È morto Claudio Coccoluto, il dj avrebbe compiuto 59 anni ad agosto

Cronaca
©Kika Press

Conosciuto in tutto il mondo, si è spento tra l'1 e il 2 marzo nella sua casa di Cassino. Era nato a Gaeta, in provincia di Latina, il 17 agosto 1962. È stato il primo artista europeo a esibirsi nel Sound Factory Bar di New York. Da un anno combatteva contro una grave malattia. Il ministro Franceschini: "Con le sue note e la sua musica all'avanguardia ha fatto ballare intere generazioni"

È morto il dj di fama mondiale Claudio Coccoluto (FOTOSTORIA - VIDEO). Conosciuto in tutto il mondo per la sua musica da discoteca, avrebbe compiuto 59 anni ad agosto e da un anno combatteva contro una grave malattia. L'artista si è spento nella notte tra l'1 e il 2 marzo nella sua abitazione di Cassino. Proprio ieri il Comune di Cassino aveva annunciato la realizzazione di un murale a lui dedicato.

La carriera di Coccoluto

approfondimento

È morto Claudio Coccoluto, tra i più importanti dj italiani

Nato a Gaeta (in provincia di Latina) il 17 agosto 1962, Coccoluto ha iniziato a fare il dj nella sua città d'origine a 13 anni, per hobby, nel negozio di elettrodomestici del padre sul Lungomare Caboto. A partire dal 1978 ha cominciato a far conoscere la sua voce via etere attraverso la radio locale Radio Andromeda. Dal 1985 ha fatto della radio e della consolle la sua professione: le sue prime esperienze nei locali sono state al Seven Up di Gianola e all'Histeria di Roma, dove ha sostituito Corrado Rizza affiancando il dj Marco Trani.  Da lì un'escalation che lo ha portato a esibirsi in alcuni dei locali più noti al mondo. È stato lui, ad esempio, il primo artista europeo ad esibirsi nel Sound Factory Bar di New York. Sempre al passo con i tempi, amava sperimentare sonorità nuove della musica elettronica, che lui stesso definiva underground, per poi segnare uno stile personale che miscelava i generi più disparati. Ricercatissimo per i compleanni di personaggi noti, per serate organizzate da grandi aziende ed eventi musicali come gli Mtv Awards, nel 2003 Pippo Baudo lo chiamò nella giuria di qualità di Sanremo, dove poi è tornato per altre due volte.

Il ricordo del suo amico Giancarlino

Tra i primi a ricordare Coccoluto, il suo amico e socio Giancarlo Battafarano, in arte Giancarlino: "Se ne va il maestro più grande e l'amico di sempre. Ha dato cultura alla musica nei club come dj e artista fuori dal coro. Sempre pronto a metterci la faccia con i media sia per gli aspetti gioiosi sia per i problemi del nostro settore. Con lui se ne va una parte di me". Un saluto al dj arriva anche dal ministro della Cultura, Dario Franceschini: "Con Claudio Coccoluto scompare un protagonista della scena creativa italiana e internazionale che con le sue note e la sua musica all'avanguardia ha fatto ballare intere generazioni di ragazzi e ragazze. Un artista che amava la contaminazione delle arti. Mancherà a tutti noi".

Claudio Coccoluto
Claudio Coccoluto - ©Kika Press

Cronaca: i più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.