Polimi, Innovation challenge premiati i vincitori

Lavoro
polimi_gettyImages

I 23 progetti selezionati abbracciano diversi settori: dalle environmental & green technology all’industrial manufacturing, dall’ict al medtech, dall’iot agli smart product.

 

L’XI edizione di Switch2Product-Innovation Challenge, il programma che valorizza soluzioni innovative, nuove tecnologie e idee di impresa proposte da studenti, ricercatori, docenti, alumni del Politecnico di Milano, organizzato da PoliHub, l’Innovation District & Startup Accelerator del Politecnico di Milano gestito da Fondazione Politecnico, dal Technology transfer office del Politecnico di Milano e da Deloitte, oltre alla conferma per il secondo anno della partnership con l’Università Bocconi, si aggiungono le sezioni lombarde del Cnr. Per questa edizione il montepremi complessivo di oltre 200 mila euro messo a disposizione dal Politecnico per lo sviluppo tecnologico si è ampliato grazie alle ulteriori premialità messe a disposizione da Electrolux ed e-Novia, quali partner industriali per le startup che saranno in grado di rispondere ai bisogni di innovazione delle aziende. Il programma di trasferimento e potenziamento imprenditoriale si è ulteriormente arricchito della presenza di Poli360, il fondo del valore di 60 milioni di euro, nato dall'alleanza tra il Politecnico di Milano e 360 Capital Partners e dedicato al technology transfer.

I 23 progetti selezionati abbracciano diversi settori: dalle environmental & green technology all’industrial manufacturing, dall’ict al medtech, dall’iot agli smart product. I team vincitori saranno ammessi al programma di accelerazione imprenditoriale, finalizzato alla realizzazione del proprio progetto di innovazione che include il consolidamento delle competenze di team, la prototipazione e lo sviluppo del prodotto, la strategia per l’ingresso nel mercato e il contatto con i fondi di investimento, nonché il test del modello di business. Il programma di accelerazione è realizzato da PoliHub, l'innovation district & startup accelerator gestito dalla Fondazione Politecnico di Milano, dal technology transfer office (tto) e da Officine innovazione di Deloitte.

Eifom, Eye4Nir, Polymer Flakes e Bi Rex sono le soluzioni innovative selezionate dal Politecnico di Milano per ricevere il grant S2P da 30.000 euro ciascuno dedicato alla prima prototipazione e validazione in campo della tecnologia proposta. E', invece, Diag Nose ad aggiudicarsi il grant disruptive innovation, del valore di 60.000 euro, consegnati dal rettore, per essersi distinta per il carattere di radicalità dell’innovazione proposta. 

A SOS Cooks e Celtis il grant di Electrolux di 30.000 euro ciascuno mentre a HMDrive e Lamp il grant, sempre di 30.000 euro ciascuno, di e-Novia. A FreSH Megnets il grant di 30.000 euro di Cnr. Il progetto Gel Proximity, grazie al premio Mip, avrà la possibilità di accedere gratuitamente ai corsi dell’Academy, offerti dalla business school del Politecnico di Milano.

Tutti i progetti vincitori avranno inoltre la possibilità di essere supportati nella promozione e divulgazione delle loro idee verso stampa specializzata, industrial partner e investitori e potranno accedere a spazi comuni, servizi e facility presso PoliHub per tutta la durata del percorso di accelerazione.

"Aumentare il nostro impatto - ha affermato Ferruccio Resta, rettore del Politecnico di Milano - sul sistema economico e sociale, mantenere l’individuo al centro dello sviluppo tecnologico, avvalerci di spazi attrezzati e di una visione aperta e condivisa con gli attori imprenditoriali sono fattori chiave sui quali il Politecnico di Milano punterà nei prossimi anni. Aspetti che trovano conferma in S2P, una competizione che cresce in termini di partecipazione da parte delle aziende che, insieme a Deloitte, la sostengono; che colleziona un numero crescente non solo di candidature, ma anche di brevetti; che investe risorse dedicate su soluzioni che raccontano di un’innovazione vicina ai bisogni delle persone. Ma soprattutto, una competizione che si è distinta nel tempo come un vero e proprio marchio di garanzia".

"Switch2Product - ha aggiunto Andrea Poggi, innovation leader di Deloitte North & South Europe - è ormai una tradizione e questa terza edizione è infatti segnale di una partnership tra Deloitte, Politecnico e Polihub che si rafforza di anno in anno e dà vita a iniziative che fungono da polo di attrazione e di sviluppo di innovative soluzioni per tutti gli attori che vogliono giocare un ruolo centrale nella partita dell’innovazione".

"Anche quest’anno - ha detto - Deloitte ha messo in campo alcune delle sue competenze distintive e le skill di Officine Innovazione, la società del network impegnata a sviluppare l’ecosystem, il mondo delle startup e dei venture capital per identificare asset e soluzioni tecnologiche innovativi da accelerare e innestare nelle soluzioni degli altri business Deloitte per fornire innovazione sempre più solida e concreta ai nostri clienti. La conoscenza del mercato di Deloitte, integrata con la profondissima capability tecnica in svariati settori del Politecnico di Milano ha permesso a S2P di crescere ulteriormente anche per il grado di innovatività raggiunta".

"Switch2Product - ha sottolineato Stefano Mainetti, ceo di PoliHub - è la piattaforma di trasferimento tecnologico di riferimento in Italia. I numeri in crescita ce lo confermano, così come la qualità delle iniziative presentate. Alle comprovate competenze sui temi del trasferimento tecnologico del Politecnico di Milano, PoliHub unisce le proprie skill di selezione e accelerazione dei migliori team imprenditoriali, giunti alla fase finale della challenge, con la consapevolezza che il vero lavoro inizia oggi e la sfida è continuare a migliorare i record storici di questa challenge".

Switch2Product è il programma organizzato dal technology transfer office (tto) del Politecnico di Milano, da PoliHub innovation district & startup accelerator e da Deloitte che valorizza soluzioni innovative, nuove tecnologie e idee di business proposte da studenti, ricercatori e docenti del Politecnico di Milano, offrendo loro risorse economiche per supportare lo sviluppo tecnologico e un percorso di accelerazione di business dedicato. L’XI edizione, a valle delle oltre 500 manifestazioni di interesse, ha raccolto oltre 150 candidature ammesse. Le migliori 70 idee selezionate nella prima fase hanno avuto accesso al Workshop idea development & pitch, workshop che ha aiutato i team proponenti a strutturare una presentazione efficace della propria idea innovativa.

I progetti hanno poi affrontato un’ulteriore selezione, passando da 70 a 30 finalisti e questi ultimi hanno avuto accesso all’Innovation Boost Program, il percorso a quattro tappe di empowerment tecnologico e imprenditoriale progettato su misura per valorizzare il potenziale innovativo e di business delle idee e definire un concreto piano di sviluppo grazie al supporto dei professionisti di Politecnico, Polihub e Deloitte. Fra i 30 finalisti sono poi stati selezionati 20 progetti vincitori. Alla giornata di premiazione hanno preso parte Andrea Poggi, Innovation Leader, Deloitte North & South Europe, Ferruccio Resta, Rettore, Politecnico di Milano, Barbara Colombo, Technology Transfer Office, Politecnico di Milano, Stefano Mainetti, ceo, PoliHub, Gabriele Secol, Director, Deloitte Italia, Claudia Pingue, direttore generale PoliHub, oltre ai manager di Electrolux ed e-Novia, tutti i team finalisti e la giuria composta da importanti referenti del settore industriale, business angel e venture capitalist e invitati speciali.

I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24