"It's coming home", il significato del motto dell'Inghilterra

Il sostegno dei tifosi inglesi durante i mondiali di Russia 2018 (Getty Images)
4' di lettura

Il cammino inglese nella coppa del mondo è accompagnato da una frase che è presto diventata un tormentone e accompagna la speranza degli inglesi di sollevare di nuovo il trofeo più importante

Con l'avvicinarsi della fine dei mondiali di calcio Russia 2018, in Inghilterra e sul web "It's coming home" è diventato un tormentone. Nato 22 anni fa, ai tempi di Euro '96, come brano musicale, è diventato poi il motto di tutti i tifosi inglesi che, a un passo dalla gara decisiva, ora sperano di riportare in patria la coppa del mondo dopo un'attesa di 52 anni.

L'originale "Three Lions"

Il brano da cui nasce tutto si chiama, in realtà, “Three Lions (Football’s Coming Home)”. Fu scritto 22 anni fa dalla band The Lightning Seeds per celebrare lo svogimento, proprio in Inghilterra, dell'Europeo di calcio. Oltre a ritornare in classifica negli anni di Mondiali ed Europei, su Spotify il brano è stato ascoltato più di un milione di volte, con un picco significativo in corrispondenza della vittoria contro la Svezia dello scorso weekend. Il ritornello principale recita: "It’s coming home, it’s coming home, it’s coming. Football’s coming home". Il significato di questo verso è letteralmente: “Sta tornando a casa […], il calcio sta tornando a casa”. 

Come nasce il tormentone

Quando The Lightning Seeds cantavano che "il calcio stava tornando a casa" si riferivano al torneo internazionale che l'Inghilterra ospitava in patria, per la prima volta dopo tre decenni di attesa. Del resto, come sostiene Thomas Johnson sul Washington Post, l'Inghilterra è stata la culla del calcio moderno: quindi era anche lo sport stesso - come sostiene la canzone - che tornava a casa. Pian piano, poi, il significato del brano è cambiato e ha iniziato ad accompagnare le speranze dei tifosi di poter far bene nella Coppa del mondo. L'unica vittoria è datata 1966, l'ultima semifinale fu giocata a Torino nel 1990. In questa estate 2018, "It's coming home" è diventato il modo per esorcizzare le paure e sperare che la squadra possa davvero "riportare la vittoria a casa".  

Ondata di meme e tweet

L'accesso dell'Inghilterra alle semifinali dei Mondiali Russia 2018 ha dato il via ad una vera e propria invasione dei social con meme legati l motto "It's coming home". Scene cult di alcuni film o serie tv sono diventate la base per riproporre il contagioso ritornello.

Anche molte aziende hanno sfruttato l'euforia nata attorno a "It's coming home" per lanciare alcune pubblicità, come ad esempio la British Airways, il cui biglietto aereo è un capolavoro di ironia e instant marketing.

Il messaggio positivo

Sul web, il fatto che gli inglesi (fra cui parecchi vip di oltremanica) abbiano iniziato a invadere i social con il proprio mantra già dalle prime vittorie contro Tunisia e Panama ha attirato parecchie critiche e la feroce ironia dei tifosi avversari. Tuttavia, come ha ben spiegato su Football365 Daniel Storey, "It's coming home" non sottolinea tanto l'aspettativa di un trionfo, quanto l'entusiasmo per quello che la squadra sta facendo vivere, dopo anni di magra, ai suoi sostenitori. E, in senso più ampio, un formidabile inno all'ottimismo, "alla vita e al godersi ogni minuto, perché niente dura per sempre".

Leggi tutto
Prossimo articolo

SCELTI PER TE

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Schermata Home"

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Home"