Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video

Venezia, al Festival l'amore per le donne

Getty Images
3' di lettura

Al Lido storie di donne, non necessariamente raccontate da donne

Oggi riflettevo su una cosa: sul fatto che le storie al femminile sono le mie preferite. Non dico che siano sempre e necessariamente le migliori, dico solo che spesso sono quelle che più mi emozionano. Volendo trovare un filo conduttore di questa seconda giornata di Festival, ecco lo troverei nelle donne. I film in Concorso di Alfonso Cuaron e Yorgos Lanthimos hanno all’apparenza poche cose in comune. Nel primo siamo negli anni ’70 a “Roma” (che non è la “caput mundi” ma il quartiere omonimo di Città del Messico), nel secondo siamo alla corte della Regina Anna, nell’Inghilterra dei primi del ‘700. In entrambi però sono le donne a dettare legge, a volte in senso figurato, altre in senso pratico e persino politico.

Una questione di Cuaron

Cuaron mette in scena una biografia in bianco e nero e parla “delle sue due mamme”, dice lui. Delle due donne, la madre e la governante Cleo che l’hanno cresciuto, con rigore e amore, complicità e fatica, tra le tensioni sociali nel sottofondo. Sono donne diverse anche per estrazione sociale, entrambe affrontano una sofferente separazione ma riescono ad unirsi prima nel dolore e poi nel necessario istinto alla sopravvivenza. Non sono per nulla unite, anzi, le cortigiane di “La favorita” che con avidità, inganno e arte della seduzione cercano di accaparrarsi il favore, appunto, della regina. Emma Stone, che ha gettato il Lido nel panico (inteso come delirio di fan assiepati a ogni angolo nella speranza di rubarle un autografo) ha detto una cosa che mi ha molto colpita: “Nel film scordatevi la sorellanza. Il mio personaggio va capito perché è una sopravvissuta”.

Due modi opposti di reagire al dolore

Ecco qui la mia riflessione: due modi, opposti, di reagire al dolore. Il primo che porta alla compassione, il secondo che porta alla crudeltà. Ai Festival, da Cannes a Venezia, si dice che ci siano poche “quote rosa” e pochi film di registe donne. Secondo me però la questione è altrove: se ci sono pochi film di registe donne è perché ne vengono prodotti pochi. Se ne vengono prodotti pochi quindi il problema è a monte e non a valle, e i Festival ovviamente arrivano per ultimi selezionando ciò che è stato fatto. Quindi se vogliamo andare oltre, possiamo dire che, in generale, sono molti i film che si concentrano sull’universo femminile, per fortuna, con le sue mille sfaccettature. Siamo brave insomma a fare quello che facciamo, perché lo facciamo sempre con il cuore. Persino odiare. E il cinema ce lo ricorda sempre.

Leggi tutto
Prossimo articolo
Segui Sky TG24 sui social:

SCELTI PER TE

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Schermata Home"

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Home"