Esplosione bombole gas nel Reggino, un morto e due feriti

Cronaca

E' accaduto in un fabbricato col tetto in lamiera di Bagnara Calabra. A causare lo scoppio, stando alle prime indagini, potrebbe essere stata una bombola di gas. Sul posto stanno lavorando le squadre dei Vigili del Fuoco

ascolta articolo

Una persona è morta, un'altra è rimasta ferita in modo grave e un'altra ancora è sotto shock, in ospedale, dopo lo scoppio di alcune bombole di gas in un locale adibito a deposito di attrezzi in contrada "Pezzolo" di Bagnara Calabra, nel Reggino. La persona deceduta è un ferroviere, Domenico Venuto, sposato, con figli, mentre il ferito più grave si chiama Rocco Velardo, proprietario del capannone. L'altro ferito, secondo quanto si apprende, non è in gravi condizioni. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco ed i carabinieri. I feriti sono ricoverati negli Ospedali riuniti di Reggio Calabria. Secondo quanto è emerso dai primi accertamenti, lo scoppio delle bombole sarebbe da collegare a cause accidentali. Si esclude, dunque, l'origine dolosa.

Una vittima e due feriti

approfondimento

Esplosione a Molini di Triora: tre ragazzi fuori da 'intensiva'

La costruzione in legno con tetto in lamiera contenete attrezzi di lavoro esplosa si trova nei pressi della frazione Favazzina. Uno dei due feriti ha perso un braccio e l'altro è sotto shock in ospedale. Secondo quanto riferito dai Vigili del Fuoco, nel locale era in corso un'attività di "fonderia casalinga". A scoppiare è stata una bombola di Gpl. Qualcosa ha creato una sacca di gas che ha innescato lo scoppio. I Vigili del Fuoco sono all'opera per spegnere le fiamme. 

Cronaca: i più letti