records e garantisce la conservazione di un patrimonio di dati di grandissimo valore che, grazie a un nuovo software, è maggiormente fruibile a tutti, rappresenta un unicum nella produzione di dati nella Pa.Altra novità significativa rispetto al passato è stata la periodicità mensile delle Assemblee, che si è resa necessaria in seguita all’intensificazione dell’attività istruttoria, come le Commissioni interne (52 sedute) e soprattutto dal numero di atti formali prodotti.

Il presidente Treu, “prossimi impegni, welfare e pensioni”

 “L’adesione dei cittadini alle due consultazioni pubbliche condotte, con il contributo dei corpi intermedi, è stata rilevante se paragonata ad iniziative analoghe di altri Paesi o della stessa Ue e sta a dimostrare da un lato che esiste una preziosa domanda di partecipazione e dall’altra che sussiste una capacità operativa del Cnel di intercettarla ed inserirla nei propri processi istruttori”, spiega il presidente Tiziano Treu. “Il principio di programmazione ha costituito l’elemento fondante di ogni nostra azione, sul piano organizzativo, funzionale e istituzionale - aggiunge - allo stesso tempo è stata attuata una riforma generale dei regolamenti del Consiglio che fosse improntata al superamento di ogni ostacolo rilevato sul percorso di un pieno recupero di operatività". “Da gennaio ci impegneremo su tre fronti in particolare: welfare e pensioni con il gruppo tecnico che lavorerà a una proposta legislativa, le difficoltà del sistema produttivo rispetto al quale vogliamo costituire il board della produttività con le più rilevanti istituzioni competenti, il sostegno alla conferenza sul futuro dell’Europa come già condiviso con il Ministro Enzo Amendola” conclude Treu. 

 

I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24